[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Quando ti manca 1 per far 31.... ovvero la condizione strana dell'esserci "quasi"! - Disavventure buffe narrate da un prossimo 65enne - Lettera condivisa -



Stamattina come di consueto ho affrontato la salita ripida di Via Cadorna per arrivare al 
paese nuovo, il mio solito appuntamento con il "mondo" e con il cappuccino caldo mi 
aspetta e non posso mancare...

Nella piazza  Risorgimento  noto che il grande abete simboleggiante il natale è stato 
infiocchettato con qualche nastro rosso.  "Beh è già qualcosa -mi dico- anzi è persino 
meglio dell'abete che sta al paese vecchio pieno di palle e oggetti strani, almeno questo 
assomiglia ad un albero vero..".
Ottemperato al rito del cappuccino caldo mi accingo a ritornarmene a valle,  mentre pago 
il conto chiedo al barista se posso prendere la vecchia copia del giornale che sta lì in 
un angolo e lui fa segno di sì  con indifferenza, la moglie
che è  al suo fianco, sapendo che di solito chiedo i giornali quando c'è qualche articolo 
 su Calcata (ma non sapendo che spesso lo faccio semplicemente per recuperare un po' di 
carta per accendere il fuoco), mi fa: "Che c'è qualche articolo ?" Ed io di rimando "Solo 
un trafiletto sulle feste di natale, la messa solenne al paese vecchio etc. quello che 
sta scritto sul manifesto qui fuori" e lei "Tanto questo è l'ultimo anno che fate festa.. 
dall'anno prossimo la messa solenne sarà qui perché la chiesa di Portoghesi sarà 
completata e giù non ci veniamo più..". Rimango un po' interdetto ma aggiungo "ci penserà 
Don Henry che dice messa due volte ogni domenica" Ma questa battuta  mi sembra più che 
altro una difesa d'ufficio
verso la categoria degli emarginati del paese vecchio, del quale anche Don Henry fa 
parte, essendo anche lui un emarginato, ex parroco di Rignano Flaminio punito dalla curia 
per aver   difeso le maestre incriminate nella scandalo della scuola elementare.. "Uno 
che studiava da vescovo -è il
commento di un calcatese- ed ora è diventato sotto-prete a Calcata vecchia..".

Tutto questo discorsetto mi ha fatto venire in mente come sia strana e scomoda la 
posizione di coloro a cui manca sempre 1 per far 31.. Questa è anche la mia condizione. 
Ad esempio qualche giorno fa mi scrisse  un amico avvocato consigliandomi di far domanda 
per la Social Card   "Anche se è solo una berlusconata almeno ti danno 40 euro al mese e 
per te che non hai nulla sarà qualcosa..". Fiducioso sono andato alla Posta a raccogliere 
informazioni e lì ho scoperto che non potevo accedere alla Card.  "Mi spiace lei non ha 
ancora compiuto i 65 anni - ha detto l'impiegata gentile- e perciò non ha diritto 
all'assistenza.." - "Io sono nato nel giugno del 1944 e compio i 65 nel 2009 -ribatto- ci 
sarà ancora il prossimo anno questa convenzione?" - "Non sappiamo nulla,  da quanto ci 
risulta è valida solo quest'anno". Così "liquidato" visto che malgrado tutto ho versato 
parecchi soldi allo Stato quando lavoravo in proprio, non avendo però maturato abbastanza 
contributi per una normale pensione, ho telefonato al Patronato per avere informazioni 
sulla pensione sociale, quella che danno a tutti.
"Venga  qui in primavera a far domanda per ora non possiamo far nulla" E' stata la 
risposta. Allora ho pensato di consolarmi con il pacco dono che il Comune da agli anziani 
ogni anno. "Quanti anni hai - mi chiede l'assessore- guarda che i pacchi dono sono 
riservati solo a coloro che hanno già compiuto i 65 anni!" Freddato in partenza e non 
avendo potuto controbattere poiché l'assessore era stato adamantino sul limite di età... 
mi è toccato rinunziare anche al panettone di natale.

Attenzione,  mica ce l'ho con nessuno per questa situazione, in fondo son contento di 
avere "solo" 64 anni (e mezzo) e non 65 almeno son più giovane di un anno....  
Allegria....!

Paolo D'Arpini
www.circolovegetarianocalcata.it