[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Ecologia] Al voto! Al voto!



 Per iscriverti a Medicina democratica, clicca qui e scarica il modulo di adesione, compilalo e spediscilo via e-mail al presente mittente.

 

Il 15 marzo è il termine per votare il Premio Attila Alessandria 2014. Il voto (max 2 preferenze) è fra i 4

candidati scelti dagli elettori. Può essere espresso tramite e-mail alessandriamd at gmail.com oppure al

numero telefonico 3470182679, oppure sulla pagina facebook

https://www.facebook.com/MedicinaDemocraticaAlessandria 

 

Le candidature pervenute:

Michele Ratti

Michele Ratti, presidente di Bennet Italia. Sedicente benefattore per “un costante impegno nel sociale sostenendo iniziative di carattere benefico e culturale”, non ritira la querela (27 giorni di reclusione, 6.750 euro di multa) a un disoccupato diplomato infermiere sorpreso a nascondere nel giubbotto un paio di spazzolini per il figlio di nove anni con problemi di denti. Miliardario irremovibile pur di fronte alla pubblica umiliazione del poveraccio davanti alle casse, intransigente pur di fronte alla immediata restituzione della misera refurtiva, dunque a danno nullo, senza pietà pur di fronte al pentimento e al risarcimento morale da parte dell’incensurato disgraziato.

Bruno Binasco

Bruno Binasco. Braccio destro di Marcellino Gavio (Premio Attila 2004), ha fatto avanti e indietro da San Vittore durante Mani Pulite, è uscito da Tangentopoli con la fedina penale pulita grazie ad assoluzioni e prescrizioni; ed oggi è in mezzo al caso delle mazzette delle autostrade per lo scandalo di bustarelle e appalti che ha travolto il leader lombardo del Pd Filippo Penati. Ma ad Alessandria rappresentanti di enti locali (Rita Rossa sindaco di Alessandria e presidente della Provincia, Rocchino Muliere sindaco di Novi Ligure), di Camere del commercio (Paolo Coscia) e della fondazione della Cassa di risparmio cittadina (Pierangelo Taverna) lo hanno scelto per il vertice della moribonda Slala, organismo che si occupa della logistica e dei trasporti in quelle che sono le zone… dei Gavio e di Fabrizio Palenzona (Premio Attila 2005).

Rita Rossa

Maria Rita Rossa sindaco di Alessandria e presidente della Provincia. Ha scelto per il vertice della Slala Bruno Binasco braccio destro e ufficiale pagatore e parafulmine dei Gavio, plurinquisito e condannato. Sindaco di un Comune in dissesto che licenzia i dipendenti, ha sprecato milioni di euro per un ponte Meier inutile e faraonico. Favorisce Solvay (Carlo Cogliati, Premio Attila 2012) e ostacola l’assessore Claudio Lombardi alla realizzazione dell’Osservatorio ambientale e dell’Indagine epidemiologica della Fraschetta. Augura ad Angelo Riccoboni (Premio Attila 2013) di vincere il ricorso al TAR contro la Provincia (che Lei dovrebbe rappresentare!) per aprire la discarica di Sezzadio sopra la falda acquifera.

Luigi Grillo

Luigi Grillo, ex senatore, appena scarcerato dopo tre mesi nel penitenziario milanese di Opera per l’inchiesta sugli appalti dell’Expo (patteggiamento a due anni e otto mesi) e subito indagato (corruzione e corruzione in atti giudiziari) nell’ambito della maxi indagine delle direzioni distrettuali antimafia di Bologna e Brescia sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta in Emilia Romagna e Lombardia. Indagato per le mega “tangenti radioattive” Maltauro a Saluggia. Per lo scandalo Fiorani, Antonveneta e dei furbetti del quartierino, nel 2008 fu condannato a una strana pena: la nomina a Presidente della Commissione Lavori pubblici al Senato. Per il fattaccio dei fori pilota del Tav Terzo Valico (truffa aggravata nei confronti dello Stato) il reato finì in prescrizione. Insomma per parecchi anni ha tirato il carro del Terzo Valico, caricandovi banche, gruppi economici, sindacati, giornalisti e quasi tutti i partiti. Giri vorticosi di convegni, di inaugurazioni, di sollecitazioni a iniziare i cantieri, per dare così il via perpetuo alla circolazione di denaro pubblico e tangenti. Il tutto per appena tre mesi di galera (quattro anni invece ai NO TAV della Val di Susa che difendono vivibilità, paesaggio, democrazia, la propria comunità dagli arraffatori di denaro pubblico).

SUL BLOG TROVERAI ANCHE:

Veleni nel sangue dei lavoratori Solvay. E i cittadini di Spinetta Marengo? Rivendichiamo l'intervento pubblico del Comune e dell'ASL di Alessandria: analisi del sangue ai lavoratori e alla popolazione a rischio. ADV C6O4 e PFOA sono sostanze tossico nocive e sospette cancerogene, dunque di estremo pericolo per la salute. Allarme anche tra i consumatori. Clicca qui Documento inviato a Comune, ASL, ARPA, Regione, CGIL, CISL, UIL.

Per la difesa della salute dalle radiazioni emesse da cellulari, tablet, Wi-Fi, Wi.Max, ripetitori e antenne GSM, UMTS, LTE (4G) La diffusione di tali dispositivi per le telecomunicazioni nelle abitazioni, nei luoghi di lavoro, nelle università, nelle scuole, negli ospedali e nei luoghi dove si trascorre il tempo libero, non solo è irrazionale perché potrebbe essere sostituita da connessioni via cavo più efficienti e sostenibili, ma comporta seri danni alla salute nonché gravi rischi per la specie Umana, compromettendo la capacità riproduttiva, le capacità neuro-cognitive e la conservazione del genoma. Clicca qui la Petizione.

Dure accuse alla presidente della Provincia per la discarica di Sezzadio. I comitati di base contro l'ingerenza "spudorata" di Rita Rossa al Tar del Piemonte. Clicca qui.

Ancora occupazioni abitative ad Alessandria. La lotta per il diritto di abitare si va inasprendo: sono centinaia gli sfratti esecutivi per morosità incolpevole notificati negli ultimi 12 mesi e da alcuni mesi Comune e ATC stanno inviando lettere di sfratto anche alle famiglie che, di fronte alla mancanza di alternative, hanno occupato i troppi appartamenti ATC lasciati vuoti. Clicca qui il Movimento per la casa.

Responsabilità penali per incidenti nelle scuole. La Cassazione per un incidente mortale a una bambina in una scuola materna conferma le condanne di un dirigente comunale, del direttore didattico e del dipendente di un appaltatore (l'insegnante è nel frattempo deceduta). Annullata la condanna del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Continua.

Nella Sanità l'incidenza degli infortuni femminili. è superiore a quella maschile. (continua...)

Salute: diritti dei cittadini a rischio. «Con i tagli al Servizio Sanitario Nazionale sanciti dall’intesa tra Governo e Regioni - sottolineano dal Tribunale per i Diritti del Malato di Cittadinanzattiva - verranno acuiti i problemi delle persone: Livelli Essenziali di Assistenza sempre meno garantiti, taglio dei servizi e compressione dei diritti e delle tutele dei cittadini». «La formula resta sempre la stessa - rincarano la dose dal Sindacato CGIL-: fare cassa con le risorse necessarie a garantire i diritti dei cittadini» (continua...)

Messaggio di pace e salute inviato a 12.965 destinatari da Lino Balza

Via Dante 86 15121 Alessandria Tel. 3470182679 linobalzamedicinadem at gmail.com - medicinademocraticalinobalza@hotmail.com

MEDICINA DEMOCRATICA - MOVIMENTO DI LOTTA PER LA SALUTE onlus 
Via dei Carracci 2 20100 Milano
Sito web
5 x mille 97349700159
Sottoscrizione (Socio+Rivista) ordinaria 35€ o sostenitrice 50€
b/b IBAN IT48U0558401708000000018273
bollettino postale CCP1016620211-IBAN POSTE IT02K0760110800001016620211
entrambi intestati a Medicina Democratica ONLUS
Sezione provinciale: movimentodilottaperlasalute at medicinademocraticaalessandria.it   
Blog
Pagina facebook
Youtube