[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Nagarjuna, la ciotola d´oro ed il ladro consapevole... ed alcune poesie



Nagarjuna era un grande saggio, un realizzato che vedeva le cose del mondo con equanimità 
e distacco, era un santo nudo, per lui una zolla di terra aveva lo stesso valore di una 
pietra preziosa.

Un giorno venne chiamato dalla regina del posto in cui viveva, la sovrana era una devota 
buddista ed aveva sentito parlare della santità di Nagarjuna e desiderava metterlo alla 
prova. Quando il saggio si presentò al palazzo fu accolto con tutti gli onori e la regina 
stessa gli offrì una ciotola per
l´elemosina in oro zecchino tempestata di diamanti e pietre rare. Pensava che Nagarjuna 
avrebbe rifiutato ma egli accettò il dono, per lui quella era solo una ciotola che 
differenza faceva il materiale con la quale era stata forgiata?

La regina restò interdetta ma non disse nulla... Il santo con la ciotola in mano se ne 
andò verso il suo eremitaggio. Lungo la strada fu spiato da un famoso ladro che pensò 
"Che se ne fa questo eremita nudo di una ciotola d´oro? Conviene più a me averla che a 
lui" e seguì Nagarjiuna che infine giunse nella sua dilapidata dimora in mezzo ad una 
solitaria foresta. Il ladro restava nascosto fra gli alberi ed aspettava il momento 
buono.. allora Nagarjuna prese la ciotola d´oro e la gettò nella sua direzione. Il 
brigante
restò esterrefatto e non poté far a meno di avvicinarsi per chiedergli "Come fai ad 
essere così indifferente? Vorrei anch´io apprendere questo tuo segreto". Nagarjuna quindi 
gli spiegò: "Ho gettato la ciotola verso di te per invogliarti ad entrare, se mi fossi 
messo a dormire tu saresti venuto a
rubarla e non avremmo potuto parlare".

Il predone restò meravigliato e gli disse: "Spesso ho visitato altri maestri, io sono un 
ladro famoso e loro mi hanno sempre detto che se volevo i loro insegnamenti dovevo prima 
smettere con i furti.. ma come potrei? Questo è il mio lavoro e non posso lasciarlo, e tu 
puoi darmi qualche
insegnamento senza che io vi rinunci?" - "Certo - rispose il santo - continua pure a 
rubare ma quando lo fai sii perfettamente consapevole, non distrarti mai, fai la massima 
attenzione a ciò che stai facendo, fra quindici giorni ritorna qui da me a riferire" - 
"Questa istruzione mi piace
-disse il ladro - la metterò in pratica" e se ne andò soddisfatto con la ciotola sotto il 
braccio.

Dopo appena tre giorni il ladro si ripresentò davanti a Nagarjuna e gli disse: "Mi hai 
tratto in inganno, ogni volta che stavo per rubare e diventavo perfettamente consapevole, 
la mia mente entrava in una stato di beatitudine e non potevo più compiere il furto, 
quindici giorni sono troppi mi sono bastati tre giorni ed ora non so più che fare..".

- "Adesso puoi scegliere - disse Nagarjuna - fra il continuare a rubare senza 
consapevolezza o smettere ed entrare nella buddità". Ed il ladro: "Mi hai proprio 
fregato, come potrei rinunciare alla beatitudine che ho esperimentato in questi tre 
giorni? Ora dammi l´iniziazione e prendimi come
tuo discepolo".

Storia liberamente ri-raccontata da Paolo D´Arpini
www.circolovegetarianocalcata.it 

.............

Le ombre della sera si allungano

e l'amore entra,

calmando ogni corpo e mente.

Guarda verso occidente e vedi

la luce del sole che tramonta.

Guarda dentro di te e vedi

un espanso infinito di luce.

Bevi il nettare dei petali del tuo cuore

e lascia che le onde d'amore ti sommergano.

Che magnificenza in quell'Oceano - Ascolta!

Il suono delle conchiglie,

il suono delle campane.

Kabir dice: "Oh fratello, ascolta!

Il Signore canta la sua canzone,

dentro di te...

Kabir


Leggete altre poesie  utiizzando questa 
URL:http://www.circolovegetarianocalcata.it/2009/04/15/la-poesia-della-vita-di-ogni-giorno/