[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fw: CHE CI FA BNP/BNL CON IL TUO DENARO?



Title: Greenpeace Italia - CHE CI FA BNP/BNL CON IL TUO DENARO?
 

Sent: Monday, October 25, 2010 2:31 PM
Subject: CHE CI FA BNP/BNL CON IL TUO DENARO?

Se non visualizzi correttamente questa mail clicca qui


Ciao MARZIA,

siamo sicuri che ti interesserà sapere come investe i soldi dei suoi clienti il gruppo bancario BNP Paribas (che in Italia controlla BNL). Facile... BNP è il principale finanziatore mondiale di progetti nel settore nucleare!

Durante il weekend i nostri volontari hanno manifestato in 29 città italiane per chiedere a BNP/BNL di fermare i suoi "investimenti radioattivi". Ad esempio, BNP sta decidendo di finanziare, assieme ad altre banche francesi, la costruzione del controverso reattore Angra3, a soli 150 chilometri da Rio de Janeiro, per un valore complessivo di 1,1 miliardi di euro. Angra3 è un reattore che usa tecnologie così vecchie che non potrebbe essere costruito in Europa: il 70% dei componenti giace impacchettato da quando i lavori furono sospesi dopo il disastro di Cernobyl, nel 1986!

In altre parole, BNP/BNL dimostra di essere una banca europea con doppio standard: motiva il suo investimento nel nucleare europeo (il modello EPR, quello che vorrebbero fare in Italia...) proprio con la presunta sicurezza del progetto e poi investe in una catapecchia nucleare vecchia di quasi 25 anni. I clienti del Gruppo BNP, e in Italia di BNL, lo sanno che i loro soldi servono a finanziare il nucleare? E che succederebbe se, a un certo punto, in tanti cominciassero a chiedere a BNL di fermare gli investimenti radioattivi? Visto che il 45% dei depositi di BNP/BNL deriva dai versamenti dei clienti, i dirigenti della banca potrebbero restare indifferenti? Non credo...

Contribuisci anche tu alla campagna contro le banche nucleari: fai girare questa mail tra i tuoi contatti, condividila su Facebook, informa i tuoi amici.

DONA ORA

Grazie!

Domenico Belli
Responsabile campagna Energia e Clima
Greenpeace Italia


 
 

Condividi su

        


Greenpeace Italia 2010