[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: tutti i costi record del supertreno



A ulteriore conferma di quanto dici segnalo l'ultimo intervento della Corte dei Conti proprio sulla Tav (delibera 25/2008/G, depositata l'altro ieri e ignorata da quasi tutti i giornali): "Queste operazioni pregiudicano l'equità intergenerazionale, caricando in modo sproporzionato su generazioni future (si arriva in alcuni casi al 2060) ipotetici vantaggi goduti da quelle attuali. Sotto questo profilo la vicenda in esame è considerata dalla Corte paradigmatica delle patologiche tendenze – della finanza pubblica – a scaricare sulle generazioni future oneri relativi ad investimenti, la cui eventuale utilità è beneficiata soltanto da chi li pone in essere, accrescendo il debito pubblico, in contrasto con i canoni comunitari". E altro ancora, cf.  

http://www.corteconti.it/Ricerca-e-1/Gli-Atti-d/Controllo-/Documenti/Sezione-ce1/Anno-2008/Adunanza-c/delibera-accollo-debiti-FS.doc_cvt.htm

e a commento: http://www.eddyburg.it/article/articleview/12341/0/162/

 

 

Il giorno 17 dicembre 2008 18.31, tiziano cardosi <tcardosi at indire.it> ha scritto:

Buon articolo quello postato. grazie per il vostro utilissimo lavoro.
Mi preme però farvi notare che il tema dei costi esorbitanti del progetto TAV non è secondario per nulla. Primo perché sono risorse ingentissime tolte a cose molto più utili. In secondo luogo l'inutilità dell'opera è connessa al suo costo: tutte le grandi opere (TAV, ponte di Messina, Mose...) devono essere strutturalmente inutili e non devono risolvere i problemi che dicono di voler risolvere; ciò garantisce ai costruttori la necessità di nuove inutili e costosissime opere. Se poi ci sono danni ambientali come in Mugello tanto meglio: le stesse ditte che hanno provocato i danni saranno chiamate a ripararli a costi fuori di ogni controllo.
L'unico vero motivo per cui si fanno queste grandi opere è per permettere ai maggiori gruppi finanziari italiani di accedere a ingentissime risorse economiche senza alcun rischio di impresa. I costi non sono un fatto secondario, sono l'unica ragione che spiega tante opere folli.
Un saluto
Tiziano Cardosi, comitato contro il sottoattraveramento AV di Firenze
http://notavfirenze.blogspot.com/

ANDREA AGOSTINI ha scritto:
Dal "Secolo XIX"
di sabato13 dicembre 2008

Tutti i costi record del treno più veloce

 

È imminente l'inaugurazione della Milano-Bologna, pagata sei volte di più del TGV francese. Prepariamoci ad articoli di esaltazione pagati o di gratuito servilismo inneggianti al progresso, alle grandi opere, ecc. ecc.