[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

I mali morali e fisici della televisione - Lettera Aperta ai teledipendenti da Paolo D'Arpini



Televisione.... ?

Ricevo una lettera di European Consumers e dell'Aduc, due associazioni a tutela dei 
consumatori, con l'invito a disdire il canone TV Rai (entro il 31 dicembre 2008), un 
abbonamento che viene considerato illegittimo sulla base di varie considerazioni 
tecnico-giuridiche.

Concordo, ma vorrei superare questo problema saltando a piè pari oltre la televisione. 
Soprattutto vorrei chiedere "ma chi ce lo fa  fare a restare schiavi della televisione?"  
Inutile e frustrante è chiedere il miglioramento dei programmi, quando è evidente che i 
programmi sono solo
influenzati dalla pubblicità. La televisione e tutto l'accrocco ad essa connesso è una 
grossa speculazione finanziaria a danno degli allocchi che ci cascano.   L'apparecchio in 
se stesso è pure inquinante con le sue
emissioni catodiche, è un passatempo passivo e impigrente che rende lo spettatore 
deficiente e debole di pensiero.  Inoltre il consumo elettrico per far funzionare questo 
apparecchio è  il più sprecato di qualsiasi altro, come  avviene  per  tutti gli altri 
elettrodomestici inutili.

Dico agli amici  che mi leggono non solo  di  non pagare il canone   ma perché continuare 
a farsi del male, perché restare masochisti così a lungo, perché intristirsi con una 
droga così futile, come è la televisione?

Veramente  propongo di andare  al fondo del problema.... consiglio l'evizione del mezzo 
inquinante... (sia per il corpo che per la mente), consiglio a tutti la rinuncia alla 
televisione ed alle sue pompe.... Vorrei che la televisione venisse completamente 
eliminata come oggetto casalingo dalle
abitazioni degli italiani (che finalmente potranno gustare un po' di silenzio e quiete). 
Non solo per protestare contro la Rai  ma  per come viene utilizzata da tutte le altre  
emittenti:  mediaste montecarlo bbc vattelapesca  e  via cavo comprese.

La televisione è un mezzo di comunicazione assolutamente  passivo, vi viene trasmesso 
solo quello che ha deciso il gestore, come mezzo di informazione è obsoleto e parziale 
(molto meglio internet), inoltre è diseducativo e volgare (basta vedere i risultati di 
trasmissioni ridicole come l'isola dei famosi, etc).

Debbo confessarvi che non ho mai acquistato in vita mia un apparecchio televisivo, al 
massimo assisto (contro la mia volontà) a qualche breve spezzone di stupidità mediatica 
quando vado al bar per il rito del cappuccino. Non sento assolutamente la mancanza della 
televisione ed invito tutti voi che leggete a rinunciare a questo apparecchio per bambini 
viziati e pigri. Ne trarrete enormi vantaggi in intelligenza ed equanimità, ve lo 
assicuro....

Vostro affezionato, Paolo D'Arpini
www.circolovegetarianocalcata.it