[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

scorie di cesio nei rottami ferrosi di una azienda siderurgica bresciana Viaggio col Tir radioattivo paura per un camionista




lavoro repubblica di venerdi 19 ottobre 2007

Scorie di cesio nel container con residui ferrosi
Viaggio col Tir radioattivo paura per un camionista

Alessandro Frau sottoposto ad esami medici Acciaierie Venete chiuse per accertamenti

Una giornata con l´incubo della contaminazione radioattiva per un camionista genovese. Alla fine per lui la paura è svanita grazie alle rapide analisi all´ospedale Galliera, mentre resta il giallo radioattivo tra Brescia e il porto di Genova.
Il caso è quello di Alessandro Frau, 39 anni dipendente di una società di trasporti. L´altro giorno aveva caricato un container con residui ferrosi alle Acciaierie Venete di Sarezzo in provincia di Brescia. Appena depositato in banchina il contenitore, ha ricevuto una telefonata dei carabinieri del Noe di Brescia. «Mi hanno detto che il container andava riportato in Lombardia, alle Acciaierie. L´ho fatto e quando sono arrivato mi hanno detto che era risultato radioattivo e che dovevo farmi ricoverare e analizzare per precauzione». Frau è stato dirottato al Galliera, l´ospedale che dispone del Whole Body Counter, apparecchiatura in grado di scoprire tracce di contaminazione da radiazioni. Il professor Paolo Cremonesi, primario del pronto soccorso e specialista delle emergenze Nbc ha isolato il paziente, e si è tenuto in contatto con Arpal, prefettura, vigili del fuoco e Asl di Liguria e Lombardia. Per fortuna Frau non è risultato contaminato.
Discorso diverso invece per le Acciaierie Venete che sono state chiuse per consentire gli accertamenti sanitari. Si è scoperto che era stata mandata alle fonderie una partita di rottami ferrosi - proveniente dall´estero, forse dall´est europeo - che contenevano quasi sicuramente scorie di cesio 137, uno dei metalli maggiormente responsabili dell´inquinamento provocato dall´esplosione della centrale nucleare di Chernobyl. L´indagine dei carabinieri del Noe e della procura di Brescia mira ora a scoprire come sia stata possibile la svista e se vi sia stata contaminazione per gli operai e per l´ambiente circostante.
(marco preve)