[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

decrescita in agricoltura




Intervista/Si chiama Pierre Rabhi: con le sue tecniche insegna ai contadini
poveri dell'Africa

Un agronomo contro la fame

Originario dell'Algeria, vive nell'Ardèche e si è convertito al
cristianesimo Si occupa di sviluppo e di «decrescita duratura» per evitare
il caos del «sempre più»
Catherine Rebuffel
Fonte:
www.avvenire.it

Da Lablachère (Ardèche)

È un ometto secco, con la pelle incartapecorita dalla vita all'aria aperta,
indossa pantaloni di velluto a coste larghe che gli sventolano sulle reni.
Gli occhi vivi sono come due fuocherelli di gioia su un viso che sembra
arrivato direttamente dal Sud algerino. Pierre Rabhi è nato là, sessantasei
anni fa. Oggi è un ascoltato "agro-ecologo" che preconizza, per la nostra
"madreterra", al Sud come al Nord, un'altra forma di sviluppo.
Ha cinque anni quando gli muore la madre. Nell'oasi di Kenadsa il padre è
fabbro, ma anche musicista e poeta, una specie di saggio. Nell'arrivo dei
coloni francesi venuti a sfruttare un giacimento di carbone quel padre
scorge un'opportunità per il suo primogenito. Stringe rapporti con una
coppia di francesi (lui ingegnere, lei istitutrice) che offre di occuparsi
dell'educazione del bambino. Il ragazzo passa continuamente da un mondo
all'altro, dalla scuola coranica a quella laica francese. A dieci anni si
piega all'inflessibile volontà paterna e segue a Orano la coppia dei
francesi. La rottura innescata si rivelerà definitiva per il ragazzo.
Ancora sei anni di immersione totale, di letture appassionate della Bibbia e
dei vangeli, anche dei filosofi, tra cui Pascal, per giungere alla
maturazione completa della scelta, simboleggiata dalla conversione e dal
battesimo cristiano. Il giovane Pierre rompe con l'islam, a costo di
dispiacere al padre e allo zio, noto imam. Ha completamente adottato il modo
di vita occidentale e vive come un "figlio di borghesi". «Ero così
inquadrato che ho radicalizzato il mio comportamento, fino al rifiuto della
cultura d'origine». Pierre Rabhi ha persino pensato di farsi missionario con
i Padri Bianchi...
In realtà continua a cercare se stesso, in un ambiente divenuto instabile,
segnato dallo scoppio della guerra d'Algeria. Riottoso al sistema
scolastico, preferisce formarsi da autodidatta. Bramoso d'assoluto, scrive
ad Albert Schweitzer per offrirgli la sua collaborazione. Questi gli
risponde cortesem ente che gli servono persone con una competenza. Poi, di
colpo, mentre a Orano cresce la tensione, tra il padre e il figlio adottivo
scoppia un litigio all'apparenza banale. Pierre ha quarantott'ore per fare
le valigie. Decide subito di cercare fortuna in Francia, a Parigi.
Ed è là, paradossalmente, che si ribellerà, in maniera radicale ma pacifica,
al mondo che ha scelto. Siamo nel 1958. Trova lavoro nell'ufficio di
un'azienda di materiale agricolo. Poi preferisce il posto di magazziniere,
che gli consente di dare libero corso alle sue riflessioni. La sua (nuova)
"religione" sarà presto fatta: il progresso è solo un alibi che non serve a
migliorare la condizione umana. In nome del sedicente progresso, l'uomo è in
realtà profondamente alienato. «Mi è sembrato che la vita, il patrimonio più
prezioso dell'uomo, venisse confiscata, condizionata all'ideologia del
produttivismo», spiega. «A lungo i popoli si sono trovati in schiavitù
forzata: in questo caso si tratta di una schiavitù volontaria. Al limite, se
lo sforzo collettivo per il progresso si traducesse nell'equità, perché no?
Ma non è così».
Pierre Rabhi aspira solo a ritrovare un'unità, la propria unità. La sua
verità, profonda, sarà di vivere in conformità ai suoi ideali, di tradurre
in atti parole e pensieri. Di trovare la propria armonia. Dall'altro lato,
rifiuta totalmente di vivere in una civiltà "fuori-suolo", come dice, che ha
reciso ogni legame con la natura.
Insieme alla moglie Michèle, conosciuta in fabbrica, decide di andare ad
abitare in campagna, di vivere del lavoro della terra, proprio mentre tanti
compiono il viaggio inverso, partecipando al vasto movimento di esodo rurale
dei primi anni Sessanta. Pierre e Michèle Rabhi scovano una fattoria in
rovina, una vecchia bacheria per l'esattezza, nelle Cevenne dell'Ardèche,
vicino a Lablachère, in cima a una collina dove arrivano solo i carretti su
per un sentiero ripido, con infiniti tornanti. Non c'è acqua, non c'è
elettricità, ma il posto è così b ello!
Dal momento che non sa nulla di agricoltura, Pierre Rabhi decide di formarsi
presso una Casa familiare rurale, mentre Michèle lavora per pagarsi gli
studi. Nuova delusione: l'agricoltura che gli insegnano parla solo di
concimi chimici e pesticidi, nocivi alla salute di chi li sparge. Perciò,
evidentemente, anche alla terra e ai prodotti che l'uomo consumerà.
Rispettare i ritmi della natura, del tempo, per lui resta fondamentale. Non
è contrario all'idea di progresso in quanto tale, ma al modo in cui, secondo
lui, l'umanità ha traviato la propensione a voler padroneggiare sempre di
più il proprio destino. Il colmo della deviazione si colloca, secondo lui,
nell'idea di sviluppo come viene generalmente concepita. «Dopo aver compreso
che ci si era forse spinti troppo lontano nello sfruttamento della natura al
servizio dello "sviluppo", gli si è appioppato l'aggettivo "duraturo". Ma
questa nozione resta assolutamente illusoria. Come si può sperare di parlare
di "duraturo" finché il sistema non rinuncerà alla bulimia?».
A Pierre Rabhi piace parlare di "decrescita duratura": l'unica soluzione, a
suo parere, per evitare il caos che attende al varco andando avanti sulla
strada del "sempre più". «Da una parte, il famoso miracolo economico ha
avvantaggiato (e avvantaggia) solo un quinto dell'umanità. Dall'altra, è
potuto avvenire solo perché i Paesi del Sud hanno fornito materie prime a
buon mercato». Secondo lui, si cominciano a vedere oggi i risultati di
quello squilibrio planetario: ivi compresi quelli provocati dall'impatto
della civiltà "sviluppata" e occidentale sulle altre, quelle dei Paesi
"sottosviluppati". «Bisogna immaginarsi la violenza prodottasi a partire
dalla colonizzazione. I popoli decolonizzati del Sud si sentono nati da uno
stupro, piuttosto che da un atto d'amore. Per di più, si chiede loro di
mettersi velocemente al passo con l'evoluzione che i Paesi occidentali hanno
compiuto in parecchi secoli. Credo che l'esplosione radicale dell'islamismo
co rrisponda attualmente a quella perdita d'identità e a quel bisogno di
riferimenti»...
Ascoltando questo discorso radicale si è tentati di chiedere a Pierre Rabhi
perché non militi tra gli altromondisti. «Perché vi scorgo un'illusione»,
risponde schiettamente. Per lui, l'unica cosa da fare è cambiare l'essere
umano, cominciando con l'insegnargli, fin dalla più tenera età, a essere
solidale con il suo prossimo e non entrare nel circolo vizioso della
competizione. Una delle sue figlie, Sophie, ha messo su una scuola
Montessori accanto alla fattoria familiare. Lui preferisce l'azione alle
riunioni e ai forum mondiali. Insegna le sue tecniche d'agro-ecologia in
parecchi Paesi del Sahel (Burkina Faso, Niger, Mali) e anche nel Maghreb,
per consentire ai contadini poveri di fertilizzare una terra difficile senza
dover ricorrere ai concimi chimici per i quali devono indebitarsi. «Non
avendo costruito il mondo con umanità, si è costretti a fare azioni
umanitarie», provoca.
Certo, Pierre Rabhi si è lasciato tentare dalla politica, quando ha
accettato - su richiesta degli amici - di rispondere all'«Appello per
un'insurrezione delle coscienze» e partecipare alla corsa alla candidatura
per le presidenziali del 2002. Il candidato ha raccolto 180 firme in tre
mesi, insufficienti per presentarsi alle elezioni ma abbastanza per
cominciare a farsi sentire.
Per Pierre Rabhi la politica (il politico) è ovunque, in ogni atto della
vita quotidiana, nel comportamento di ogni consumatore. Coltivare il proprio
giardino (senza concimi chimici, beninteso) è un atto politico, un atto di
resistenza. «Riconduce al senso dell'umano - conclude -. La nostra coscienza
non ci invita a costruire una condizione umana migliore?».

(Traduzione di Anna Maria Brogi
Per gentile concessione
del quotidiano «La Croix»)