[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

rane rospi foreste



dal manifesto.it
gennaio 2009

Fulvio Gioanetto

Rane, rospi e foreste

Rane, rospi, e altre specie di anfibi sono considerati un «bio indicatore»: la salute di queste popolazioni dice molto sullo stato di salute generale degli ecosistemi, naturali e coltivati. Ma sono popolazioni a rischio, come sottolineano diverse organizzazioni per la conservazione della natura/che parlano di un incombente rischio di estinzione di massa, E infatti il 2008 era stato decretato «anno degli anfibi» dalle organizzazioni ambientaliste intemazionali, che chiedevano a governi e istituzioni di appoggiare un piano globale e programmi conserva-zionisti locali capaci di rallentare la decimazione accelerata di rane e altro.
Gli anfibi sono gravemente minacciati a causa del cambiamento climatico, dell'inquinamento sempre più diffuso negli ambienti in cui vivono, della perdita di ecosistemi umidi e dall'uso di pesticidi. Senza dimenticare la mortale malattia diffusa dal fungo Chytrid che sta devastando le popolazioni di anfibi in tutto il mondo, né l'Introduzione di specie invasore e dalla commercializzazione incontrollata delle rane come animali da compagnia. Un futuro fosco e con poche soluzioni realistiche.
In Colombia, il secondo paese al mondo per diversità di specie di battaci minacciate, sono state decretate due nuove riserve per la protezione di anfibi. La prima, più publicizzata dalla stampa e dai siti web, è nella zona andina a 1.600 metri di altezza, nella regione dì Tolima. nelle montagne di Falan. Qui, alla fine del 2007, due ricercatori avevano annunciato la sorprendente scoperta di due sconosciute variopinte specie di rane velenose, la Ranitomeya doriswainsonae e la Ranitomeya tolimense. L'hanno battezzata «Reserva de anflblos Ranlta dorata», è il risultato di uno sforzo congiunto dell'associazione conserva-zionista colombiana Pro Aves, vari gruppi di protezione degli anfibi affiliate all'Unione mondiale per la conservazione della natura (Uicn), di Conser-vation International e della Nether-land Postcode Lottery, la lotteria nazionale privata olandese. Nella zona esistono sicuramente altre specie di anfibi rare ed endemiche, giacché coesistono distinti microclimi tropicali propizi in quelle macchie di foresta subtropicale umida che hanno potuto resistere al taglio sconsiderato e all'espansione delle piantagioni di caffé. Dichiarava alla stampa colombiana il biologo Alonso Queve-do: -le rane velenose sono suscettibili all'attività umana, con quello che consegue. Nel commercio illegale una piccola rana velenosa può essere venduta ai collezionisti per somme fino a 4.000 dollari, ed è per questo che era necessario creare un'area per la loro conservazione». A qualche chilometro della costa caribica della Colombia, nel paradiso naturale del massiccio montagnoso della Sierra di Santa Marta, c'é l'altra riserva naturalistica e oasi di biodiver-sita per uccelli, farfalle e anfibi minacciati: la Cuchilla de San Lorenzo. Qui un'associazione ha acquistato terreni per un totale di 700 ettari con l'aiuto di Uicn Colombia e della American Bird Association e ha infine dato vita al santuario naturalistico «el Dora-do», dove vivono una decina di specie di anfibi endemici minacciati e una trentina di uccelli unici. Il modello protezionistico qui è diverso: ci sono delle zone nucleo inviolabili, ma attornino a queste esiste un centro ecoturistico e spazi didattici per visitatori. Con coinvolgimento e gestione partecipativa anche dei pochi abitanti locali.