[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

affari internazionali sul nucleare



>
>
>
>POL - Nucleare, Scajola: A settembre firma accordo con Usa
> 
>Roma, 18 ago (Velino) - Non solo Russia sul fronte dell’approvvigionamento 
>del gas. E non solo Francia per il ritorno dell’Italia al nucleare. “A 
fine 
>settembre sarò personalmente a Washington per firmare un protocollo italo-
>americano per la ricerca e lo sviluppo nel settore nucleare” annuncia il 
>ministro per lo Sviluppo economico Claudio Scajola in un’intervista a LA 
STAMPA 
>che replica al quotidiano di Torino che ieri aveva puntato il dito sulla 
>strategia di eccessiva dipendenza dalla Russia del nostro paese. Il 
protocollo 
>che il ministro firmerà a settembre “darà la possibilità alle aziende 
americane 
>di concorrere alla costruzione di una o più centrali che il governo punta 
ad 
>avere nei prossimi 20 anni”. Dunque non sbarcherà in Italia la sola 
tecnologia 
>‘europea’ rappresentata dal reattore Epr che era stata al centro dell’
>attenzione dell’accordo istituzionale e dei due protocolli di intesa tra 
Enel e 
>Edf in campo nucleare sottoscritti a febbraio tra Italia e Francia. Largo 
anche 
>all’altra tecnologia, quella Westinghouse made in Usa. 
>
>La ripresa della collaborazione con la Westinghouse sul reattore Ap1000 
>concorrerebbe a coinvolgere il sistema industriale nazionale grazie anche 
alla 
>partecipazione di Ansaldo Nucleare controllata da Finmeccanica. E proviene 
>proprio da Ansaldo Nucleare, Francesco Mazzuca, il nuovo commissario della 
>Sogin nominato recentemente dal governo in vista della nuova mission della 
>società del Tesoro che finora ci è occupata dello smantellamento delle ex 
>centrali nucleari italiane. E’ una delle conseguenze dell’approvazione da 
parte 
>del parlamento del Dl Sviluppo che oltre alla nomina del commissario della 
>Sogin, prevede l’istituzione di un’Agenzia di controllo nucleare un 
organismo 
>di vigilanza secondo quanto spiega la legge Sviluppo, che sarà dotato di 
>competenze professionali (Enea e Ispra) e di risorse tecniche sufficienti 
a 
>garantire il più rigoroso rispetto delle esigenze di sicurezza, tutela 
della 
>salute dei cittadini e lavoratori, protezione dell’ambiente. 
>
>Ancora in corso la ridefinizione del ruolo di Enea previsto dalla stessa 
>legge Sviluppo. In attesa della nomina dei nuovi vertici, l’ente di ricerca 
ha 
>firmato un accordo di cooperazione con la francese Cea sulle fonti 
rinnovabili 
>e l’energia nucleare ‘sostenibile’ per lo sviluppo delle tecnologie 
richieste 
>dai reattori di quarta generazione . L’accordo stipulato tra le due 
istituzioni 
>di ricerca costituisce una prima tappa nell’esecuzione di quello firmato 
lo 
>scorso 24 febbraio dai governi di Italia e Francia, focalizzandone gli 
ambiti 
>di collaborazione tecnico-scientifica per una maggiore integrazione delle 
>competenze interdisciplinari. Altro tassello è quello che riguarda le 
scorie 
>nucleari. Parlando di fronte alla commissione bicamerale d’inchiesta sulle 
>Ecomafie all’inizio di luglio il ministro Scajola ha riferito:“Quando 
>rientreremo nel nucleare il numero dei rifiuti radioattivi sarà tra il 40 e 
il 
>45 per cento in meno come quantità. Ogni unità produttiva ne produrrà un 
metro 
>cubo”. 
>
>Quanto ai rifiuti radioattivi prodotti dalla breve esperienza nucleare del 
>passato, il ministro dello Sviluppo ha detto che “nel nostro Paese ci sono 
26 
>mila metri cubi (di scorie, ndr) a cui se ne aggiungeranno altri 65 mila per 
il 
>post smantellamento delle centrali. È stato sottoscritto un accordo con la 
>Francia per allungare i tempi fino al 2025 rispetto al 2017 per la 
gestione 
>delle scorie inviate dall’Italia per il trattamento all’estero. E si punta 
ad 
>allungare il contratto anche con gli inglesi. Ad oggi è evidente che è 
>necessaria una collocazione in Italia di questi rifiuti. La commissione 
>ministeriale istituita in accordo con le regioni ha concluso qualche mese fa 
il 
>proprio lavoro per individuare i criteri da seguire per determinare un 
sito 
>dove custodire rifiuti nucleare di media categoria”.
> 
>(ilp) 18 ago 2009 10:19