[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Ecologia] Al voto! Al voto! Premio Attila Alessandria 2015.



All'Università di Genova: "Ambiente Delitto Perfetto" e TTIP Transatlantic Trade ad Investiment Partnership (Trattato transatlantico per il commercio e gli investimenti). Giovedì 25 febbraio 2016 ore 16,30 Presso Aula Magna Facoltà di Scienze Umanistiche, Università di Genova Via Balbi nr. 2 16126 Genova
Valerio Gennaro Medico Epidemiologo all’IST di Genova e presidente provinciale di ISDE Medici per l’Ambiente di Genova.
Lino Balza Medicina Democratica sezione di Alessandria, coautore con Barbara Tartaglione del libro “Ambiente. Delitto Perfetto”.
Sergio G. Contu portavoce del Gruppo Stop TTIP Genova. 

Giorgio Nebbia cita "Ambiente Delitto Perfetto" per sostenere che quella dei conflitti è una pagina importante della storia civile contemporanea, non solo italiana. Secondo lo scienziato "La violenza ambientale comporta elevati costi (e anche dolori) privati e pubblici e i conflitti ambientali, rivolti a diminuire tale violenza, rappresentano una forma di partecipazione civile che fa crescere le conoscenze tecnico-scientifiche dei processi produttivi, dei residui che si formano, dei depositi di scorie da bonificare, dei caratteri delle opere pubbliche e private che hanno effetti sul territorio e la natura. Tali conflitti assicurano, quindi, una crescita di cultura e di democrazia, una domanda di leggi più moderne e rispettose dei diritti e della salute delle persone, e possono essere visti con fastidio soltanto da imprese che operano esclusivamente per il massimo profitto e da governi autoritari, entrambi irrispettosi del 'bene pubblico' ". Continua

In “Ambiente Delitto Perfetto” Umberto Eco interprete del commento sulle sentenze del Tribunale di Alessandria. Nel libro, coincidente il giudizio sulla “alessandrinità” del Palazzo di Giustizia. A pagina 4 ci eravamo posti la domanda: “…E, quale emblematico epicentro giudiziario del libro, abbiamo scelto Alessandria, che non si è fatta mancare nulla: amianto, nucleare, chimica, tav, smog; quasi a voler smentire l’abusata definizione del concittadino Umberto Eco, “Nulla di nuovo tra il Tanaro e il Bormida”, che irride il motto papalino sullo stemma del municipio “Deprimit elatos levat Alexandria stratos”, Alessandria umilia i superbi ed esalta gli umili. Le sentenze 2015 Solvay, Michelin, Ilva, smog, Nucleare avranno confermato il luogo comune dell’autorevole semiologo oppure la dedica donata nove secoli prima dall’autoritario papa Alessandro III ?” La risposta è arrivata a pagina 375. D’altronde Eco non si è neppure fatto seppellire ad Alessandria, di cui apprezzava solo la tradizionale “bellecalda”, una farinata di ceci. 
 
Al voto! Al voto! Premio Attila Alessandria 2015. Bisogna scegliere tra questi candidati, i più votati:
Maria Rita Rossa
, sindaco di Alessandria
Tribunale di Alessandria
Claudio Lombardi
, assessore ambiente Comune di Alessandria
Gianfranco Gazzaniga, sindaco Bosco Marengo
Bruno e Mauro Lazzaro, cascina di Castelnuovo Scrivia
Angelo Riccoboni, discarica Sezzadio
Alessandro Guarini, direttore Tazzetti Casale Monferrato
Inviate 1 ( una sola) preferenza a:  
b.tartaglione at tiscali.it
 
Al Direttivo di Firenze di Medicina democratica presentata la 2^ edizione di "Ambiente Delitto Perfetto" ampliato a 530 pagine con la splendida prefazione di Giorgio Nebbia e le "conclusioni" (del libro e non della storia). Le conclusioni riguardano anche il ruolo della nostra Associazione:
....Medicina democratica, che non è un’associazione di medici, anche Medicina democratica Movimento di lotta per la salute vive nel suddetto contesto storico, che non è più quello dei tempi di Giulio Maccacaro, ed è consapevole della propria irrinunciabile impronta genetica: “conflitto” “non neutralità della scienza” “sapere operaio” “non delega” “gruppo omogeneo” “soggettività collettiva” “rischio zero”, consapevole di volere non rischiare la perdita della propria singolare peculiarità, del suo essere “movimento di lotta”, non arretrare anch’essa nella difensiva: dalla “lotta per la salute” alla “lotta per la sanità “, dalle battaglie popolari per la prevenzione primaria dentro le fabbriche e sul territorio limitarsi cioè alla pur sacrosanta difesa della sanità pubblica e a una attività prevalente in campo risarcitorio legale.... continua
Il libro sarà inviato a coloro che ne faranno richiesta a linobalzamedicinadem at gmail.com 
 
Cromo esavalente nell'acquedotto che serve Predosa, Castelferro, Rivalta Bormida, Acqui Terme. I sospetti subito sulla Solvay. Ma servono indagini per verificare altre origini. Presidio di protesta di Comitati e Sindaci.
 
Foto aeree dei No Tav agli scavi e ai cantieri del Terzo Valico. L'aquila drone rivela anche interramenti e cumuli sospetti a Novi Ligure.
 
Il governo non varerà mai il deposito nazionale delle scorie nucleari. A meno di farlo a Bosco Marengo, cominciando ad ampliarlo.  Rinviato all'infinito il deposito nazionale -sicuro per migliaia di anni- grazie ai politici passati e presenti, compresi gli alessandrini che hanno avallato il vulnerabilissimo deposito di Bosco Marengo contro il nostro ricorso al Consiglio di stato (vedi il libro Ambiente Delitto Perfetto e il blog). Ma il deposito nazionale, di fatto, ce l'abbiamo già in casa: cioè quelli cosiddetti "temporanei" che sarebbero prossimi all'ampliamento. Quelli di Saluggia e Trino, nelle contestazioni, sembrerebbero i meno idonei (clicca qui), mentre quello di Bosco trova scarse opposizioni sul territorio, a cominciare dal sindaco che impedisce addirittura l'assemblea pubblica.
 
Processo ad Alessandria per gli schiavi del tortonese. Anche in molte altre aziende agricole della zona sono praticate condizioni di lavoro non solo di grave sfruttamento ma anche di vera e propria riduzione in schiavitù.
 
Può essere condannato uno che all'università di Yale è laureato ad honorem per meriti ambientali?  Addirittura la Corte Costituzionale deve decidere se Schmidheiny può o non può essere processato per i morti Eternit. Sul libro "Ambiente Delitto Perfetto" tutti i pro e i contro dello scandalo della prescrizione.
 
Carta dei Diritti delle Persone con Disabilità in Ospedale.  Il caso della persona con grave disabilità psichica fornita di tutti i documenti d’identità, ma trattata da un ospedale romano come “paziente ignoto” e cercata ovunque dal fratello per giorni e giorni... (continua...)
 
Stop a queste violenze disumane!  Emanare norme più severe e adeguamenti di pena congrui a reati di tale gravità, nonché prevedere controlli più stringenti, atti a prevenire determinati comportamenti, che spesso vedono sempre più coinvolti anziani e bambini con disabilità. (continua...)
 
Messaggio di pace e salute inviato a 14.036 destinatari da Barbara Tartaglione  b.tartaglione at tiscali.it

MEDICINA DEMOCRATICA - MOVIMENTO DI LOTTA PER LA SALUTE onlus 
Via dei Carracci 2 20100 Milano
Sito web
5 x mille 97349700159
Sottoscrizione (Socio+Rivista) ordinaria 35€ o sostenitrice 50€
b/b IBAN IT48U0558401708000000018273
bollettino postale CCP1016620211-IBAN POSTE IT02K0760110800001016620211
entrambi intestati a Medicina Democratica ONLUS
Sezione provinciale:  Via Dante 86 15121 Alessandria Tel. 3470182679 - 3382793381
movimentodilottaperlasalute@medicinademocraticaalessandria.it   
Blog
Pagina facebook
Youtube