[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Il land grabbing degli ambientalisti






Il land grabbing degli ambientalisti:
tolgono agli esseri umani il fondamentale
diritto di vivere sulla loro stessa terra.



Una indiscriminata difesa del paesaggio/suolo/territorio ed un ambientalismo condotto a 
brutale forza di associazioni, spesso travolgono l'essere umano schiacciandolo mentre 
lasciano a briglia sciolta i veri responsabili degli scempi ambientali. Purtroppo i 
membri delle associazioni, in quanto MEMBRI e non persone, non sono in grado di 
discernere le cose. Ma non tutti si sono ridotti ad essere dei membri. Esistono ancora 
esseri capaci di far uso dei loro sensi e di far del bene con osservazioni e ragionamenti 
ineccepibili:



"... il diritto all’abitazione è un diritto inalienabile dell’essere umano. Lo è 
fondamentalmente per la sua sopravvivenza. Lo è per un vivere che celebra l’evoluzione 
civile della società umana nel corso dei millenni. Questo diritto, non solo non viene 
riconosciuto neanche nella Dichiarazione Universali dei Diritti Umani (mentre viene 
riconosciuto il diritto alla proprietà privata nell’articolo 17!), ma oggi è 
completamente ignorato dalla maggior parte delle persone che trovano normale il fatto di 
dover rinunciare ad esso, di dover fare sacrifici a volte di tutta una vita per vederselo 
riconosciuto (poi effettivamente solo in parte). Per non parlare poi di tutto quello che 
viene implicitamente perso o danneggiato riguardo al bisogno bioenergetico di avere uno 
spazio proprio autocostruito secondo le personali esigenze di forma, colori, materiali, 
affinità naturali e come espressione della creatività insita in ognuno di noi ...

... Riguardo sempre l’ambito edile si parla di abuso edilizio se la costruzione non ha le 
carte in regola, mentre non vengono minimamente tenuti in considerazione l’ecologia del 
progetto, il sentimento della collettività a suo riguardo, l’impatto estetico ed 
ambientale; per cui imponenti strutture adibite ad uso industriale e commerciale 
altamente degradanti ed ampiamente abusive nei confronti delle risorse naturali, e in 
particolare abusive nei confronti delle locali comunità umane, vengono classificate come 
lecite."

tratto da: Cooperazione versus Monopolio della Legalità
https://sites.google.com/site/cerchioruraleanimatribale/home/cooperazione-versus-monopolio-della-legalita



Non mi è dato sapere se tra i Presenti ci siano alcuni in grado di capire di questi 
discorsi. E' sperabile però che almeno sorga un dubbio, in modo che non si firmino 
appelli e proposte di legge che il più delle volte non vengono letti nemmeno da chi li 
promuove e tantomeno meditati nelle conseguenze che avranno nella vita di tutti.


Danilo D'Antonio

Piazza del Municipio
64010 Rocca S. M. (TE)
Italia - Europa

tel. ++39 339 5014947


Per una corretta gestione del territorio
http://www.hyperlinker.com/change/terra_e_liberta.htm