[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Ecologia] La Scacchiera - Ovvero: Della raffinata arte di schierarsi in Politica....



Title: [Discussione-LCI] {La Scacchiera - Ovvero: Della raffinata arte di schierarsi in Politica.... }

La Scacchiera - Ovvero: Della raffinata arte di schierarsi in Politica.... (Ovviamente per il tornaconto di pochi....)

Claudio Mazzoccoli

La Memoria Storica dei fatti aiuta a capire meglio di tante parole..  Riteniamo importante descrivere determinati fenomeni usando quello che la rete mette a disposizione.  La politica, per essere credibile, per guadagnare la "P" maiuscola, deve essere  interpretazione coerente degli IDEALI che si perseguono..  Troppo spesso invece si cerca di vederla come fotogrammi  disgiunti,  legati alle condizioni contingenti..  Se così  fosse, tutti i politici sarebbero innocenti, in quanto agirebbero secondo le condizioni del momento...  NON è COSI'...   i fotogrammi, nella loro sequenza, concorrono a formare un FILM, i cui spettatori sono anche elettori.  E' quindi nostro preciso DOVERE giudicare, attraverso il voto, se lo spettacolo è stato di nostro gradimento o meno..  Per poterlo fare. dobbiamo conoscere i fatti al di là dei commenti momentanei. Come ? Ecco un esempio ...Lo scopo di queste considerazioni  ¨ stimolare una discussione  politica sul tema della Coerenza nel tempo. Prendiamo spunto dai fatti del giorno, in modo da consentire un più facile reperimento dei dati sui Blog e sui Quotidiani..

Accendete pure la discussione..


La nostra classe politica non smette di sorprenderci in senso negativo.  L'istrionismo più sfrenato oramai sembra essere la dote fondamentale.   Prova ne sono gli eventi che stanno avvenendo in questo periodo. Un Paese che è stato in grado di mobilitare 27 milioni di cittadini per votare ai referendum.. Ed i partiti cosa fanno ? Tornano ad occuparsi dei propri problemi, magari cercando, sotto sotto, il modo di aggirarli. Così  accadde infatti per il Referendum sul Finanziamento Pubblico dei Partiti, uscito dalla porta e rientrato, abbondantemente, per la Finestra senza che anche un solo politico abbia avuto il coraggio di dire alcunchè, senza emettere un sospiro

E' vero. Il sistema politico, QUESTO sistema politico, non ha in sè i germi dei Rinnovamento.


 Sotto i colpi di Mani Pulite ben 5 leader di partito si recarono dal notaio a sciogliere il relativo partito:  Fra loro  DC, PLI, PRi, PSI. 

Ma quello che ne è seguito e che ancora oggi abbiamo sotto gli occhi ha dimostrato ampiamente che la cura per via  giudiziaria non è quella consigliabile nelle situazioni come quella Italiana.  Qui la Mala Politica, come l'Evasione Fiscale, sono elementi "sistemici",  legati a condizioni strutturali del paese. 

Eliminarli è possibile? Certo,  modificando innanzitutto l'atteggiamento con cui sia la popolazione che la politica  affrontano il tema del rapporto tra diritti e doveri.


La Giustizia e la Magistratura  devono punire in modo spedito e trasparente le deviazioni, combattere le associazioni criminali. Non possono e non devono cambiare un paese. Non ne hanno la missione nè la dimensiona strutturale.. Solo la Società  Civile,  attraverso gli anticorpi che può mettere in campo, se ha fiducia nello Stato, è in grado di proteggersi e di indurre i cambiamenti... Il primo di tutti, come vedremo, è proprio la POLITICA, il cui cambiamento è oramai definitivamente riposto nelle capacità  da parte sua di esprimere una nuova classe dirigente, attraverso una selezione che altrimenti non sarà possibile.

Vediamo rapidamente alcune situazioni  parallele.

EVASIONE FISCALE


Dovere del Cittadino, secondo l'Articolo 53 della Costituzione, sarebbe PARTECIPARE ALLE NECESSITA' DELLO STATO IN FUNZIONE DELLA PROPRIA CAPACITA' CONTRIBUTIVA e SECONDO UNA MODALITA' PROGRESSIVA   Uno Stato EQUO e SOLIDALE, dunque  Questo SE la Legge Tributaria fosse uguale per tutti e se tutti fossero ligi al proprio dovere..   Così non è nè dal punto di vista della popolazione , di cui buona parte approfitta del colabrodo diventato il sistema tributario,  nè dal punto di vista della politica, che ha fatto le leggi  in tema di politica fiscale in modo da tutelare pochi per colpire tuti gli altri, tutelare i "ricchi" e lasciare che a pagare per lo Stato siano i "poveri". Il risultato è che siamo il paese con un valore di Evasione Fiscale che da solo rappresenta UN DECIMO DELL'INTERO DEBITO PUBBLICO.    Non è certo la Guardia di Finanza che può risolvere la questione. 

Sono  la SOCIETA', che deve accettare il DOVERE del pagamento delle TASSE e  la POLITICA,  che deve formulare una LEGGE che, ATTUANDO Il DETTATO COSTITUZIONALE, ASSICURI CHE TUTTI PAGHERANNO DA ORA IN POI LE TASSE. Basta quindi con lo SCAMBIO CONSENSO-POSSIBILITA' DI EVADERE.

MALA POLITICA 

 

PORCELLUM o ITALICUM per me pari son ..............

La situazione è analoga. Qui il circolo è viziato dalla LEGGE ELETTORALE, voluta dalla Destra e dalla Sinistra insieme, appassionatamente. Definita "PORCELLUM" prima, "ITALICUM" oggi piace evidentemente a tutti i partiti, in quanto rappresenta il grande, malefico abbraccio che consente loro di controllare il Parlamento, le Istituzioni, i centri di Controllo.  Per i partiti tutto si muove come su una scacchiera.

Silenzi ed urla, dichiarazioni e smentite, fughe in avanti e passi indietro.  Mi è sinceramente difficile ipotizzare  che vi sia un barlume di spontaneità  in Parlamento o ovunque vi sia la presenza della politica. Ovunque il meccanismo della scacchiera è in atto, scompare la spontaneità e compare la strategia..  In particolare i  pedoni sono i galoppini che si prestano ai lavoro di bassa lega. Disposti a sacrificarsi per i loro padroni facendo di tutto, fino a sacrificare la propria figura.. 

Come in una battaglia di scacchi, l'obiettivo è la vittoria, non la collaborazione, è la capitolazione dell'avversario, non la partecipazione al bene del Paese. 

Chi entra (o resta...)  in uno dei partiti attuali, si trova complice di  un mondo in cui le necessità del paese rimangono sullo sfondo o diventano merce di scambio, vengono ignorate un giorno ed il giorno dopo gettate in prima pagina come se fossero la unica cosa di cui il paese ha bisogno. 

Sulla scacchiera valgono apparentemente le regole scritte, ma in realtà  vi sono tante e tante leggi "non scritte" che hanno maggior valore.. Chi non rispetta queste regole viene eliminato senza pietà . Questo implica non avere proprie idee, evitare di perseguire le cose per le quali si è stati eletti etc.. etc.. 

Questo concetto fu ben espresso da un Senatore che mi disse che "la politica è fondamentalmente ingiusta, in quanto non può fare quello che i cittadini desiderano" 

E' vero.  Attualmente brucia letteralmente sie le passioni che le idee...  Se la guardiamo in questo modo, dove mai troveranno spazio le necessità della popolazione ?

Chi viene "beccato con le mani nella marmellata", anche se viene condannato ( nonostante esista la regola non scritta che un pezzo, anche solo un pedone, deve essere comunque difeso da attacchi esterni...)  dopo alcuni giri passati fermo nel luogo di punizione, il cosiddetto "cimitero dei politici", può tornare esattamente come prima. Non costringetemi a fare esempi. Cercate sulla rete e troverete quanti esempi volete.. Basta non farsi fermare dal senso di nausea...

Obiettivo delle squadre che si affrontano è quello di Difendere il proprio RE, difendere (o meglio nascondere..) la eventuale REGINA, e fare si' che le TORRI (I Tesorieri) non cadano nelle mani sbagliate.  Riportando il minor numero di vittime e sacrificando il minor numero di pezzi, occorre costringere l'avversario alla capitolazione.Non c'è spazio per la mediazione, per la collaborazione, se non a parole..

Si badi bene che chi entra oggi in uno dei partiti respira immediatamente quest'aria e capisce che non ci sarà  alcuno spazio per un DIBATTITO INTERNO, per una DEMOCRAZIA della BASE, per il rispetto dei PRINCIPI POLITICI su cui il Partito si Basa.  Un insano "Pragmatismo di Convenienza", alla ricerca smodata di un Facile ed Ampio Consenso, promettendo a tutti cose incompatibili spesso fra loro, si è impossessato delle forze politiche.   


Nessuno piu' crede nei valori di cui si è professato portatore. Crede in quello che, più modestamente, consente di ottenere voti.

 Magari "Pochi, Maledetti e Subito".. 

E allora : via con le acrobazie fatte percorrendo il vuoto su improbabili fili che congiungono parti politiche apparentemente non compatibili...  via: con gli accordi sottobanco, via con la politica fatta alla moda di un "iceberg", quindi per un 80% fatta di nascosto.   Vorrei domandarvi che cosa pensate del 20% che traspare..  E' o no figlio dell'80% nascosto ?

Se cosi' è , il 100% di questa politica è fuori dal controllo della Società  Civile..

Come si fa a cambiare ? Cambiando il modo in cui la politica viene fatta.. Riportandola ai Cittadini.. Sono loro che, conoscendo perfettamente le persone e standoci a contatto giorni per giorno, potranno decidere SE e QUANDO nominare una persona a rappresentarli.

Ma compito della Società  Civile è anche OCCUPARSI DEL PROPRIO RAPPRESENTANTE, evitando che prenda strade strane o che inizi deriva "IMMORALI"

Mi piacerebbe chiudere con un pezzo di un articolo  che risale, pensate, al 4/nov/1948, uscito dalla penna di Don Luigi Sturzo.. Secondo me tutti i Leader politici attuali e tanti, tanti politici potrebbero trovare giovamento nel leggerlo..

IL DECALOGO DI UN BUON POLITICO 
(Sintesi tratta sa "Il Manuale del buon politico" di Don Luigi Sturzo)

  1. E' PRIMA REGOLA DELL'ATTIVITA' POLITICA ESSERE SINCERO E ONESTO. PROMETTI POCO E REALIZZA QUEL CHE HAI PROMESSO.
  2. SE AMI TROPPO IL DENARO, NON FARE ATTIVITA' POLITICA
  3. RIFIUTA OGNI PROPOSTA CHE TENDA ALL'INOSSERVANZA DELLA LEGGE PER UN PRESUNTO VANTAGGIO POLITICO.
  4. NON TI CIRCONDARE DI ADULATORI.  L'ADULAZIONE FA MALE ALL'ANIMA, ECCITA LA VANITA' E ALTERA LA VISIONE DELLA REALTA'
  5. NON PENSARE DI ESSERE L'UOMO INDISPENSABILE, PERCHÉ DA QUEL MOMENTO FARAI MOLTI ERRORI.
  6. E' PIU' DAL "NO" ARRIVARE AL "SI" CHE DAL "SI" RETROCEDERE AL "NO".   SPESSO IL "NO" E' PIU' UTILE DEL "SI"
  7. LA PAZIENZA DELL'UOMO POLITICO DEVE IMITARE LA PAZIENZA CHE DIO HA CON GLI UOMINI. NON DISPERARE MAI.
  8. DEI TUOI COLLABORATORI AL GOVERNO FAI, SE POSSIBILE, DEGLI AMICI, MAI DEI FAVORITI
  9. NON DISDEGNARE IL PARERE DELLE DONNE CHE SI INTERESSANO ALLA POLITICA. ESSE VEDONO LE COSA DA PUNTI DI VISTA CONCRETI, CHE POSSONO SFUGGIRE  GLI UOMINI.
  10. FARE OGNI SERA L'ESAME DI COSCIENZA E' BUONA ABITUDINE ANCHE PER L'UOMO POLITICO


Il mio personale contributo finale :  
Chiamatemi SE e QUANDO.... Ovvero le mie condizioni per una politica che abbia senso......



Allegato Rimosso
Allegato Rimosso
Allegato Rimosso
Allegato Rimosso
Allegato Rimosso
Allegato Rimosso