[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Comunicato stampa : Trivelle nello Jonio -parlamentari lucani responsabili







Si inoltra per opportuna diffusione il comunicato di noscorie

cordiali saluti


NOSCORIE TRISAIA

Felice Santarcangelo

tel 3357196709


13.10.2012


TRIVELLE  NELLO JONIO- PARLAMENTARI LUCANI RESPONSABILI

Dopo la moratoria-bluff di De Filippo impugnata dal governo, il congelamento della card carburanti (con il rischio della restituzione dei 90 euro da parte dei lucani), il pugno di mosche che il memorandum ha portato alla Basilicata (i sei mesi sono passati senza alcun decreto con infrastrutture e/o benefici), il tentativo di modificare la costituzione accentrando i poteri in materia di energia in mano al governo, registriamo che i parlamentari lucani hanno appoggiato il governo Passera-Monti a partire dal ddl sviluppo convertito dalla legge 27/2012, a otto mesi dall'inizio dell'azione del Governo.

Un decreto che contiene disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività. I nostri Parlamentari lucani si sono resi responsabili per i futuri progetti di trivellazione che riguardano anche il mar jonio. Nel mar Jonio ci sono sempre circa 10 istanze per Off Shore e due concessioni petrolifere  già attive vicino a Crotone. La vicenda delle Tremiti è la testimonianza della responsabilità dei parlamentari che approvando la legge permettono le estrazioni in mare. L’ha anche affermato il ministro dell’ambiente Clini quando alla levata di scudi  delle istituzioni  e della politica contro le trivellazioni off shore, ha scaricato tutte le colpe sul Parlamento che avrebbe potuto bloccare la legge. Il ministro Clini ha dichiarato di averla soltanto applicata.

I parlamentari lucani  così facendo hanno ignorato volutamente  i cittadini, le loro istanze e il futuro economico turistico ed economico  della stessa Basilicata (è in riva allo Jonio che si sviluppa il grosso del turismo lucano). Non hanno ascoltato prima i 5000 lucani nell'estate 2011 e poi  i 6000 lucani  che nel mese di luglio di quest’anno si sono incatenati in una lunga catena umana per difendere il mare Jonio dalle estrazioni petrolifere.Noscorie Trisaia indice pertanto per  i giorni 20 e 21 ottobre  altre due giornate di mobilitazione per salvare lo jonio e l’acqua della Basilicata  dalle estrazioni petrolifere. Altra scenografica manifestazione si realizzerà sulle rive dello jonio contro  le decisioni del governo  sostenuto dai parlamentari lucani per  far trivellare anche il mar jonio. Noi continueremo a manifestare e ad opporci a questo scempio ambientale ed economico , mentre  esortiamo i cittadini a fare la rivoluzione in cabina elettorale cambiando le istituzioni.