[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Ecologia] L'intelligenza è bandita dalla nostra società



 



L'intelligenza è bandita in ogni e più aspro modo dalla nostra tirannica, rigida, dispotica società.

E con essa è bandita ogni soluzione logica, giusta, corretta, appropriata ad ogni genere di problema, economico od ecologico che sia.

L'intelligenza è bandita perché, se le si permettesse di esprimersi, subito comincerebbe col presentare il seguente contrasto di cose:




--------------------------------------------------
 Periodiche AMMINISTRATIVE, eterni AMMINISTRATIVI
--------------------------------------------------



Di questi tempi usare il cervello è una vera dannazione, vista la stoltezza ch'è stata sapientemente seminata sulla Terra.

Elezioni AMMINISTRATIVE: sono il frutto della democrazia, la quale esige il periodico rinnovo degli incarichi.
Impieghi AMMINISTRATIVI: il rinnovo è tuttora impedito dalla tradizionale assunzione a vita di stampo tirannico.

La contrapposizione non può non essere evidente agli occhi e cervelli di ognuno. Sempre che si abbia l'accortezza di tenerli ben aperti ed accesi.

MA COME POSSONO UN SINDACO ED UNA GIUNTA DIVERSI, DA SOLI, POSTI SOPRA UNA MONTAGNA DI CARRIERISTI PUBBLICI, DI ASSUNTI A VITA CHE MAI MUTANO, CHE POSSONO OCCUPARE UN RUOLO PUBBLICO ANCHE PER MEZZO SECOLO, ABBARBICATI AL POSTO FISSO COME COZZE ALLO SCOGLIO, ARRAPATI DI CARRIERA DA NON RIUSCIRE A TENERLI A BADA, CAMBIARE LE COSE?

Di fatto, che si sappia o meno poco importa, Potere Amministrativo e Giudiziario si sarebbero dovuti adeguare al nuovo corso democratico 70 anni fa. Finita la guerra, di questo ci si doveva primariamente occupare. Tant'è che, dopo aver atteso invano una trentina d'anni, i pubblici apparati essendo praticamente rimasti tal quale erano durante monarchia e fascismo ed avendo quindi fatto rimanere la società inerme preda di ogni cricca, elite, lobby e mafia, il nostro Paese si trovò preda di una ribellione tanto violenta quanto incapace di capire dove nascessero i problemi. Ora, trascorsi altri quarant'anni, siamo ancora immersi nel caos di una democrazia realizzata solo in minima parte.

Guaio è che questo terribile STALLO STORICO è esclusiva responsabilità di ogni esperto, professore, ricercatore e scienziato, i quali, invece di far progredire la società rendendola aperta, dinamica, FLUIDA, OSMOTICA, grazie ad una partecipazione costantemente alimentata da nuovi contributori, ancora pongono posto finto-pubblico fisso e carriera al di sopra di tutto. Sarebbe bastato che i dotti (che inculcano le loro idee all'intera società, politici compresi, fin dalle elementari) avessero detto: il Pubblico Impiego va reso Democratico introducendovi il tempo determinato, solo uno Stato Democratico potendo difendere gli interessi di individui e collettività. E la Storia avrebbe preso tutt'altro verso.

Ed invece: esclusione ed ingiustizia sociale, conseguente criminalità, abusi, corruzione, inquinamento, su su su fino al cambiamento climatico ...
Mai sarebbe successo tutto questo se il disegno progettuale delle società, quindi anche economico e politico, fossero stati aggiornati allo status democratico.
Perché in una società compiutamente democratica circolano non solo le informazioni irrilevanti ma anche quelle importanti e sa quindi prontamente reagire.

Sortirà mai qualcuno dal suo guscio d'irresponsabilità a spiegare a cittadini e popoli che la politica (il Potere Legislativo) non potrà mai fare ciò ch'è giusto senza rinnovare con la stessa periodicità anche Potere Amministrativo e Giudiziario? Vi sarà mai qualcuno (ascoltato, noto, stimato, non la nullità di chi, come ora qui, lo afferma incessantemente ma inudito da vent'anni) a dire che la montagna di impieghi pubblici, sottostante l'apice legislativo, agisce come un VOLANO? Se questo è composto da carrieristi, costoro mantengono il potere legislativo ancorato a visioni e decisioni inappropriate, auto-interessate e retrograde. Se invece è anch'esso rinnovato, manterrà il governo su di una rotta delineata da decisioni appropriate, giuste e rispondenti alle necessità del tempo.

Inutile dirlo: il mondo è il prodotto di quello che ognuno di noi fa e pensa durante il giorno.
Continuiamo a non sviluppare queste idee e non potremo che affondare sempre più nel passato.

Da parte mia vengo da 36 giorni di digiuno (interrotto all'ultimo sussulto tellurico di una certa entità sull'Appennino Centrale) per forgiare il mio carattere e dirigerlo ad una pacifica, legale e civile conquista della Res Publica Italiana. Il Potere Amministrativo e Giudiziario appartiene al popolo ed al popolo deve tornare.

Così dev'essere e così sarà.


Danilo D'Antonio
Monti della Laga
0039 339 5014947

http://dantonio.tk

Civilmente, legalmente, pacificamente,
rendiamo democratico l'intero Pianeta!

STATO DEMOCRATICO: APERTO E PARTECIPATO
http://BANCA-del-PUBBLICO-IMPIEGO.tk