[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Ecologia] Un sommesso global warning








Abbiate pazienza, concedetevi un minuto per ripensare a quei grandi contributori, a quei pensatori 
del passato scomparsi da tempo e mai rimpiazzati, dei quali ogni tanto amate citare le parole. 
Ricordatene qualcuno e notatelo: non era forse la loro capacità di andare contro corrente, di 
sfidare l'assodato pensiero comune, spesso non contraddicendolo ma semplicemente aggiungendo una 
nuova, inaspettata e disorientante prospettiva, a renderli così preziosi? Non era questa loro 
visione arricchita che ci ha sempre fatti migliorare? Se riuscite a rammentare qualcuno di quegli 
avanzamenti non vi sia allora ostica l'esortazione a non compiere alcuna perorazione politica 
sull'ambiente, clima e territorio senza aver prima denunciato l'intollerabile protrarsi della 
tirannide nei poteri esecutivi e giudiziari dei vari Paesi della Terra.

Scandite chiaro ed incessante il concetto che le umane società debbano divenire dapprima realmente 
democratiche, assegnando con mandato temporaneo i ruoli di tutti e tre i poteri dello Stato, concedendo 
rigorosamente a tempo determinato ogni pubblico impiego ed incarico (così come da tempo avviene nel 
potere legislativo ma non ancora nel potere esecutivo e giudiziario) e solo dopo questa trasformazione 
(che sarebbe dovuta avvenire oltre mezzo secolo fa) ci si potrà permettere di trattare di ambiente.

Prendete coscienza che anche la più legittima delle perorazioni, in società i cui poteri rimangono 
massicciamente antidemocratici, concessi a vita ad una casta di immutabili tiranni, verrà metodicamente 
traviata di modo che le Elite non abbiano a soffrirne ma a danno delle masse, che vedranno caricate su di 
loro tutto il peso dei cambiamenti. Col risultato che anche l'oggetto del nostro interesse, in questo caso 
l'ambiente, non ne trarrà quel beneficio che avremmo diversamento potuto ottenere.

Nulla s'ottiene senza sforzo. Compitene dunque anche voi uno capendo e sviluppando l'idea che, 
se gli scienziati si fossero comportati in modo responsabile, non saremmo qui oggi a lamentare 
un global warming ch'è avvenuto solo per via di poteri esecutivi e giudiziari rimasti 
impartecipabili da persone non desiderose di fare carriera:


La scienza è amica, gli scienziati ancora no
http://hyperlinker.com/ars/scienza.htm


Mentre il clima attrae su di sè l'attenzione dell'intero Pianeta, un sommesso global 
warning sulla limitata visione degli scienziati muova i suoi primi passi e s'affermi.

Danilo D'Antonio
339 5014947

Dipartimento per il GIUSTO MUTAMENTO
http://www.hyperlinker.com/change/