[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: Il Comunismo ha un futuro




Caro Danilo e Car* tutt*,

I tuoi interventi, e i materiali che alleghi sono molto interessanti, e in larga parte li condivido, tuttavia ho un'obiezione, che più che altro è una richiesta.

Un'utopia di per sè è sempre una gran cosa, tuttavia il rischio più grande per le utopie è quello di rimanere nel mondo delle idee e di non riuscire ad incidere nella vita della gente.

La tua mi sembra a tutti gli effetti un'utopia, l'immagine di una società che "non-esiste" in alcun luogo, ma verso cui tu, ed altri, cercate di muovervi

A mio avviso, il punto debole delle utopie è sempre uno: non riescono a definire un preciso *processo* attraverso il quale *rivoluzionare* la situazione *attuale* verso l'utopia desiderata.

Il Comunismo questo processo l'ha focalizzato bene, è codificato nel Manifesto del Partito Comunista, ed è stato applicato nelle varie rivoluzioni che si sono succedute nel ventesimo secolo. Se qualcosa di sbagliato c'è nel Comunismo, non è l'Utopia, quanto il processo necessario a raggiungerla. La Storia dice che il processo rivoluzionario comunista ha (quasi?) sempre portato ad un rigurgito reazionario, quindi è evidente (o almeno lo è per me) che il processo rivoluzionario comunista è inadatto al raggiungimento degli obiettivi che si pone, o quantomeno al loro mantenimento stabile, ed è per questo che negli ultimi anni (diciamo da Berlinguer in poi?) c'è stato un grande tentativo di "ripensare" il processo rivoluzionario comunista in un senso più democratico e non-violento (vabbuò, sto semplificando, ma consentitemelo).

Detto questo... la tua utopia mi sembra molto bella, ma la domanda è: come ci arriviamo?
Esiste un concreto programma economico, politico e sociale, per arrivare a concretizzare le tue idee?
Qual è il "processo rivoluzionario" (o dovrei dire "metamorfico") che può condurci verso la tua visione del mondo e della società *a partire dalla situazione attuale*, passo dopo passo?

Grazie per l'attenzione,

Omar.

Il 25 maggio 2008 16.41, Laboratorio Eudemonia <eulab at hyperlinker.com> ha scritto:





 Il Comunismo ha un futuro
-----------------------------
  a patto di capire cos'è






--
Inviare documenti in formati proprietari (ad esempio Word ed Excel) è dannoso per diverse ragioni, pratiche ed ideologiche. Eccone alcune:
1) I documenti word rendono i tuoi testi molto più "pesanti" del necessario.
2) I documenti word possono contenere virus.
3) inviando documenti word costringi il destinatario a infrangere la legge oppure spendere soldi.
4) l'uso di formati proprietari come word è un freno alla libera circolazione delle informazioni ed all'economia solidale.

Ci sono molte altre ragioni per cui i formati proprietari (in particolare WORD) andrebbero *banditi*: se vuoi saperne di più segui i link indicati di seguito oppure scrivimi chiedendo maggiori informazioni.
Installa software libero (e gratuito) come OpenOffice e spedisci i tuoi documenti in formati aperti come TXT, HTML, PDF e ODT.
E' molto più facile di quanto credi.

http://www.gnu.org/philosophy/no-word-attachments.it.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Software_libero