[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[no subject]



SUCCEDE DOMANI: IL TRAM SUL PONTE FA UNA STRAGE

Lo avevano spiegato chiaramente vari docenti di discipline trasportistiche,
tra cui in particolare il prof. Carlo Giacomini dello IUAV, in un recente incontro
con l'assessore Micelli:
Il progetto di far transitare il tram da Mestre a Venezia sul ponte automobilistico,
oltre che essere inutile (perché ci sono già quattro binari ferroviari
su cui far correre comodamente la Metropolitana di superficie)
è veramente molto pericoloso.”

Ma gli esperti sono stati totalmente ignorati e anche un po’ sbeffeggiati:
“le solite Cassandre”.
L’amministrazione comunale, nell’estate 2012, ha fatto togliere i guard-rile,
posizionati decenni prima, dopo una serie di scontri frontali,
per impedire il ripetersi di tali disastri, costati già troppe vite.
Senza più la divisione centrale, e con le due corsie esterne
occupate dai tram, le automobili ora corrono
in questo rettilineo di oltre 4 chilometri, sfiorandosi e abbagliandosi di notte.

Così la notte scorsa è successo l’imprevedibile previsto:
uno scontro frontale tra una berlina con una famiglia a bordo che,
tornando a casa verso Venezia, stava superando il tram, e un furgone
carico di turisti di ritorno verso l’Est, caricati al Tronchetto.
Uno spettacolo impressionante, ancora incerto il numero di morti e feriti,
il ponte bloccato fino a stamattina e i soccorsi in estrema difficoltà
ad arrivare, dato l’enorme ingorgo che si è subito formato.

Ora la giunta comunale è riunita assieme ai responsabili regionali dei trasporti
e ai dirigenti Anas: probabilmente si dovranno ripristinare i guard-rile
e rimettere in discussione la presenza di questo precarissimo tram su gomma
sul ponte trans-lagunare.
Intanto, dopo oltre 20 anni dall’avvio del progetto,
non è ancora in funzione la Metropolitana di superficie.
.
Michele Boato