[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Ecologia] Marinella Correggia- il 24 maggio non si protesta contro Trump, asse portante dell'Asse della guerra?



Giro questo messaggio che Marinella Correggia, ecopaxattivista e giornalista, ha inviato a varie liste.

Il 24 maggio Trump incontrera' a Roma Papa Francesco in mattinata, dopo essere arrivato a Roma nella serata di martedi 23 maggio.
Nel pomeriggio incontrera' al Quirinale il presidente Mattarella.

Il giorno seguente sara' a Bruxelles dove chiedera' che i paesi della Nato aumentino davvero le loro spese militari come hanno accettato dopo la richiesta di Obama di dedicare almeno il 2% del Pil ad armi e militari.

Il 26 e 27 Trump sara' poi a Taormina al G7.

A Bruxelles e nelle vicinanze di Taormina, Giardini Naxos, ci saranno iniziative di protesta. Un presidio, anche piccolo, a Roma si unirebbe a presidi vari in Belgio e Sicilia che sicuramente saranno visibili anche sui media.

A Roma e' prevista la sera del 23 maggio una iniziativa di cittadini statunitensi che ritengo vicini al partito democratico USA.

Marco

---------- Messaggio inoltrato ----------
Da: "Mari Cor" <mari.liberazioni at yahoo.it>
Data: 21/mag/2017 12:40
Oggetto: il 24 maggio non si protesta contro Trump, asse portante dell'Asse della guerra?
A: "Mari Cor" <mari.liberazioni at yahoo.it>

Ciao, mando questa email a diverse persone, mailing list e redattori radiofonici di un mondo che dovrebbe avercela parecchio con quel che c'è dietro Trump (e prima dietro Obama, Bush ecc). 

Non c'è bisogno di ricordare quanto faccia Trump (come i precedenti presidenti Usa)per la guerra nel mondo, e a favore dell'asse della guerra (Nato/Golfo) di cui gli Usa sono il capobastone. Guerra ai popoli e anche alla natura.

Quanto venne Bush protestammo in cortei. Quanto venne Obama ci fu almeno un presidio a via veneto (e una protesta purtroppo fallita al Colosseo dove passavano le limousine presidenziali). 

NON SI FA PROPRIO NULLA?

Sarebbe un peccato.

Anche un'azione (senza violenza) non autorizzata ma ben organizzata lungo le staccionate che di certo delimiteranno il suo passaggio. 

Credo che alcuni di Rete No War siano disposti a partecipare, come sempre. Ma occorre o essere in tanti oppure fare qualcosa di eclatante.

Grazie per l'attenzione

Marinella (Torri in Sabina)