[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fw: Fwd:Rapporto IEFE: Un requiem per i TCV (termocancrovalorizzatori) e le discariche?



Grazie a Roby www.rinnovabili.it ci arrivano dei documenti,come questo,cercate di leggerlo.
Marzia

--------------------------------------------------
From: <rinnovabili at libero.it>
Sent: Tuesday, April 27, 2010 8:37 AM
Subject: Fwd:Rapporto IEFE: Un requiem per i TCV (termocancrovalorizzatori) e le discariche?

Gentili interlocutori,
invio in allegato questo nuovo interessante documento della IEFE Bocconi sull'analisi economica della gestione rifiuti con vari metodi. Per la prima volta si compie una analisi comparata su diversi tipi di gestione dei rifiuti solidi urbani, includendo la Raccolta Differenziata PaP al 50/65/75% che sfociano poi nel TMB (trattamento meccanico biologico e CDR) e la Raccolta Differenziata PaP all'85% (PC85 - "Rifiuti Zero" - pag. 74-79) con supporto del compostaggio domestico e produzione di "sabbia sintetica" e sua valorizzazione (pag. 27-28-29 e 61) attraverso il metodo CRRV - (Centro di Ricerca e Riciclo di Vedelago - pag 43) e suo flusso per produrla (pag 21).

Il metodo PC85 (p 15) e gli indicatori dei suoi vantaggi (pag 16) come risulta anche dalle conclusioni, risulta il migliore per i recuperi eccezionali di materia (pag 53, 59-60) per i costi bassi di raccolta (pag 54), i costi industriali di trattamento e i costi esterni (pag 55, 62) con richiamo anche al programma EU ExternE per calcolare questi costi esterni sanitari/economici.(pag 44).

A pag 46 e 47 sono enfatizzati tutti i vantaggi del riciclo, che ha una soglia critica del 50% che si supera solo col PaP però considerato più costoso (anche se poi, come detto in precedenza, è contraddetta questa affermazione). Il PaP è valido solo se oltre il 70% e con bassi residui da smaltire di RUR , che è preferibile smaltire in discarica.

Per i metodi di gestione più scadenti a cassonetto stradale e domicilare, che hanno bisogno per i residui di trattamento TMB e di produzione di CDR (pag 9, 63) che è opportuno brucialo in impianti industriali come i cementifici, meglio se vicini sotto gli 80 km) ed a pag 48-49 si confrontano i vantaggi economici di sostituzione CDR- carbone coke.

Comunque come dice anche Guido Viale (pag.73), "gli scenari P75 e PC85 sono modellati tenendo a mente la realtà che, secondo molti osservatori, rappresentano la punta avanzata della gestione dei rifiuti in Italia, dimostrando non solo la fattibilità ma anche la desiderabilità economica di puntare verso un "azzeramento" dei rifiuti". Oramai si comincia a riconoscere come voincolanti i costi esterni (Politecnico di Milano col progetto del TCV del Gerbido) ma anche del Riciclo Totale con attenzione alla Riduzione, Riuso, Riparazione e Ricerca di miglioramento dei prodotti di scarto, come in questo studio.

E' tempo che si comincino a sviluppare progetti in questo senso come ha fatto l'ing. Massimo Cerani per la provincia di Trento, e come stanno facendo molte realtà italiane ed estere, di diverse dimensioni, perchè il metodo PC85 è econbomico e flessibile (questo mese l'azienda municipale di Prato), per tutelare la salute e la biodiversità. Questa crisi ambientale, sociale ed economica, profonda, strutturale e irreversibile, lo richiede come una delle prime priorità.
Cordiali Saluti
Gianluigi Salvador

















Note sui costi esterni e i costi sanitari evitabili:



Kay J e Steiglitz L
"Identification and quantification
of volatile organic components in emissions of waste incineration plants",
Chemosphere 1995; 30 (7): 1249-1260.

Sono state identificate le seguenti componenti chimiche (256...)
organiche volatili emesse.
L'elenco delle sostenze tossiche è il seguente:

pentano; triclorofluorometano; acetonitrile; acetone; iodometano; diclorometano; 2-metil-2- propanolo; 2-metilpentano; cloroformio; etil acetato; 2,2-dimetil-3-pentanolo;cicloesano; benzene; 2-metilesano; 3-metilesano; 1,3-dimetilciclopentano;1,2-dimetilciclopentano; tricloroetano; eptano; metilcicloesano; etilciclopentano; 2-esanone;toluene; 1,2- dimetilcicloesano; 2-metilpropil acetato; 3-metilen eptano; paraldeide; ottano;tetracloroetilene; etil butirrato; butil acetato; etilcicloesano; 2-metilottano; dimetildiossano; 2-furancarbossialdeide; clorobenzene; metil etanolo; trimetilcicloesano; etil benzene; acido formico; cilene; acido acetico; composti carbonilici alifatici; etilmetilcicloesano; 2-eptanone; 2-butossietanolo; nonano; isopropil benzene; propilcicloesano; dimetilottano; acido pentancarbosslico; propil benzene; benzaldeide; 5- metil-2-furan carbossialdeide; 1-etil-2-metilbenzene; 1,3,5-trimetilbenzene; trimetilbenzene; benzonitrile; metilpropilcicloesano; 2-clorofenolo; 1,2,4-trimetilbenzene; fenolo; 1,3- diclorobenzene; 1,4-diclorobenzene; decano; acido esanoico; 1-etil-4-metilbenzene; 2- metilisopropilbenzene; alcol benzilico; 1-metil-3-propilbenzene; 2-etil-1,4-dimetilbenzene; 2-metilbenzaldeide; 1-metil-2-propilbenzene; metil decano; 4-metilbenzaldeide; 1-etil-3,5- dimetilbenzene; 1-metil-(1-propenil)benzene; bromoclorobenzene; 4-metilfenolo; metil benzoato; 2-cloro-6-metilfenolo; etildimetilbenzene; un decano; acido eptanoico; 1- (clorometil)-4-metilbenzene; 1,3-dietilbenzene; 1,2,3-triclorobenzene; alcol 4- metilbenzilico; acido etilesanoico; etil benzaldeide; 2,4-diclorofenolo; 1,2,4-triclorobenzene; naftalene; decametil ciclopentasilossano; metil acetofenone; 1-(2-butossietossi) etanolo; 4- clorofenolo; benzotiazolo; acido benzoico; acido ottanico; 2-bromo-4-clorofenolo; 1,2,5-
triclorobenzene;  dodecano;  bromoclorofenolo;  2,4-dicloro-6-metilfenolo;
diclorometilfenolo; idrossibenzonitrile; tetraclorobenzene; acido metilbenzoico; triclorofenolo; acido 2-(idrossimetil) benzoico; 1,2,3,4-tetraidro-2-etilnaftalene; 2,4,6- triclorofenolo; 4-etilacetofenone; 2,3,5-triclorofenolo; acido 4-clorobenzoico; 2,3,4- triclorofenolo; 1,2,3,5-tetraclorobenzene; 1,1'-bifenil (2-etenil-naftalene); 3,4,5- triclorofenolo; acido clorobenzoico; 2-idrossi-3,5-diclorobenzaldeide; 2-metilbifenile; 2- nitrostirene (2-nitroetenilbenzene); acido decanoico; idrossimetossibenzaldeide; idrossicloroacetofenone; acido etilbenzoico; 2,6-dicloro-4-nitrofenolo; acido solfonico (p.m. 192); 4-bromo-2,5-diclorofenolo; 2-etilbifenile; bromodiclorofenolo; 1(3H)- isobenzofuranone-5-metile; dimetilftalato; 2,6-di-tert-butil-p-benzochinone; 3,4,6-tricloro-1- metil-fenolo; 2-tert-butil-4-metossifenolo; 2,2'-dimetilbifenile; 2,3'-dimetilbifenile; pentaclorobenzene; bibenzile; 2,4'-dimetilbifenile; 1-metil-2-fenilmetilbenzene; fenil benzoato; 2,3,4,6-tetraclorofenolo; tetraclorobenzofurano; fluorene; acido dodecanoico estere italico; 3,3'-dimetilbifenile; 3,4'-dimetilbifenile; esadecano; benzofenone; acido tridecanoico; esaclorobenzene; eptadecano; fluorenone; dibenzotiofene; pentaclorofenolo; acido solfonico (p.m. 224); fenantrene; acido tetradecancarbossilico; ottadecano; estere italico; acido tetradecanoico isopropil estere; caffeina; acido 12-metiltetradecacarbossilico; acido pentadecacarbossilico; metilfenantrene; nonedecano; acido 9-esadecen carbossilico; antrachinone; dibutilftalato; acido esadecanoico; eicosano; acido metilesadecanoico; fluoroantene; pentaclorobifenile; acido eptadecancarbossilico; ottadecadienale; pentaclorobifenile; ammidi alifatiche; acido ottadecancarbossilico; esadecanammide; docosano; esaclorobifenile; benzilbutilftalato; diisoottilftalato; acido esadecanoico esadecil
estere; colesterolo.


Inoltre, sono stati identificati i seguenti composti a seguito di combustione incompleta nell' ambito delle attività d'incenerimento di rifiuti ("Products of Incomplete Combustion
(PIC) From Hazardous Waste Incineration"):

Acetone (1,3) Acetonitrile (5) Acetophenone (1) Benzaldehyde (1,4) Benzene (1,3,4,5) Benzenedicarbox-aldehyde (1) Benzofuran (4) Benzoic acid (1) Bis(2-ethylhexyl) phtha- late (1,5) 1-Bromodecane (4) Bromofluorobenzene (4) Bromoform (3) Bromomethane (3,5) Butylbenzylphthalate (1) Isooctane (3) Carbon tetrachloride (1,2,3,4,5) Chloroben- zene (1,3,4) 1-Chlorobutane (4) Chlorocyclohexanol (1) 1-Chlorodecane (4) Chlorodibro- momethane (3) 2- Chloroethyl vinyl ether (3) ChloroformU.2,3,4,5) 1-Chlorohexane (4) Chloromethane (3,5) 1-Chlorononane (4) 1-Chloropentane (4) Cyclohexane(l) Cyclohex- anol
20
(1) Cyclohexene (1) 1- Decene (4) Dibutyl phthalate (1) Dichloroacetylene (2) Dichlorobromomethane (3) 1,2-Dichlorobenzene (4,5) 1,4-Dichlorobenzene (4,5) 1.1- Dichloroethane (5) 1.2-Dichloroethane (3,4,5) 1,1-Dichloroethylene (3,5) Dichlorodif- luoromethane (5) Dichloromethane (1,3,4,5) 2,4-Dichlorophenol (5) Diethyl phthalate (1) Dimethyl ether (3) 3,7-Dimethyloctanol (4) Dioctyl adipate (1) Ethenylethylbenzene (1) Ethylbenzaldehyde (1) Ethylbenzene(l,3) Ethylbenzoic acid (1) Ethylphenol(l) (Ethylphenyl)ethanone (1) Ethynylbenzene (1) Formaldehyde (5) Heptane (4) Hexachlo- robenzene (2,5) Hexachlorobutadiene (2) Hexanal (4) 1-Hexene (4) Methane (3) Methyl- cyclohexane (4) Methyl ethyl ketone (5) 2-Methyl hexane (4) 3-Methyleneheptane (4) 3-Methylhexane (4) 5,7-Methylundecane (4) Naphthalene (1) Nonane (4) Nonanol (4) 4- Octene (4) Pentachloro phenol (5) Phenol (5) Polychlorinated biphenyls (PCBs) (2) Polychlorinated dibenzo-p-dioxins (PCDDs) (2,5,6) Polychlorinated dibenzofurans (PCDFs) (2, 5, 6) Pentanal (4) Phenol (1,5) Phenylacetylene (1) Phenylbutenone (1) (1,4-Phenylene) bisethanone (1) PhenylpropenoHl) Propenylmethylbenzene (1) 1,1,2,2- Tetrachloroethane (4,5) Tetrachloroethylene (1,2,3,4,5) Tetradecane (4) Tetramethyl-oxirane (1) Toluene (1,3,4,5) 1,2,4-Trichlorobenzene (4,5) 1.1.1-Trichloroethane (1,3,5) 1.1.2-Trichloroethane (5) Trichloroethylene (1,2,4,5) Trichlorofluoromethane (3) Trichlo- rotrifluoroethane (4) 2,3,6- TVimethyldecane (4) Trimethylhexane (1) 2,3,5-Trichlorophenol (5) Vin>"l chloride (3,5)
(1) Trenholm 1986 (eight full-scale hazardous waste incinerators)
(2) Dellinger 1988 (turbulent flame reactor)
(3) Treoholm 1987 (full-scale rotary kiln incinerator)
(4) Chang 1988 (turbulent flame reactor)
(5) U.S. EPA. "PIC database" in U.S. EPA 1989b (review of available data at varied units)
(6) U.S. EPA 1987c (two full-scale rotary kiln incinerators).
"Fossil fuels contain little or no halogens and associated compounds. As detailed in PICs resulting from the incineration of halogenated material (such as the chlorinated dioxins, furans, and PCBs) are far more toxic than PICs from fossil fuel burners.One study of incinerator bottom ash identified 37 PICs, some of which were chlorinated species. The concentrations of these PICs in the ash ranged from 0.1 to 500 parts per million (ppm)"
(Van Buren 1985).
(Tratto da "Playing with Fire" di Pat Costner & Joe Thornton - Rapporto di Greenpeace)


Va sottolineato che la legge prevede controlli SOLO per una minima parte delle emissioni delle attività d' incenerimento, per poche volte all' anno, spesso con autocertificazione (!...!) della ditta: per le diossine ad esempio sono previsti 2-3 volte all' anno da un minimo di 6
ad un massimo di 8 ore.
Fra gli inquinanti emessi dalle attività d' incenerimento distinguiamo il particolato PM10, il particolato fine PM2,5 ed ultrafine inferiore a 0,1 micron, metalli pesanti, diossine, composti
21
organici volatili, ossidi di azoto, ozono, in particolare si riscontrano tra le altre: arsenico, berillio, cadmio, cromo, nichel (IARC 1) cancerogeni certi per polmone, vescica, colon, prostata, rene; mercurio e piombo (IARC 2B) con danni epidemiologicamente studiati a livello neurologico e cerebrale, con difficoltà d' apprendimento, riduzione del quoziente intellettivo, iperattività; e ancora benzene, diossine, dibenzofurani, policlorobifenili,
idrocarburi policiclici aromatici (IPA) ecc..
I rilasci di mercurio e arsenico sfuggono ai sistemi di controllo in quanto sono vaporizzati (1- Cormier SA et al"Origin and health impacts of emissione of toxic by-products and fine particles from combustion and thermal treatment of hazerdous wastes and material",Envir Health Perspec (2006) vol114(6):810-7; 2- Patrizia Gentilini: "Una scomoda verità:
l'incenerimento dei rifiuti", 26 aprile 2009)

(avete mai sentito dire queste cose dai media italiani?)


Allegato Rimosso