[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Ecologia] Noi avevamo vinto prima del 17 aprile. Anzi abbiamo stravinto.



Noi avevamo vinto prima del 17 aprile. Anzi abbiamo stravinto. Su cinque dei sei quesiti referendari il governo era stato costretto alla retromarcia per evitare il voto: abbiamo sventato un piano scellerato con decine di altre piattaforme. Ogni quesito chiedeva di abrogare norme introdotte dal governo per facilitare le trivellazioni e per estromettere Regioni ed enti locali dalle decisioni. Per cinque quesiti il governo ha dovuto modificare la legge restituendo il potere agli enti regionali. Il sesto regalo, in eterno, alla superlobby dei petrolieri esenti da royalty è stato mantenuto in vita anche per farci schiantare contro il muro del quorum e umiliarci ora e in futuro. Ma il governo ha fallito la trappola: nonostante il boicottaggio al quorum (25.393.170 votanti), nonostante il mancato abbinamento con le amministrative (costato 360 milioni di euro), nonostante martellante l’invito illegale all’astensione, nonostante la gigantesca campagna di silenzio e disinformazione del servizio pubblico e dei giornali amici (il TG1 ad es. ha fatto 13 minuti di informazione in una settimana), nonostante bufale di stampo terroristico per spaventare gli elettori così ben disinformati (es. gli 11 mila posti di lavoro a rischio), nonostante tutto ciò milioni di italiani al voto non sono stati uno zero virgola.
Nei referendum del 2000, 2003, 2005 e 2009 votarono dagli 11 ai 13 milioni di italiani. Il quorum fu raggiunto solo nel 2011 (27,6 milioni di voti) ma si votava anche il lunedì. Oltre il 30 per cento degli elettori vuol dire 15 milioni di italiani. 15 milioni in vista del referendum di autunno sulle riforme costituzionali, dove non c’è un quorum, sono una enormità, sono già la conta degli oppositori del premier. Ogni voto è stato un paletto conficcato nel cuore del governo. E dei petrolieri che non potranno più fare i loro comodi di nascosto. E anche senza quorum, il referendum è l’inizio e non la fine della battaglia. Battaglia sulla moratoria su tutte le trivelle nel Mediterraneo.

I NoTav Terzo Valico occupano il Consiglio comunale di Novi Ligure. Si discuteva la modifica del tracciato della nuova linea ferroviaria che creerà gravissimi disagi per il centro storico e problemi idrici per la città e Pozzolo Formigaro. Un centinaio i cittadini hanno risposto all’appello dei Comitati locali stipando l’aula consiliare, poi il clima si è surriscaldato e i manifestanti hanno scavalcato la transenna che delimita il pubblico. Seduta interrotta e rinviata. Continuano dure da anni le contestazioni al sindaco Rocchino Muliere (PD) sostenitore del tunnel di 57 chilometri di questa opera inutile, costosa e dannosa.

Aggiornamenti di primavera dalla Val Susa.

Le ragioni per andare a votare al referendum.  Il notiziario "Ambiente il grande infermo" è tutto dedicato al referendum del 17 aprile, e completa le informazioni con le ragioni di quanti andranno a votare non volendo cancellare la legge. (continua)

Tera e Aqua sul Referendum anti trivelle. Per il nostro mare, le nostre città, il nostro futuro energetico e climatico Rompiamo la censura e il boicottaggio della democrazia. Clicca qui.

Nuova veste grafica della rivista dell'Associazione Medici per l'Ambiente. Notizie  rivolte a tutti, medici e cittadini. Clicca qui.

L' Associazione Medici per l'Ambiente ISDE Italia ci tiene aggiornati sui temi di ambiente e salute. Leggi tutte le notizie di ISDE Italia News!

Le criticità della nuova Convenzione di Medicina Generale. Maggiore impegno sulle visite a domicilio e sulla riduzione dei tempi di diagnosi per molte malattie croniche e rare e il tutto deve avvenire senza ulteriori costi per le famiglie. (continua...)

Il tiflologo, chi è costui? Tutt'altro che un “deus ex machina” per le persone con disabilità visiva. (continua...)

Offendere una singola persona significa farlo anche con tutte le altre persone con disabilità. Una Sentenza “storica” del Tribunale di Verbania. (continua...)

C'è un Ufficio Antidiscriminazione dell'Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili. Svolgerà attività di ascolto, informazione e consulenza alle vittime di discriminazioni, fornendo inoltre assistenza legale. (continua...)

Progressi clicnici sulla FOP Fibrodisplasia Ossificante Progressiva. Malattia genetica estremamente rara, nella quale una serie di frammenti ossei si manifestano nei muscoli, nei tendini, nei legamenti e in altri tessuti connettivi. (continua...)

5000 giovani contro i muri e l'indifferenza. Dalla Grande Guerra alla Grande Pace. Meeting nazionale delle scuole per la pace, la fraternità e il dialogo. Clicca qui il programma

Messaggio di pace e salute inviato a 14.623 destinatari da Barbara Tartaglione  b.tartaglione at tiscali.it

MEDICINA DEMOCRATICA - MOVIMENTO DI LOTTA PER LA SALUTE onlus 
Via dei Carracci 2 20100 Milano
Sito web
5 x mille 97349700159
Sottoscrizione (Socio+Rivista) ordinaria 35€ o sostenitrice 50€
b/b IBAN IT48U0558401708000000018273
bollettino postale CCP1016620211-IBAN POSTE IT02K0760110800001016620211
entrambi intestati a Medicina Democratica ONLUS
Sezione provinciale:  Via Dante 86 15121 Alessandria Tel. 3470182679 - 3382793381