[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

I: Viaggio bioregionale a Terra Madre, per salvare i nostri semi - Racconto di Teodoro Margarita





----Messaggio originale----
Da: bioregionalismo.treia at gmail.com
Data: 28-ott-2012 9.49
A: "Paolo D'Arpini"<saul.arpino at gmail.com>, <spirito.laico at libero.it>, <circolo.vegetariano at libero.it>
Ogg: Viaggio bioregionale a Terra Madre, per salvare i nostri semi - Racconto di Teodoro Margarita


Viaggio bioregionale a Terra Madre, per salvare i nostri semi - Racconto di Teodoro Margarita

 

A Torino, da Asso, a Terra Madre, un venerdì autunnale.... 

Ecco, cari amici, riesco a narrarvi solamente in forma di diario soggettivo questa nostra avventura a Torino, ne siamo stati coinvolti, io, Alice e Jacopo, miei soci e fratelli seedsavers e riabitatori di un vecchio borgo, Fraino, qui ad Asso e quindi al pari di me, bioregionalisti a tutti gli effetti. 

Siamo voluti andare a Torino, questo venerdi 26 ottobre 2012, a sentire Vandana Shiva ed altri, tra i quali il nostro presidente, Alberto Olivucci. Noi militiamo in Civiltà
Contadina da una decina d'anni, e, dopo queste frenetiche settimane di discussioni, dibattiti in tutta Italia ma noi vi abbiamo preso parte con passione qui in Lombardia, tra Milano e Bergamo e confrontandoci con realtà di tutta la penisola, questo ottobre è stato fecondo, intenso, ricco, davvero nel nostro Paese mai si è assistito ad un pullulare così vivace ed articolato di iniziative sulla biodiversità.


Vandana Shiva è la fisica indiana autrice di innumerevoli opere sul tema con un credito che le è universalmente riconosciuto, ella ha lanciato la settimana per la libertà del seme ed ha trovato una eco più vasta del nostro solito cerchio di addetti ai lavori.

Ci tenevamo proprio a sentirla di persona ed assieme al rappresentante italiano dei salvatori di semi, il nostro Alberto, ed altri di diverse parti del mondo, ci è parsa la cosa più giusta e naturale.

Così, dopo aver chiesto tutti i permessi necessari alla mia scuola, siamo riusciti a partire, in auto, viceversa Torino, il convegno era alle 15.00, sarebbe risultata irraggiungibile.

Caricati di semi, di buona verdura e frutta biodiversa dei nostri orti di Cranno e Fraino, siam partiti alla volta di Torino: acqua e nebbia, un clima autunnale classico e padano ci ha accompagnato tra il nostro Comasco e il Piemonte, tante le cose che avevamo da dirci e , voilà, Torino!

Avevamo appuntamento con una serie di persone ed associazioni e non speravamo di incontrarle tutte: SlowFood e di questo gli va dato atto, ha riunito tutti e siamo riusciti ad abbracciare, a consegnare o ricevere da ciascuno i semi, l'intervista o gli accordi per essa, i materiali promessi.

Eh, si, non era solamente per Vandana Shiva, c'erano gli amici della Val di Susa, associazione Etinomia con i quali accordarci per una nostra collaborazione con loro da seedsaver, c'era da trovare qualcuno di Kokopelli, la nota associazione francese ed internazionale al centro della discussa e disgraziata sentenza sui semi non registrati e
la loro non commercializzazione, c'erano gli amici campani della Comunità del cibo del Cilento con i loro grani antichi e c'era anche altro.

Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2012/10/viaggio-bioregionale-terra-madre-per.html