[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

dove finisce la spazzatura elettronica?.



martedì 20 novembre 2007
CORRIERE DELLA SERA.it
Dove finisce la spazzatura elettronica? 
 
La denuncia di una associazione ambientalsita di Seattle,
Dove finisce la spazzatura elettronica?

Cina, Nigeria, India: ecco la destinazione dei Pc che gli americani credono di «riciclare»
GUIYU (Cina) – In Cina, ogni anno, viene prodotto oltre un milione di tonnellate di rifiuti tecnologici. Per la maggior parte provengono dall’occidente, ma sta crescendo anche una produzione casalinga. A Guiyu, provincia cinese di Quandong, l’industria della spazzatura elettronica impiega circa 150 mila persone, che lavorano in condizioni sanitarie e ambientali disastrose per recuperare i materiali più pregiati dalle apparecchiature elettroniche. La cosiddetta industria dell’e-waste (spazzatura elettronica) viene alimentata soprattutto dall’evoluta America, i cui consumatori credono di aiutare il pianeta quando in realtà spesso contribuiscono, ignari, al business del commercio dei rifiuti tecnologici. La denuncia è dell’ong Basel Action Network, che già anni fa aveva diffuso un rapporto inquietante sui rifiuti hi-tech Usa che vengono spediti via nave verso altre destinazioni. Del resto, come spiega Kenneth Chan dell’Environmental Protection Department di Hong Kong, è impossibile fermare e controllare ogni singolo container importato da Hong Kong.
NON SOLO CINA – Ma in generale il tema non chiama in causa solo la Cina, bensì molte economie in via di sviluppo: i Paesi ricchi stanno letteralmente inondando di spazzatura hi-tech i paesi del Terzo Mondo. Anziché impegnarsi nel riciclo e nello smaltimento, le nazioni industrializzate scaricano verso i Paesi poveri la responsabilità dello smaltimento. Computer, telefonini e televisioni che finiscono in discariche a cielo aperto o vengono bruciati, liberando sostanze molto tossiche per l’ambiente. Oltre alla Cina, il porto nigeriano di Lagos è uno dei più colpiti. Ma anche molte località indiane e africane.
 
MATERIALI TOSSICI – Gli attivisti stimano, per l’esattezza, che una percentuale che va dal 50 all’80 per cento delle 300-400 mila tonnellate di rifiuti elettronici prodotti finisca in Paesi privi di normative adeguate a questo proposito, alimentando un business pericoloso e immorale. Le sostanze più nocive contenute nella spazzatura elettronica sono il piombo e l’arsenio per i tubi catodici, il selenio e il cadmio. In generale per costruire un Pc sono necessarie sostanze tossiche in una quantità pari a dieci volte il suo peso. Come ha dichiarato Jim Puckett, della Basel Action Network, «stiamo preservando il nostro ambiente a spese del resto del mondo».
Emanuela Di Pasqua