[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Un piano europeo per la crescita e l'occupazione



Cari amici,

                "decrescita" mi ricorda molto i termini "regresso", "imbarbarimento", ecc. Condivido senz'altro molte delle critiche al modello di crescita attualmente in atto ma ritengo che questo non sia un motivo sufficiente per negare l'utilità del progresso: non è vero che "si stava meglio quando si tava peggio"!

 

Con vivissima cordialità,

Nicola Martini (MFE Castelfranco - TV).

 

 

--------------------------------------------------------------------------------------

UN PIANO EUROPEO PER LA CRESCITA E L'OCCUPAZIONE
Appello del MFE (www.mfe.it) alla Commissione europea e ai partiti europei.
http://www.mfe.it/doc/2005/mfe_appello_direz_01_2005.rtf

 

 

 

 

UN PIANO EUROPEO

PER LA CRESCITA E L?OCCUPAZIONE

 

Appello alla Commissione europea e ai partiti europei

 

 

1. L?economia europea ristagna o cresce a tassi talmente bassi da non creare nuovi posti di lavoro. Nell?ultimo decennio, la disoccupazione media è stata superiore al 9%. Ancora maggiore è la piaga della disoccupazione giovanile. Senza crescita, il modello sociale europeo è minacciato da tensioni alla lunga insostenibili. Da troppi anni, l?economia europea non riesce a tenere il passo con lo sviluppo mondiale. L?allarme deriva sia dalla capacità degli USA e del Giappone di tener testa alle sfide della globalizzazione, sia dal confronto con lo straordinario dinamismo della Cina e dell?India.

 

2. La responsabilità di questa grave situazione ricade sui governi nazionali che hanno creato l?Unione monetaria, ma non l?Unione politica. Nel 2000, a Lisbona, i governi nazionali hanno dichiarato di voler fare dell?Europa, entro il 2010, l?economia più dinamica del mondo fondata sulla conoscenza e l?innovazione. Cinque anni dopo, i fatti dimostrano che i governi hanno ignorato le loro stesse raccomandazioni. La causa di questo fallimento sta nel metodo adottato: il coordinamento delle politiche economiche nazionali, senza la concessione di poteri adeguati di politica economica alla Commissione europea. Se il governo di Washington si limitasse a coordinare i governi della California, dell?Ohio, della Virginia, ecc., probabilmente anche l?economia statunitense ristagnerebbe e sarebbe poco competitiva su scala mondiale. L?Europa ha una moneta forte quanto il dollaro sul mercato mondiale, ma non ha un governo federale dotato dei mezzi necessari per imprimere un impulso di crescita alla sua economia. I piani di crescita al livello nazionale sono necessari, ma vanno inseriti in un coerente piano europeo.

 

3. Per superare le resistenze dei governi nazionali al lancio di un Piano europeo, è bene sfatare due miti correnti. Il primo è quello di un euro così forte rispetto al dollaro da scoraggiare le esportazioni europee. La verità è che i governi nazionali, pochi anni fa, strillavano contro il dollaro forte ed oggi strillano contro il dollaro debole, perché non esiste una politica europea del cambio. Il governo di Washington regola la sua politica monetaria esterna in funzione delle sue esigenze interne. L?Europa subisce, perché i governi nazionali non hanno il coraggio di affidare alla Commissione europea il compito di difendere gli interessi dell?Europa nelle assise internazionali, come il FMI, la WTO e l?ONU. L?Europa deve parlare con una sola voce, anche sulle questioni economiche. Il primo passo è quello di concordare, almeno con i governi di Washington e di Tokyo, delle bande di oscillazione dei cambi. La stabilità monetaria è indispensabile allo sviluppo dell?economia europea e di quella mondiale. E? interesse dell?Unione europea promuovere una nuova Bretton Woods, per costruire un nuovo ordine monetario mondiale al quale partecipino anche i paesi del Terzo mondo.

 

4. Il secondo mito riguarda il rapporto tra Patto di stabilità e crescita economica. Il Patto è necessario per assicurare la stabilità finanziaria nell?area dell?euro. I limiti massimi al deficit e al debito pubblico sono una garanzia di sana amministrazione finanziaria. Il fatto che alcuni paesi non riescano a rispettare i vincoli del Patto è solo un indice della inefficacia della politica economica europea per la crescita, non un difetto irrimediabile del Patto. Il Patto va solo reso più flessibile per tenere in considerazione le difficoltà congiunturali di ciascun paese. Ma l?impulso alla crescita europea non può provenire dal Patto di stabilità. La crescita dell?economia europea deve essere garantita da mezzi europei di governo. Esistono beni pubblici che possono essere prodotti efficacemente al livello locale, altri al livello nazionale, altri al livello europeo. Un Piano europeo per la crescita e l?occupazione è un bene pubblico europeo e richiede mezzi europei.

 

5. Poiché l?economia europea non risponde adeguatamente alla sfida della competitività internazionale, alcune forze politiche e sociali prospettano due false soluzioni. La prima è il protezionismo, la chiusura alla concorrenza mondiale. Sarebbe l?ammissione di una sconfitta. L?inizio della sclerosi e della decadenza dell?economia europea. La seconda è quella dell?abbattimento del costo del lavoro, per recuperare margini di profitto. Il mercato del lavoro deve certamente essere reso più flessibile in alcuni paesi, ma è illusorio pensare che l?industria europea diventi competitiva solo riducendo il tenore di vita dei lavoratori. Si vogliono ridurre i salari europei di trenta volte, per eguagliare quelli cinesi? La caduta della domanda interna deprimerebbe ancora di più la produzione. Sarebbe l?inizio del sottosviluppo europeo. La sola via progressiva è quella dell?aumento della produttività in tutti i settori dell?economia. I vantaggi acquisti con un saper fare eccellente da parte dell?industria, dei lavoratori e dei centri di ricerca pubblici e privati sono la vera ricchezza delle nazioni.

 

6. In Europa, non mancano industrie d?avanguardia, capacità innovative e centri di ricerca eccellenti. Tuttavia, queste qualità non si possono esprimere al massimo livello perché i governi nazionali impediscono una loro efficace organizzazione al livello europeo, facendo mancare i mezzi necessari all?Unione europea. Dove è stato possibile, pur con risorse limitate a propria disposizione, l?Unione europea ha ottenuto risultati di importanza mondiale. Il progetto Galileo di comunicazione satellitare sostituisce il sistema statunitense GPS e sarà probabilmente adottato anche da Cina e India. L?Agenzia spaziale europea ha mostrato con il razzo Ariane e con le prime imprese di esplorazione dello spazio, come la sonda Huygens su Titano, che il saper fare tecnologico europeo non teme confronti. L?industria aeronautica civile, con Airbus, grazie ad una felice combinazione di capitale privato e pubblico, sta conquistando il primato mondiale. Ma questi successi sono minati dalle gelosie nazionali quando si raggiunge la soglia dell?impiego duale civile-militare. E? incredibile la decisione dei governi europei di limitare l?utilizzo di Galileo a soli impieghi civili, costringendo così i militari a dipendere dal sistema americano GPS. Si tratta di una scelta servile e suicida.

 

7. La Commissione Barroso si sta orientando nella giusta direzione. Intende dedicare maggiori risorse al miglioramento del capitale umano, alla ricerca, all?innovazione, alle infrastrutture europee e alla politica industriale, con il sostegno di ?campioni europei?. Ma la coperta è stretta. Il bilancio europeo supera di poco l?1% del PIL e alcuni governi nazionali vorrebbero ridurlo ulteriormente. Pertanto, la Commissione è costretta a tagliare altre voci, tra le quali il fondo sociale, i fondi di riequilibrio regionale e quelli per le politiche ambientali. Inoltre, è nota l?insufficienza strutturale dei fondi che possono essere dedicati agli aiuti allo sviluppo per il Mediterraneo, l?Africa, il Medio Oriente. Infine, dal bilancio europeo sono escluse le spese per la difesa europea. I governi nazionali dicono di voler realizzare una difesa europea, ma con risorse nazionali. In questo modo essi intendono sottrarre la politica di sicurezza al controllo democratico del Parlamento europeo. E? tuttavia dall?interazione tra industria civile e militare che USA e Giappone riescono a trarre importanti vantaggi competitivi per alcune tecnologie d?avanguardia.

 

8. L?Unione europea deve poter contare su un maggiore ammontare di risorse finanziarie. Non si tratta di aumentare il carico fiscale dei cittadini europei, ma di fare a livello europeo ciò che non può essere fatto, o viene fatto male, a livello nazionale. In primo luogo, la Commissione europea deve poter attingere risorse sul mercato finanziario europeo, come poteva fare l?Alta autorità della CECA e come aveva proposto Delors nel suo Piano del 1993, in cui si prevedeva l?emissione di Eurobonds. In secondo luogo, si possono concentrare al livello europeo alcune risorse mal gestite o sprecate al livello nazionale. Ad esempio, parte degli aiuti nazionali allo sviluppo, se affidati al bilancio europeo, potrebbero consentire alla Commissione di lanciare un Piano Marshall per il Medio Oriente e l?Africa. In terzo luogo, il bilancio europeo dovrebbe essere finanziato con risorse proprie, come una tassa ecologica sulle emissioni di CO2 o una tassa sui capitali (eliminando vergognosi paradisi fiscali intraeuropei).

 

9. Un programma d?azione mobiliterà le forze sociali e produttive solo se scaturirà da un pubblico dibattito tra i rappresentanti dei cittadini nel Parlamento europeo e tutte le organizzazioni della società civile. L?Unione deve progredire anche dopo l?allargamento: un gruppo di paesi può decidere di sostenere l?iniziativa, anche nel caso in cui non esista un accordo unanime. La Commissione deve nominare al suo interno un ?Ministro dell?economia e delle finanze? ed affidargli l?incarico di proporre un Piano europeo per la crescita e l?occupazione, indicando con chiarezza i fini che possono essere perseguiti e i mezzi necessari. Un precedente rilevante è il Piano Delors del 1993, che si proponeva di creare 15 milioni di posti di lavoro grazie ad investimenti in reti transeuropee di comunicazione e con altre misure. Il Piano Delors non è mai stato finanziato dall?Ecofin. Ora la responsabilità di un eventuale insuccesso deve essere assunta congiuntamente dal Parlamento europeo e dal Consiglio dei Ministri. Alcuni obiettivi potranno essere conseguiti in breve tempo e senza ulteriori riforme istituzionali. Altri richiederanno modifiche alla Costituzione europea, quando entrerà in vigore, per assicurare un reale potere di codecisione del Parlamento europeo nelle procedure di bilancio. Ma ciò che conta è che al più presto i cittadini europei sappiano che i loro rappresentanti nel Parlamento europeo e la Commissione europea, che ha ottenuto la fiducia del Parlamento, stanno attivamente operando per assicurare ai popoli d?Europa la sicurezza economica e un prospero futuro.

 

MOVIMENTO FEDERALISTA EUROPEO

Sezione italiana dell?UEF e del WFM

Milano, 22 gennaio 2005