[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

La favola del carbone pulito_con cortesia di pubblicazione e di partecipazione




 
 

Facciamo un appello alla stampa che troppo spesso ignora i i problemi dei cittadini.

Vorremo leggere sui nostri mezzi di informazione oltre fatti di cronaca portati all’ossessione e cronaca di una

politica che  troppo spesso è lontana dal paese  le difficoltà di una  quotidianità che non ha colore politico.

E’ vero che il giornalismo e nelle mani della politica,ma è anche vero che la politica è nelle mani del giornalismo.

Grazie

“Affinché noi pazzi di oggi

non saremo i saggi di domani”

La centrale a carbone di Torrevaldaliga Nord

 

brucerà 3.900.000 ton. all’anno di  Carbone

 

producendo  375.000 ton. all’anno di  ceneri

 

con un emissione di fumi pari a 8.400.000 m3 all’ora per 17 ore al giorno e 6.500 ore l’anno

Tali emissioni contengono

 

  • 5.850 ton. all’anno d’ossidi d’azoto
  • 3.900 ton. all’anno d’ossidi di zolfo
  • 780 ton. all’anno di particolarato
  • Metalli pesanti (mercurio, arsenico, vanadio, nichel, cromo, ammoniaca, etc)
  • Radionuclidi
  • 67 sostanze ritenute cancerogene e/o mutagene proprie della combustione del carbone, di cui 55 interferiscono patologicamente con lo sviluppo del cervello e del sistema nervoso e  24 sono dimostrate  carcinogene
  • 10.730.000 ton. all’anno di anidride carbonica (CO2)

 

I dati epidemiologici, già oggi, parlano di alte percentuali di tumore polmonare pleurico e alla trachea, di malattie linfatiche ed emopoietiche, di un aumento dell’incidenza di insufficienza renale cronica e di una crescita esponenziale di asma bronchiale ed allergie.

Quantificando economicamente i danni alle persone ed all’ambiente. ne risulta l'amaro conto di €.200 milioni per la mortalità, €.100 milioni per le patologie meno gravi e circa €.600 milioni che il popolo italiano dovrà pagare come multe  per lo relativo sforamento del protocollo di Kyoto.

 

Ma quale carbone pulito! È questa la fabbrica della morte che vogliono imporre alla Italia Centrale

FERMIAMOLA  -  Uniti possiamo riuscirci

MANIFESTAZIONE

sabato 24 maggio ore 10,00 in Piazza G. Matteotti a Tarquinia(Vt)

Segreteria organizzativa: 328 7182629 - 329 7924124

noalcarbone at gmail.com

nocoketarquinia at yahoo.it

www.nocoketarquinia.splinder.com

Chiunque volesse aderire anche virtualmente può inviarci un e mail di  adesione.

La forza è anche nel sapere di non essere soli.

Per chi ha ancora voglia di leggere:

                                                             La favola del" CARBONE PULITO ".

(Smascheramento di un bluff scientifico e mediatico)

Dal 1999 (anno sfortunato in cui Enel Spa chiese al Governo di “rottamare” la obsoleta centrale di TVN ad olio combustibile per sostituirla con un’altra a carbone) il mondo scientifico italiano (universitario e imprenditoriale) ha fornito avvilente spettacolo della propria inadeguatezza intellettuale e della propria incompetenza tecnologica riguardo alle metodiche impiantistiche da applicare alle sfide dello sviluppo energetico sostenibile.

Gli scienziati delle varie discipline (chimici, biologi, ecologisti, medici, ingegneri) si sono accapigliati animosamente (alcuni di Essi NON per spirito di verità ma per interessi di bottega) a diffondere confusione sia nell’opinione pubblica sia nelle Istituzioni pubbliche sia nel mondo imprenditoriale.

L’unica entità plutocratica italiana (orrenda chimera economico - politica, famelica e cinica, nemica dell’articolo 43 e sorda ai richiami etici dell’articolo 32 della nostra  Costituzione) a non essere scalfita dalle diatribe scientifiche è l’ENEL, tutt’ora ibrido  “pubblico - privato” per la quale gli appetiti economici prevalgono sul bene comune. Impavidamente e protervamente  Essa gestisce i conflitti scientifici e i narcisismi professorali universitari elargendo blandizie agli ipotetici oppositori e riducendo al silenzio  e irridendo ai conati di dissenso dei sempre più rari  difensori della verità.

Il metodo aureo (sia nel senso letterale che metaforico), usato per contrabbandare le verità pseudoscientifiche, consiste  in una capillare opera di disinformazione sistematica, con campagne mediatiche costose e sfrontate (convegni autoreferenziali, interviste fumose  a personaggi di basso profilo scientifico, sponsorizzazioni ed elargizioni  plateali ammantate di umanitarismo a buon mercato, visite guidate di acritiche scolaresche universitarie invitate nella “casa madre” dell’oste che mesce il suo buon vino, sopralluoghi di personalità istituzionali straniere che fungono da apostoli e propagandisti nel mondo  della strabiliante tecnologia del carbone pulito made in Italy).

A nulla sono valse le esplicite e reiterate asserzioni di personalità super partes (il premio Nobel Rubbia ha bollato come “improponibile” la produzione di energia pulita da carbone sporco; gli Istituti scientifici hanno dimostrato i rischi connessi alla combustione di prodotti fossili; gli Osservatori epidemiologici pubblici hanno diffuso allarmanti statistiche di patologie da inquinanti; l’OMS da decenni  avverte i governanti del mondo  affinché  evitino l’installazione  di maxipoli energetici induttori di grave impatto ambientale).

Ora c’è un’ulteriore fonte d’informazione, “libera” da condizionamenti plutocratici e accessibile al popolo del Web, sulla enciclopedia mediatica Wikipedia alla voce “carbone pulito”. Ne riassumiamo i punti-chiave:

1° L’unica tecnica d’avanguardia definibile come “pulita” è quella che si sta sperimentando dal 2003 negli Stati Uniti  (NON qui a Civitavecchia!)  e che si definisce “Ciclo Combinato di Gassificazione Integrata del Carbone” (IGCC). Tale processo avanzato di gassificazione del carbone procurerà molti vantaggi perché sarà contemporaneamente più efficiente e meno inquinante dell’attuale processo di semplice combustione del carbone, chiamato Combustione del Carbone Polverizzato (PCC) e previsto nella costruenda centrale di TVN. Ne deriva che, scientificamente parlando, soltanto il processo in fieri (il GCC), una volta perfezionato  e attuato,  potrà fregiarsi del  titolo di “impianto a carbone pulito ad impatto ZERO!” La propaganda – ENEL è quindi  un condizionamento pseudoscientifico, purtroppo avallato dal dissennato comportamento di Autorità Accademiche poco libere e nient’affatto super partes…. Tanto che  in Wikipedia si asserisce, senza mezzi termini, che  “in Italia, nell’area di Civitavecchia, dal 2003 l’ENEL sta facendo investimenti nelle tradizionali tecnologie a combustione solida PCC e, quindi, NON a carbone pulito”!

2° “Gli impianti PCC, come quelli in costruzione a Civitavecchia, rilasciano emissioni nocive  di metalli pesanti e nano polveri al punto da causare un elevato tasso di mortalità nelle popolazioni esposte fino a 300 km dal punto di emissione dei gas”.

Se non faremo tesoro di queste informazioni scientifiche, libere da condizionamenti economici e politici, continueremo ad essere un popolo di poeti, santi, martiri e… inquinatori, arrecando danni all’ambiente, alla salute e all’economia  della nostra bella Italia “non donna di province  ma bordello”.

Il Coordinamento dei Medici e dei Farmacisti per la tutela della salute e dell’ambiente .