[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Nucleare -L’ingrandimento dell’Itrec e il mega-capannone



L’ingrandimento dell’Itrec e il mega-capannone

26 gennaio 2011

Mentre sulla stampa si parla sempre con più insistenza di una  Basilicata in pole position per il sito nazionale di scorie con i Calanchi di Craco, Scanzano o – peggio ancora – con il sito di Trisaia, la Sogin proprio in Trisaia acquisisce nuove aree  nel centro di ricerche Enea. Lo apprendiamo da un  comunicato diffuso dalla stessa Sogin che con un accordo con Enea  acquisisce  nuove aree per accessi indipendenti e la cantieristica. Ricordiamo che Sogin vorrebbe realizzare in Trisaia due capannoni per complessivi 20.000 mc di cui uno riservato allo stoccaggio delle scorie di III  attività pari a 14000 mc (come un palazzo di 46 appartamenti da 100 mq).

Il  progetto è in attesa della valutazione d’impatto ambientale del Ministero dell’Ambiente.  Sogin all’ultimo tavolo della trasparenza non ha fornito adeguate  risposte su tale volumetria (a nostro giudizio quasi triplicata per lo stoccaggio), né il presidente De Filippo, il Comune di  Rotondella e la neonata cabina di  regia dell?assessore Mancusi si sono ancora espressi in merito. All’Itrec inoltre non servirebbe alcun capannone di III cat. qualora ci fosse un accordo per la restituzione dei prodotti del processamento e delle 64 barre  di elk river  agli Stati Uniti. Senza nulla togliere alle attività di messa in sicurezza delle scorie nucleari  e per evitare che quello che abbiamo cacciato dalla porta con Scanzano rientri ora dalla finestra, qualsiasi operazione in quell’area sia concertata con le istituzioni e la popolazione. A tal fine chiediamo che sia  riconvocato  subito il tavolo della trasparenza regionale. [Comunicato stampa del Movimento NoScorie Trisaia]

 

da www. sogin.it

Enea-Sogin: siglato accordo integrativo all’affidamento degli impianti

nucleari per favorire il decommissioning a Saluggia e Trisaia

A cinque anni dall’affidamento degli impianti di ricerca Enea del ciclo del

combustibile, gli stessi attori che firmarono quell’accordo, e cioè Giuseppe

Nucci, amministratore delegato (oggi come allora) di Sogin e Giovanni Lelli,

Commissario Enea, (all’epoca Direttore generale dell’Ente), hanno sottoscritto un atto aggiuntivo all’accordo del 2006 con cui l’Enea affidava in gestione a SOGIN gli impianti Itrec Trisaia, Eurex di Saluggia e Opec e Ipu di Casaccia, affinché provvedesse al loro smantellamento. Con questo accordo Sogin acquisisce nuove aree all’interno dei Centri ENEA di Saluggia (Vercelli) e di Trisaia (Rotondella-Matera), che si rendono necessarie  sia per supportare l’attività cantieristica sia per migliorare le condizioni di accesso del

personale, con la realizzazione di ulteriori ingressi  indipendenti, più

appropriati alle esigenze territoriali