[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

R: [ecologia] IL MANIFESTO 2012.08.24 - FINTE PROMESSE E VERI POTERI



Condivido l'analisi fatta in questo intervento come quella fatta nell'intervento precedente.

Per me il problema è che non c'è opposizione popolare a questi progetti, ovvero non c'è capacità di rappresentare il dissenzo, anche se, parlando con tante persone come spesso mi trovo a fare, si capisce che la maggioranza dei cittadini la pensa diversamente rispetto alle proposte governative, anzi aggiungerei che solo una parte dei cittadini iscritti a partiti appoggia a denti stretti quello che arriva dai capi.

Credo che dovremmo cominciare a fare proposte e concretizzarle in petizioni o proposte x leggi che vengono dal popolo.  Comincio a fare una proposta che potrebbe essere utilizzata come base per una petizione da inviare al governo e ai partiti dell'arco costituzionale.

La crisi che è stata creata e che stiamo subendo è una "crisi di liquidità" cioè non ci sono soldi in circolo a disposizione dei cittadini per soddisfare i loro bisogni (non posso affrontare qui i temi relativi agli eccessi di consumo)Questo è reso possibile, a mio avviso, principalmente da due fattori: 1) le banche stanno raccogliendo, con la complicità dei governi, tutta la liquidità possibile e la utilizzano per speculazioni. 2) da 30 anni si è fatto una politica di riduzione dei salari e delle pensioni, questo a portato a uno spostamento delle risorse verso investimenti improduttivi e parassitari. Per creare le condizioni per uscire dalla crisi dovremo collocare risorse distanti "dall'utilizzatore finale "  che in questo momento sono le banche, per questo credo che dovrebbero essere destinate a "aumentare le pensioni minime"

Queste risorse servirebberoa far ripartire l'Italia e comunque sarebbero a costo zero per lo stato.

Preciso meglio la mia affermazione:  ipotizziamo  di destinare a questo 13 migliardi di € in un anno, a gennaio andra in circolazione un miliardo meno un 15% di tasse. I pensionati spenderanno subito quei soldi e quindi lo stato incasserà un altro 10% di iva, i commercianti compreranno nuove merci,  gli artigiani e l'industria riceveranno nuovi ordinativi,(pagando le tasse per questo)  dopo un paio di mesi qualche cassaintegrato riprenderà il lavoro,  i cittadini cominceranno a acquisire nuova fiducia e i "mercati" (!!!!!!!!!!!!) ci guarderanno diversamente. Ho letto da qualche parte (non ricordo dove) che uno studio su questo tema, valutava in un gettito finale per lo stato, di circa 15-16 miliardi di €. Questo intervento non solo non costerebbe, ma produrrebbe anche utili senza contare la giustizia sociale che andremo a fare.

Non ho mai iniziato una sottoscrizione e non so da dove cominciare, ma se questa proposta  viene condivisa e arricchita potrebbe funzionare

Roberto     

Da: tiziano.cardosi at gmail.com
Data: 24/08/2012 9.11
A: <ecologia at peacelink.it>, <economia at peacelink.it>
Ogg: [ecologia] IL MANIFESTO 2012.08.24 - FINTE PROMESSE E VERI POTERI

http://www.ilmanifesto.it/area-abbonati/in-edicola/manip2n1/20120824/manip2pg/01/manip2pz/327635/

FINTE PROMESSE E VERI POTERI
ARTICOLO - Paolo Berdini

Sarà che era lunedì e si era a corto di titoli ma i giornali hanno enfatizzato oltre i limiti del ridicolo il piano città del ministro Passera e del viceministro Ciaccia. Di fronte alle carenze strutturali e allo stato di abbandono delle nostre città che non riescono a competere con le capitali dell'Europa, in tutti i titoli si leggeva che erano stanziati niente meno che 2,1 miliardi di euro.
Lavoce.info - sempre puntuale e preziosa - ha dimostrato che i 224 milioni, gli unici veri della partita perché il resto sono anticipazioni della Cassa depositi e prestiti, non sono neppure tutti nuovi perché verranno dai tagli di interventi di edilizia già programmati. Ma fermiamoci sulla cifra stanziata. Sono 20 le città con popolazione superiore o vicina ai duecento mila abitanti. A ciascuna di esse toccherà poco più di un milione di euro di finanziamento e circa 80 milioni di prestito. Cifre ridicole come si vede, indegne di un paese serio. E invece di sottolineare la sua miope miseria, quel finanziamento è stato presentato come il pilastro della ripresa, con le solite cifre sparate a casaccio: addirittura 100 mila nuovi posti di lavoro!
A questo punto, pare di sentirlo, scatta puntuale il refrain: che volete, non ci sono risorse. Il ministro Passera ha rifinanziato appena due settimane fa l'ennesimo piano delle grandi opere inutili con 100 miliardi destinati a tacitare le voraci grandi imprese che assediano il governo. Il vice ministro Ciaccia, come noto, si era peraltro occupato di esse con un altro ruolo, quello di amministratore delegato della banca Biis del gruppo San Paolo Intesa.
Ricapitoliamo, dunque. Nello stesso mese di giugno 100 miliardi sono stati assicurati alle lobby del cemento e dell'asfalto. Al sistema urbano nel suo complesso andranno 2 miliardi fatti in gran parte di prestiti! CONTINUA|PAGINA14
Ha ragione su queste colonne Sandro Medici a denunciare che manca ancora l'assunzione della centralità del tema della riqualificazione urbana. Questo governo, al pari dei precedenti, non comprende che soltanto finanziando il rinnovo urbano e non la crescita, la creazione di sistemi di trasporto non inquinanti e non ulteriore asfalto, la messa in sicurezza dei servizi, delle abitazioni e dei corsi d'acqua, si potranno creare le premesse per una nuova fase economica che privilegia imprese che adottano nuove tecnologie.
Ed anche in termini di efficienza della spesa deve essere ricordato che nel 2005 l'Associazione nazionale dei Costruttori edili aveva calcolato che il 53% dei progetti delle grandi opere avevano trovato difficoltà operative ed erano stati costretti a varianti progettuali. Ma di questo non si parla: la palla al piede dello sviluppo sono i vincoli, i sindacati e i lavoratori, mica chi sbaglia progetti lautamente pagati.
Il finto piano città svela ancora una volta che il governo dei tecnici si limita ad assicurare ai poteri forti un altro fiume di denaro pubblico senza avere una proposta convincente per il sistema paese. Un governo prigioniero dei legami che alcuni dei suoi uomini avevano stretto in anni passati e non consentono oggettivamente di cambiare musica. Ciaccia è stato anche presidente di Arcus, la società nata dal ministero dell'Economia per finanziare i beni culturali. Arcus era assurta agli onori della cronaca per il caso del palazzo di Propaganda Fide restaurato con i nostri soldi per la felicità della cricca. Era ministro Lunardi, c'era il cardinale Sepe e De Lise era uno degli esponenti di quel gruppo di potere. Oggi non c'è più Lunardi, ma De Lise resta nel ruolo di arbitro delle infrastrutture generosamente finanziate da Passera-Ciaccia.
Il presidente Monti ha affermato che deve assolutamente portare la cancellazione dei diritti dei lavoratori nel prossimo vertice internazionale. Con qualche sforzo potrebbe portare anche il segnale di una rigorosa pulizia della macchina statale di cui c'è immenso bisogno. Ma non lo farà. Aspettiamo impazienti che richiami con gli onori che meritano Balducci e Bertolaso.