[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

"Meglio la carne viva o la carne morta?" - Discorso zen e lettere aperte congiunte -



L'essenza del vegetarismo  secondo il Circolo Vegetariano VV.TT.

"Quando ero piccola, nelle Marche (la zona dove io allora potevo rendermi più o meno 
conto di come era strutturata l'agricoltura) c'era l'agricoltore che coltivava le sue 
cose e aveva in più una piccola stalla di una decina di animali da cui traeva il latte, 
allevava qualche vitello per la carne (i famosi maschietti) ma soprattutto il bestiame 
era importante per il letame che è comunque sempre e ancora considerato il miglior 
concime. La stalla e il numero degli animali erano proporzionati all'estensione del 
terreno. inoltre il consumo di carne era moderato. Poi è subentrato un aumento della 
richiesta di carne e quel tipo di produzione non era più adeguato, da cui la nascita 
dell'allevamento intensivo. Adesso, quando mi ritrovo a parlare anche con colleghi con 
cui dico che tutta questa carne che viene prodotta non è necessaria (anche se noi 
italiani siamo forti importatori, quasi mi si mettono a ridere in faccia perchè l'idea 
che chi vive in campagna possa allevare "bene" e per bene intendo con la tutela reale del 
benessere dell'animale finchè vive (alcuni animali per sé e qualcosa da vendere), sembra 
impossibile da realizzare. Ovvio, se tutti continuiamo ad andare al supermercato a 
comprare carne tutti i giorni è vero, ma se moderiamo questo consumo, visto che i 
nutrienti che la carne ci da ce li possono dare tanti altri alimenti....... forse fra 
qualche decennio, quello che io penso potrebbe essere ragionevolmente  realizzabile...." 
(Stralcio di una lettera ricevuta da C.R.,  membro della lista "Ecologia di Peacelink")  

..............

Mi è piaciuta molto la  descrizione della vita in campagna nelle Marche, fatta da 
Caterina,  una veterinaria ecologista, che lì visse alcuni momenti d'infanzia.  Ho 
anch'io dei ricordi bellissimi molto simili ai suoi di quando da bambino trascorrevo le 
vacanze a Falerone (in provincia di Ascoli Piceno) dove abitavano dei parenti  di una mia 
zia acquisita, che lì vivevano proprio come nel paradiso terrestre, infatti il racconto 
di Caterina mi è sembrato un tuffo nel passato...  La ringrazio per aver risvegliato una 
memoria   di vita contadina in  condizioni naturali e con un sano rapporto con gli 
animali. 

Ricordo anche il momento in cui le cose cambiarono, fu allorché subentrò il concetto, 
nelle famiglie italiane, di dover consumare più carne per stare in buona salute....  
Questo  è un processo che appunto si è formato a partire dagli anni '60 ed è collegato 
anche al "famoso" boom economico ed all'accettazione delle mode consumiste provenienti 
dall'America. Questa intromissione  meriterebbe  un approfondimento ulteriore per capire  
come la cultura alimentare "vincente" abbia potuto modificare e trasformare una 
precedente cultura millenaria, quella  mediterranea...  Le conseguenze le possiamo 
riscontrare dallo stato generale di malessere sociale e  dai continui allarmi sulle 
"febbri" suine, bovine, polline, etc. etc.

Paolo D'Arpini

..............

Stalcio di altra lettera  su questo tema:

Mucca pazza ai prioni, vitelli agli estrogeni, pesce al mercurio, tacchini agli ormoni, 
uova alla salmonella, polli alla diossina, poi l’influenza aviaria dei volatili ed ora 
quella dei suini. Ogni pericolo per la salute viene incontestabilmente dall’uso 
innaturale per l’uomo di mangiare animali. La carne è sempre e comunque imputata nelle 
peggiori patologie che flagellano il genere umano. Per contro non si è mai sentito che la 
dieta a base di vegetali abbia la purché minima controindicazione: anzi ogni potere 
disintossicante, ogni capacità depurativa e di guarigione viene esclusivamente dal mondo 
vegetale. Chi al primo posto vuole mettere la gola e non la salute deve essere anche 
disposto a pagarne le inevitabili conseguenze. 

Avete visto in che condizioni disumane vengono allevati gli animali da macello, in 
genere, e i suini in particolare? Tutta la loro breve esistenza in strettissime gabbie 
metalliche, senza mai vedere la luce del sole, ingozzati di cereali e soia: alimenti 
innaturali per questi animali che nello stato naturale brucherebbero l’erba verde e 
fresca dei prati. A causa di tale condizione le difese si abbassano e per scongiurare 
epidemie si è costretti a somministrare loro farmaci di ogni tipo, compresi gli 
estrogeni, antibiotici, sulfamidici, betabloccanti ecc. che entrano nel metabolismo di 
chi mangia quelle carni intrise di veleni e di dolore. 

Saggezza vorrebbe eliminare la causa del problema, cioè smettere definitivamente di 
cannibalizzarsi e diventare vegetariani, invece di cercare soluzioni sintomatiche tramite 
vaccini e farmaci vari pur di non rinunciare alla bistecca. Se anche questa volta la 
faremo franca, forse la prossima epidemia potrebbe essere fatale per l’intero genere 
umano. Ma che importa se andremo al Creatore prima del tempo stabilito? L’importante è 
arrivare contenti e con lo stomaco pieno, anche se questa sarà stata la causa della 
nostra rovina fisica e morale. 

Franco Libero Manco 

......................

Saggezza estemporanea.

Un giorno in un tempio buddista c'era stata una solenne cerimonia che aveva visti 
impegnati tutti i  monaci. Terminati i riti il monaco che fungeva da cuoco si precipitò 
nell'orto e tagliata un  po' di verdura  cucinò una veloce zuppa. Malgrado 
l'estemporaneità della preparazione tutti la trovarono particolarmente saporita  ma ad un 
tratto il capo del monastero chiamò il cuoco e mostrandogli la sua ciotola, con dentro la 
testa di un serpente, gli chiese irato: "Cos'è questa..?"  Al che il monaco senza 
perdersi d'animo prontamente rispose "Oh, grazie maestro.." e se la mangiò con gusto...

-----------

L'essenza dello Zen

"Maestro ti prego insegnami la vera essenza dello Zen" - Implorò un discepolo rivolto al 
maestro Josshu.

Ed il maestro rispose: "Hai finito di mangiare?"

- "Sì maestro,  ho finito"
- "Allora va a lavare le stoviglie!"

...........

Grazie per aver letto sin qui.
Paolo D'Arpini - www.circolovegetarianocalcata.it