[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

La verità sul PAESAGGISMO






-------------------------
La verità sul PAESAGGISMO
-------------------------



        Infoltendosi ogni giorno di più iniziative in difesa del paesaggio, suolo e 
territorio, facciamo attenzione: controlliamo con cura che in esse si chiarisca 
preliminarmente che a massacrare paesaggio, suolo e territorio sono stati enti finto 
pubblici (in mano agli assunti a vita nello Stato, nelle Regioni, nelle Province, nei 
Comuni) e le imprese private. Per tale ragione sono entrambi questi gruppi a dover essere 
fermati e costretti a rimediare ai loro errori. Al contrario va GRIDATO FORTE che gli 
esseri umani, i singoli individui con le loro famiglie e saziglie, hanno sempre 
custodito, difeso e migliorato il territorio quando vi si sono installati. Per la qual 
cosa va riaffermato il fondamentale diritto di ogni essere umano di vivere sulla propria 
terra.

        Ricordiamo: essendo noi stessi umani, l'amore per l'ambiente non può indurci ad 
andare contro il nostro essere naturale, non possiamo recidere le radici che ci legano al 
suolo, alla terra. Non facciamoci questo male.


        Per capire come stanno le cose, pensiamo al fatto che i difensori del paesaggio 
non hanno mai speso una parola, un solo respiro, per denunciare l'indegna URBANISTICA 
TIRANNICA che costringe gli italiani a vivere al bordo di strade supertrafficate, 
sottoposti a mefitici smog ed un caotico rumore da indurre la pazzia. Si sono mai 
ribellati, i paesaggisti, contro quell'urbanistica che ammucchia e comprime gli umani 
sotto le mura del palazzo del tiranno, una urbanistica che li priva dello spazio 
necessario ad una buona vita, ad un minimo di economia autonoma? Non hanno invece voluto 
svuotare le campagne da coloro che non producono il cibo per il tiranno? Non si sono 
forse sempre ben guardati dall'invocare una URBANISTICA DEMOCRATICA, che lascia gli umani 
liberi di vivere dove meglio possono e riescono, hanno mai invocato una UNIFORME 
DISTRIBUZIONE ANTROPICA sul TERRITORIO piuttosto che un disumano ammassamento nei lager 
urbani, in ghetti in cui la scarsità di spazio toglie ogni energia?

        I paesaggisti portano avanti la MEZZA VERITA' della necessità di difendere il 
paesaggio senza dir chiaro che, poiché a distruggerlo sono stati gli enti finto pubblici, 
accaparrati da una corrotta minoranza, e le imprese private, sono entrambe queste entità 
a dover essere fermate mentre, avendolo gli umani sempre preservato, va difeso il loro 
dirito di VIVERE SULLA TERRA. Non più estromessi come ora. Verità è che i paesaggisti 
sono mandati dalle Elite a recuperare le terre che esse perdettero con le democratiche 
riforme agrarie. I paesaggisti portano avanti il processo inverso: tolgono la terra ai 
poveri per riportarne il controllo ai potenti ed ai ricchi.



        "FATEVI PIÙ IN LÀ, TOGLIETEVI DI MEZZO!"

        impongono i paesaggisti agli esseri umani.
        Con una giustificazione che sembra uno scherzo:

        "PERCHE' CI ROVINATE IL PAESAGGIO".



        Mbhé, costoro non l'avranno vinta. Essi oggi fanno leva sulle associazioni, i cui 
MEMBRI vengono facilmente, metodicamente raggirati col metodo della MEZZA VERITA': si 
dice loro quel tanto che legittima il loro coinvolgimento, dirigendoli però contro i loro 
stessi interessi. Ma questa indegna situazione non durerà in eterno. Forum, Mailing List, 
Blog, Social Network cominciano ad essere ben più importanti che non le tradizionali 
associazioni strutturate. Il potere attuale di queste ultime NON durerà, perché è giusto 
non ne abbiano affatto.

        Le cose non rimarranno sempre così. E, a scopo di progresso, noi umani cerchiamo 
di frequentare quante più mailing list, quanti più forum, ambienti culturali e politici 
ci sia possibile, quanti più ne possiamo seguire. Ampliamo le nostre 
coscienze/conoscienze. Non continuiamo a mantenerci chiusi in una specializzazione che 
non fa che privarci di importanti consapevolezze, per ora, e poi, in futuro, della 
possibilità stessa di fare politica.

        Sì, perché, se oggi i tecnici hanno preso il potere nel modo che sappiamo, domani 
i tecnici non potranno nemmeno avvicinarsi ad un ambiente politico. Perché a tutti sarà 
evidente l'immane conflitto di interessi che li coinvolge, qualunque sia la 
specializzazione di cui si fanno rappresentanti, compresa la difesa dell'ambiente 
naturale. Ordunque: chi desidera fare politica, indirizzare le politiche, sarebbe a dire: 
INFLUENZARE LA VITA delle PERSONE, badi a non limitarsi ad essere uno specialista, 
nemmeno in difesa dell'ambiente. Faccia di tutto invece per coltivare il suo molteplice 
essere umano, per divenire capace di considerare ogni aspetto della vita.


        Ricordiamolo: non c'è mai stata una sola volta nella Storia che, a tempo debito, 
i vari "...isti" che si sono succeduti, imponendo le loro ristrette quanto totalitarie 
vedute, non abbiano avuto il fatto loro. Ognuno ha sempre avuto, infine, quel che 
meritava. In quanto esseri umani, sono molteplici gli aspetti che dobbiamo considerare. 
La politica, modificando il corso della vita delle persone, va condotta con la più 
raffinata delle sensibilità, non con la brutale forza con la quale sono use muoversi 
associazioni ricolme di ignoranti membri.


Quindi:

    si comprenda che paesaggio, suolo e territorio
    sono stati distrutti dalla mancanza di democrazia;

    si studino allora i principi della democrazia,
    impegnandoci a concretizzarli nella nostra società. 


        Chi davvero ama la natura è questo che deve fare. Di sicuro non deve più farsi 
truffare da chi approfitta della dabbenaggine altrui per conseguire risultati non 
dichiarati. Ricordate: da un punto di vista politico, la nostra firma è l'unica cosa che 
ci è rimasta. Non lasciamocela portar via da chi usa la nostra sensibilità per fini suoi.



Danilo D'Antonio

Piazza del Municipio
64010 Rocca S. M. (TE)
Italia - Europa

tel. ++39 339 5014947


Per una corretta gestione del territorio
http://www.hyperlinker.com/change/terra_e_liberta.htm