[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

COMUNICATO STAMPA - CONTINUA LA VIOLENZA DEL GOVERNO DI SINGAPORE



Comunicato stampa  Campagna per la riforma della Banca mondiale/Mani Tese
DAL CONTROVERTICE DELLE ONG DI BATAM ? INDONESIA


LA VIOLENZA DEL GOVERNO DI SINGAPORE
Arrestato attivista, docente accademico ed economista. Da anni lavora al
fianco di Mani Tese per la costruzione di un mondo più giusto

Milano, 14 settembre 2006 - Le autorità di Singapore hanno fermato e posto
in stato di detenzione Filomeno Santa Ana, stimato economista e accademico
dell'università delle Filippine, esponente della rete di Ong Social Watch,
di cui fa parte anche Mani Tese. I rapporti tra Mani Tese e il professor
Santa Ana sono consolidati da anni, nel 2002 a Firenze era anche tra i
relatori del convegno internazionale organizzato da Mani Tese "Dai cieli
dell'utopia alla polvere della storia".
"Ricordo l'intervento di Filomeno, allora ero consigliere" - riferisce
Gianluca Viaggi, presidente di Mani Tese - " Fu tra i primi che ci parlò di
beni pubblici globali e della necessità di un loro finanziamento a partire
da tasse giuste che gravassero sugli investimenti finanziari. E' un
attivista non violento che ha lottato e difeso i diritti dei popoli
indigeni nel Sud del Pacifico".

Santa Ana aveva un accredito ufficiale come rappresentante della società
civile agli incontri annuali di Banca mondiale e Fondo monetario
internazionale, in programma a Singapore da oggi fino al 20 settembre. Al
momento non sono state rese note le motivazioni dell?arresto di Santa Ana,
che a inizio 2006 aveva partecipato proprio a Singapore a una riunione per
organizzare gli incontri tra la società civile e Banca e Fondo durante il
summit ora in corso. A dare notizia dell?accaduto sono state le Ong
Christian Aid, Third World Network e Action Aid.

"Chi chiediamo fin dove vogliano arrivare Banca Mondiale e Fondo monetario
internazionale con questo processo di criminalizzazione dei movimenti
pacifici e non violenti di opposizione al loro operato" conclude Gianluca
Viaggi.