[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Memoria di un passato che è ancora tutto presente.... nel ricordo di Paolo D'Arpini - Lettera condivisa -



Cari amici, mi sia consentito mescolare il "futile all'utile"   -d'altronde questa operazione è già stata fatta da Benigni nel suo film "la vita è bella".... - il fatto gli è che oggi   27 gennaio è  il  dì  in cui rorre la giornata della memoria.  In questa data del 1945 le truppe sovietiche raggiungevano i cancelli di Auschwitz e l’orrore di quanto era accaduto ed altrove accadeva ancora fu evidente a ...

Non voglio raccontarvi tutta la storia... ma qualcosa voglio suggerire... io personalmente debbo ringraziare i miei nonni che in tempo utile cambiarono  cognome e si convertirono al cristianesimo evitando così l'estinzione quasi certa e consentendo allo stesso tempo la mia nascita.  Sono contento di essere nato e sono contento di non essere più né ebreo nè cristiano nè nulla di tutto ciò che è virtuale e sovrimposto.  Con la mia nascita nelle condizioni in cui sono nato ho avuto a possibilità di scoprire l'universalità dell'essere umano, il suo essere uomo aldilà di ogni etichetta. Perciò posso permettermi oggi di commemorare questa data con un piccolo pezzetto della mia memoria personale... la memoria di una vita spesa ad andare otre ogni concetto di "memoria" se non è  quella che facilita il navigare nelle acque della costante evoluzione, nel perenne sforzo di uscirne "vivi", nella capacità di sorridere senza finzione e provare riconoscenza per il proprio percorso di crescita.  Non mi piace insomma soffermarmi sulle disgrazie se impediscono  il superamento delle limitazioni.....

 

Inizia così  questo 3° numero della rassegna storica su Calcata e sul Circolo Vegetariano (siamo  nel 1990) e continuo a "lavorare" sul fattore 'biologico'.

Lazio. Il circolo vegetariano di Calcata organizza stages di tre giorni nel parco Valle del Treja. I gruppi (massimo sei persone) verranno guidati alla scoperta di valori dimenticati, assaporando così i misteri e le meraviglie della natura, attraverso il canto, la meditazione, la raccolta di erbe e tuberi, lo yoga, le passeggiate lungo i sentieri del parco e l'apprendimento delle tecniche per la lavorazione della creta. Il pernottamento avverrà in grotte, capanne e ripari naturali, quindi è opportuno portare sacco a pelo, zaino, first aid help, una ciotola e buona volontà. Non portare droghe, tabacco e.. cattiva volontà. Econotiziario. Gennaio, Il Giornale della Natura.

Ed ecco cosa mi rispose l'allora assessore al Bilancio dell R.L. che avevo invitato a partecipare allo "stage":

Caro Presidente, La ringrazio per l'invito a partecipare ai vostri incontri di fine settimana. I miei numerosi impegni istituzionali non mi consentono, come avrei voluto, di aderire all'invito. Plaudo, comunque, alla vostra iniziativa e vi invio i migliori auguri di buon lavoro. Cordiali Saluti.  21.6.90 - Giorgio Pasetto, assessore al Bilancio della Regione Lazio.

Iniziarono in quel periodo numerosi incontri fra varie associazioni ambientaliste, come Lega per l'Ambiente, WWF, Italia Nostra, Verdi, ecc., per sensibilizzare le amministrazioni locali sui problemi di inquinamento e sulla necessità di un ampliamento del parco del Treja a tutto il bacino del fiume. Le chiacchiere furono assai buone, con l'appoggio 'a parole' anche di alcune frange della sinistra, ma i risultati sono evidenti. L'abitato storico di Calcata (a tutt'oggi) non dispone di un depuratore (né di un parcheggio) e, per quanto riguarda l'ampliamento del parco, le forze politiche ed associative pian piano si dissociarono sino a dimostrare aperta contrarietà al suo allargamento.

Ed ora il resoconto di un incontro di coordinamento, tenutosi nel locale/cantina (ora adibito a studio d'arte di Stefano Zampieri) vicino alla Stanzetta del Pastore, dove per l'umidità mi beccai un bel mal di testa:

Calcata, nasce un comitato per i problemi del borgo. Varate una serie d'iniziative. Un comitato di ambientalisti per salvare dal degrado il centro storico di Calcata. Lo ha deciso Sabato scorso l'assemblea svoltasi nel caratteristico centro del viterbese alla quale hanno preso parte il Circolo vegetariano, la Lega Ambiente, amministratori locali, artisti e giornalisti. Una accesa discussione durante la quale sono stati evidenziati i mali ed i pericoli che affliggono Calcata vecchia, dall'attacco delle automobili all'afflusso incontrollato ed incivile dei turisti. Le associazioni ambientaliste hanno chiesto che il problema dei parcheggi e dell'accesso al centro storico sia esaminato in un'ottica di salvaguardia ambientale. In tal senso è anche stato presentato un progetto particolareggiato che prevede la soluzione globale del problema, considerando le esigenze dei residenti e dei visitatori occasionali. Ed allo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica il Circolo vegetariano ha predisposto un programma di ecologia per le scuole che prevede fra l'altro la proiezione d'audiovisivi.

1 dicembre 1990 - Il Messaggero.

 

A la prochaine, Paolo D'Arpini
www.circolovegetarianocalcata.it