[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

nave per trasporto nucleare- primi finanziamenti di Scajola ai nuclearisti



FINCANTIERI: 70 MLN PER NAVE TRASPORTO RIFIUTI RADIOATTIVI
 Stampa          I
(AGI) - Genova, 28 lug. - Nel corso dell'incontro che il Ministro dello sviluppo 
economico Claudio Scajola ha avuto oggi a Mosca con Sergey Kiriyenco, Direttore generale 
dell'ente per l'energia atomica Rosatom, Fincantieri ha firmato un contratto per la 
costruzione negli stabilimenti liguri del gruppo di una nave destinata al trasporto di 
combustibile irraggiato e rifiuti radioattivi derivanti dallo smantellamento di 
sommergibili nucleari russi. Infatti, il 5 novembre 2003 il Governo italiano e quello 
della Federazione Russa hanno firmato un accordo di cooperazione per lo smantellamento 
dei sottomarini nucleari radiati dalla Marina russa e per la gestione sicura dei rifiuti 
radioattivi e del combustibile nucleare esaurito. L'accordo, ratificato dal Parlamento 
italiano, prevede un impegno economico per l'Italia di 360 milioni di euro nel corso di 
10 anni e contempla progetti di cooperazione anche in altri settori. La Sogin - Societa' 
Gestione Impianti Nucleari svolge il ruolo di coordinamento dell'intervento italiano. 
L'ordine, acquisito sulla base di un progetto Fincantieri altamente innovativo, ha un 
valore di oltre 70 milioni di euro e sara' finanziato con fondi stanziati del Ministero 
dello sviluppo economico, la cui azione e' risultata decisiva per assicurare la 
prestigiosa commessa alla societa' italiana. La stipula del contratto, resa possibile 
anche grazie alla collaborazione con la Marina Militare Italiana, che ha svolto il ruolo 
di financial advisor per il Ministero, ha visto coinvolte piu' parti. In veste di 
committente il Centro federale per la sicurezza nucleare - che gestisce tutti i progetti 
internazionali per la riabilitazione degli impianti nucleari e radioattivi pericolosi 
nella regione Nord-Ovest - che ha ordinato questa nave a beneficio della flotta della 
societa' armatrice Atomflot, utilizzatore finale.
  Garante dell'operazione e' Rosatom, in qualita' di organo competente per la 
realizzazione dei progetti finanziati dall'accordo di cooperazione. Parte avallante 
dell'accordo e' il Ministero dello sviluppo economico italiano. L'unita', consegnata 
nella primavera del 2011, sara' costruita sotto la sorveglianza del Registro navale russo 
nel rispetto dei piu' stringenti standard internazionali previsti per il trasporto di 
contenitori per combustibile nucleare esaurito e di scorie radioattive. Quanto 
smantellato nelle basi navali e nei cantieri navighera' fino ai porti nei quali, a mezzo 
ferrovia, il materiale verra' trasferito ai siti di trattamento e stoccaggio. Questa nave 
multifunzione sara' lunga 84 metri, larga 14, avra' un'immersione a pieno carico di 4,05 
metri, una capacita' di carico di 720 tonnellate, una portata lorda di 1700 tonnellate e 
potra' viaggiare alla velocita' continuativa di 12 nodi. (AGI)