[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Ecologia] Ministero Difesa-Faro Patresi: Canone di concessione povero per locale di lusso in luogo stupendo



mercoledì 16 agosto 2017

www.lecorvettedellelba.blogspot.it

Ministero Difesa - Faro Patresi: Canone di concessione povero per locale di lusso in luogo stupendo

Ministero Difesa - Faro Patresi: Canone di concessione povero per locale di lusso in luogo stupendo

L’ incongruità della cifra che pagheranno i concessionari dei fari presenti nel bando Valore paese sarà evidente soprattutto ai commercianti che pagano canoni di affitto superiori per locali molto meno pregiati. Ma a me pare che iI lusso ostentato nella quasi totalità dei progetti vincitori non sia assolutamente in sintonia con la proprietà pubblica dei beni, con la cifra che pagheranno per la concessione, con la crisi economica del nostro paese che probabilmente tocca moltissimi ma non i vincitori del bando.

Al link
“Esito bando 2016” si legge:
Investimenti per oltre 11 milioni di euro: imprese locali e nazionali, imprenditori esteri e aziende di settore si aggiudicano 15 strutture per i prossimi 50 anni. In autunno il terzo bando….
…..Lo Stato incasserà oltre 420 mila euro di canoni annui che, in considerazione della differente durata delle concessioni, ammonterà a quasi 8 milioni di euro per tutto il periodo di affidamento. …..
…..Faro di Punta Polveraia, Marciana, Isola d’Elba (LI) Aggiudicatario provvisorio Alfa Promoter srl Sede Livorno Durata della concessione 17 anni Somma dei canoni offerti attualizzati € 555.344 Investimenti previsti € 815.500.”

Alfa Promoter srl si e'quindi  impegnata a pagare a Difesa servizi Spa una somma di canoni pari a  555.000 euro a prezzi attualizzati per i 17 anni nei quali avrà la concessione del Faro di Patresi nel comune di Marciana all’ Isola d’ Elba. Sono circa 2.700 euro al mese. Allo scadere dei 17 anni Alfa Promoter srl, come tutti gli altri vincitori del bando,  avrà anche buone possibilità di rinnovare la concessione.
Non conosco i canoni di affitto pagati in media dai ristoranti dell' Isola d' Elba ma, conoscendo i prezzi di affitto di alcuni locali commerciali, li immagino molto più alti. Inoltre, per aiutare degli amici ho selezionato negli annunci immobiliari di Roma quelli relativi a fondi di circa 100 mq in alcune zone periferiche. Il canone di affitto richiesto era in media attorno a 1.500 euro. Sono convintissimo dunque che il prezzo sia troppo basso, un regalo vero e proprio.

Alcuni siti che hanno scritto sul bando Valore Paese hanno riportato anche le cifre di canone che i vincitori della gara si sono impegnati a pagare e spesso non hanno capito gli importi dando cifre diverse tra loro e comunque non esatte.

Così l' attenzione e' stata posta sui luoghi bellissimi e sui progetti delle società vincitrici, quasi tutti orientati a locali di lusso.  Locali di lusso in luoghi pubblici e a canoni di concessione incongrui con le ambizioni dei progetti, ma nessuno dei lettori ha potuto leggere i dati esatti dei canoni di concessione.

Due esempi:

 Il Gambero Rosso ha scritto:
Si calcola che l’intervento dei privati produrrà investimenti per 11 milioni di euro, generando pure 200 nuovi posti di lavoro: lo Stato incasserà da ognuno 420mila euro di canone annuo
Ma leggendo il comunicato “Esito bando 2016” si capisce benissimo che non è vero che “lo Stato incasserà da ognuno 420.000”  e che la cifra 420.000 euro è complessiva.

La Stampa ha scritto:
 “ Ha prevalso Lorenzo Malafarina, manager bergamasco del turismo grande amico della scomparsa Franca Sozzani, che ha battuto sul filo Patrizio Bertelli, marito di Miuccia Prada e amministratore delegato del colosso della moda. Il patron del brand “Seventyseven Italian Luxury Heritage” l’ha spuntata mettendo sul piatto dell’Agenzia del Demanio e del ministero della Difesa un progetto di recupero da un milione e un canone di circa 450 mila euro per ciascuna struttura. In cambio ha ottenuto l’affidamento dei fari per vent’anni.

I Prada (che hanno partecipato alla gara per Levanzo, rinunciando poi a farsi avanti per quella di Marettimo) non l’hanno presa male, consolandosi con l’acquisto di gran parte delle proprietà delle isole che tra fine Ottocento e inizi del Novecento erano dei Florio, gli imprenditori delle tonnare e dei trasporti marittimi che su queste isole a un tiro di schioppo da Trapani, celebri per il mare turchese e per la storica battaglia navale che sancì la vittoria dei Romani sui Cartaginesi, erano i signori assoluti.

Dopo avere comprato una villa a Favignana con un giardino nascosto in una vecchia cava di tufo nella località Bue marino, hanno rilanciato sulla vicina isola di Levanzo, acquistando sulla collina il Baglio Florio e in paese la novecentesca Villa Burgarella. E soprattutto oltre quaranta ettari di terreno dove intendono avviare un’attività di produzione vinicola. Il loro super gommone Wally sfreccia nel mare a cercare il migliore pesce, così come fa la spola tra le isole l’idroambulanza da undici metri che hanno voluto regalare agli abitanti in segno di amicizia. Un cadeau da 300 mila euro. Gesto simile a quelli che ha fatto Giorgio Armani nella “sua” Pantelleria donando prima una Tac e poi un mammografo all’ospedale. A ogni isola il suo stilista “

Queste invece le cifre reali offerte per Marettino e Levanzo :
Faro di Punta Libeccio, Isola di Marettimo, Favignana (TP) Aggiudicatario provvisorio Mavi di Vincenzi Nadia & C. sas Sede Castrezzato (BS) Durata della concessione 17 anni Somma dei canoni offerti attualizzati € 342.804 (circa 1.600 euro al mese n.d.r.) Investimenti previsti € 1.100.000
Faro di Capo Grosso a Levanzo Favignana (TP) Aggiudicatario provvisorio Lorenzo Malafarina Sede Azienda Bergamo Durata della concessione 20 anni Somma dei canoni offerti attualizzati € 414.947 (qualcosa meno di 1.800 euro al mese n.d.r.) Investimenti previsti € 700.000.
Il contrasto tra i canoni mensili di concessione e il valore dei molti beni citati nello stralcio dell’ articolo della Stampa mi pare evidente.

Il manifesto di domenica ha dedicato una pagina al progetto per il Faro di Patresi mettendo in evidenza lo scempio ambientale dello stesso e la sua illegalità rispetto alle direttive urbanistiche del luogo.
Credo che sia giusto però parlare anche del lato economico e sociale dell’ operazione, in linea con tutte le altre d’ Italia. Un’ esaltazione del lusso costruita su beni pubblici disponibili a prezzi troppo bassi. Vedremo se altri la pensano come.

E’ tutto legale, non era prevista una base d’ asta, ma assolutamente ingiusto.

Marco Palombo