[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

RE: [ecologia] No alla Orte-Mestre



se non l'avete ancora letto, ecco un articolo illuminante al riguardo
http://www.altreconomia.it/site/fr_contenuto_detail.php?intId=3723


From: farm.sancassiano at corofar.net
To: ecologia at peacelink.it
Subject: Re: [ecologia] No alla Orte-Mestre
Date: Sat, 24 Aug 2013 16:46:56 +0200

Concordo su tutto quanto hai scritto.
Il problema dello Stato è che probabilmente non ha le risorse per fare la superstrada Mestre-Ravenna e per mantenere l'intera Mestre-Orte. Basta vedere quanto ci hanno messo per sistemare il tratto nella zona del Verghereto e quanti tratti sconnessi si continua ad incontrare. I Comuni romagnoli avevano pensato di guadagnarci qualcosa piazzando autovelox, ma glieli hanno fatti togliere.
O si trovano risorse per la manutenzione delle superstrade o i fan delle autostrade avranno vita facile.
Ciao
Enrico Usvelli
 
 
 
----- Original Message -----
Sent: Saturday, August 24, 2013 2:31 PM
Subject: Re: [ecologia] No alla Orte-Mestre

La Orte-Mestre almeno come idea nasce intanto da una constatazione sul tratto da Mestre a Ravenna, ovvero l'attuale statale Romea.
Questa statale è ogni giorno percorsa da tantissimi veicoli che evidentemente devono per forza andare su quel percorso invece di prendere l'autostrada Padova - Bologna che gli porterebbe fuori mano.
Le caratteristiche di questa statale, ovvero spesso rettilinea e fuori dai centri abitati fanno anche si che essa "inviti" a correre, con la conseguenza di facili incidenti in un tratto trafficato.
Lì è morto  negli anni '90 assieme ai suoi amici un ragazzo che conoscevo, stava rientrando in auto con il suo gruppo rap.
Va aggiunto che nel tratto non è neppure presente una linea ferroviaria, per quanto le aziende di spedizioni comunque ne facciano poco uso.
Dopo decenni, si è quindi voluto mettere mano al problema. Non si è considerato come togliere il traffico dalla strada su gomma, perchè tanto il problema coinvolge l'intera Italia ed è una mentalità che per il momento non si cambia.
Ma il problema non è tanto quello e non è lì che volevo andare a parare.
Volevo rimanere sull'idea "tradizionale" di risolvere i problemi del traffico, ovvero mettere mano al "cemento".
Tutti hanno convenuto, per il problema di cui sopra, di provvedere con una strada nuova, avrebbe potuto essere un'allargamento di quella esistente, con pochi tratti nuovi, o comunque una superstrada, in termini "semplici".
L'esagerazione, secondo me, viene invece quando la lobby del "cemento" ha pensato di estendere l'idea più in grande.
Da Ravenna in poi esiste già invece una superstrada che va fino a Viterbo e forse in futuro arriverà fino a Civitavecchia.
E' in continua manutenzione, non sarà il massimo, ma secondo me regge comunque.
Qualcuno ha invece pensato che era meglio buttarla giù e pensare in grande una vera autostrada da Mestre a Orte. Questo mentre l'Umbria già negli anni '80 chiedeva una ferrovia verso nord in alternativa alla Firenze-Bologna.
Quindi in sintesi sostanzialmente secondo me, qualcosa va sicuramente fatto sul tratto della "Romea" ma basterebbe qualcosa di più "leggero", non c'è sicuramente bisogno di una autostrada.

Ciao,
Davide

Il 17/08/2013 17.47, tiziano cardosi ha scritto:
in effetti la OrMe è una grossa infrastruttura assurda, ma non è l'unica.
sono circa 370 le stupidaggini messe nel paniere della legge obiettivo: ormai non è la singola opera che preoccupa, ma il fenomeno che è esploso, quello delle "grandi opere inutili".
Il problema non è solo italiano: http://drittes-europäisches-forum.de/deklaration/dichiarazione/
Buon ferragosto
TC

Il 17/08/2013 14:58, Borghi Franco ha scritto:
Non ne sapevo nulla. Sono sbalordito e scandalizzato. Spero che si attuino iniziative nazionali per c ontrastare questo assurdo progetto....sempre alle  e sulle spalle degli italiani.
Ettendo notizie in merito.
Franco
-----------------------------------------------------
BORGHI Franco
Via Frescobaldi 13 - 44042 CENTO  (FE)
Tel.e Fax  051.6836715-  Cell. no 348.3802633
Reply to: xenos at iii.it  -  farabir at iii.it