[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

INVITO INCONTRO FORUM DEMOCRATICO PERMANENTE 30.05.2009



Cari amici,

 

Vi invitiamo alla prossimo riunione del Forum Democratico Permanente, il giorno 30 maggio 2009, dalle 16’00 alle 20’00 c/o la sede dei “Missionari Comboniani, via San Giovanni di Verdara  137, a Padova.

 

L’ordine del giorno dell’incontro è il seguente:

 

-          Discussione, eventuali modifiche ed approvazione del Manifesto di fondazione del Forum Democratico Permanente

 

-          Formazione, designazione di incarichi e lancio ufficiale dei gruppi di lavoro

-          Proposta di un sito Internet e di mailing list operative

-          Presentazione del progetto editoriale

-          Conferenza stampa da tenere nell'arco della settimana successiva all'incontro

-          Varie ed eventuali: iniziative e proposte ulteriori.

 

Alleghiamo al presente invito, la bozza del Manifesto di fondazione del Forum.

 

In attesa di rivedervi, un abbraccio a tutti voi.

 

Massimo Rossi, Elda Agnolin, Yvan Rettore, Ilaria Crescenzio

 

 

Bozza di Manifesto di fondazione del Forum Democratico Permanente.

 

Confronti  ed Azioni Costruttive...

 

Un presente ed un futuro vivibili non possono essere determinati dall'uso indiscriminato, senza limiti, delle risorse umane ed ambientali.

 

Non possono derivare dall'aumento  dei profitti aziendali ottenuti diminuendo il diritto al lavoro e alla vita... di numeri crescenti di persone private di qualsiasi diritto di civiltà...e condannate ad uno stato di pura vegetazione  e di supina, accettata morte cerebrale... prima che fisica.

 

Un futuro vivibile non esiste se si continuano a scaricare , fuori  citta...fuori regione...in altri paesi o in altri continenti, nell'aria, nelle acque, nello spazio o sulla luna... volumi, crescenti in progressione geometrica, di  micidiali veleni residuati dalle conosciute lavorazioni industriali...se si continua ad asfaltare o a cementificare la fertilità delle terre...

 

Il dogma dello Sviluppo Illimitato è la follia di chi ripropone, aggravandone  dimensioni e  conseguenze, lo stesso modello delle “libertà imprenditoriali al di sopra di qualsiasi diritto individuale e collettivo “ responsabile di tutte le violenze  e di tutte le crisi che abbiamo conosciuto negli ultimi 150 anni.

 

Questa sembre essere una  affermazione logica, dettata dalla più obbiettiva osservazione della storia e dalla più elementare razionalità matematica, non da un fazioso ideologismo ispirato da ... chissà quale appartenenza partitica...Non vi pare ?

 

Dunque la salvezza di  un futuro vivibile per ognuno e per tutti va cercata in un nuovo rapporto consensuale degli umani fra di loro e in un nuovo rapporto armonico, non conflittuale, dell'intera umanità con i sistemi naturali dell'intero Pianeta...dove tutto si tiene (...basta un battito d'ali di una farfalla nella foresta amazzonica perchè in Europa si scateni la più dirompente inondazione...)

 

E questo RINASCIMENTO ETICO -  SOCIALE - ECONOMICO - ISTITUZIONALE non può essere pensato ed imposto da nessun Super Uomo...e da  nessuna oligarchia onniscente, onnipresente, onnipotente....

 

Nemmeno Dio in terra, il Cristo...volle riuscirci....! Questo è il messaggio più crudo e vero che ci è trasmesso dalla sua morte in croce !

 

Il futuro libero ...perchè consensuale ed armonico... o è costruito consapevolmente e progressivamente da numeri crescenti di umani nonviolenti e  solidalmente, naturalmente  creativi ... o semplicemente...non è !

 

Eppure un numero  consistente di Italiani  sembra ancora credere ad alcuni moderni emuli del terzo re di Francia, il Borbonico  Re Sole - Luigi XIV°, che non si vergognano di dichiarare:...Il Nord-Est sono Io... o....di collocare le proprie persone al di sopra delle leggi uname e divine...e, dopo aver espropriato il popolo della possibilità di scegliere i propri rappresentanti in Parlamento,  di riempire la propria reggia  di costosi nani burloni, di malandrini patentati,  di cortigiane conclamate...

 

Dunque, liberarsi degli oligarchi megalomani iperconsumisti, impazziti e regressivi è uno stato di necessità.   Ma non sufficiente a voltar pagina.

 

Il NUOVO può affermarsi  solo se si  fa spazio alla originale creatività costruttiva di  quanti sono pronti a sperimentare su sé stessi e a consolidare con gli altri le nuove forme di un  diverso modo di produrre, di consumare, di vivere   il flusso delle storie individuali e collettive quotidiane....

 

Come ? Superando la barriera costituita dal sistema della disinformazione  di massa  accentrato progressivamente nelle mani del Re...e dei suoi cortigiani che lo usano per riempire di lustrini, di sciocchezze, e di menzogne la testa e il cuore degli italiani  decerebrati.

 

In Italia molte Donne e Uomini ancora  pensanti  e non rassegnati animano gruppi di cittadini fortemente impegnati a contrastare le  follie  degli speculatori sui beni comuni, sul lavoro degli onesti, sulle fragilità dei deboli...

 

Ma sono tutti perdenti perchè  privati di una informazione non elusiva dei grandi temi, puntuale, veritiera, tempestiva, capillare.

 

Perchè isolati e NON UNITARI nelle loro realtà territoriali e  nelle loro fiere e durevoli resistenze alle diverse  violenze.

 

Perchè privi di un coordinamento e di una rappresentanza comune capace di fare la sintesi dei  loro motivati NO e delle relative, concrete alternative, spesso specificate fin nei minimi dettagli....

 

A causa di  questi limiti... quanto potrà continuare la condizione di nonviolenza assicurata per più di 60 anni dall'impianto della Costituzione Italiana ? 

 

E' realistico prevedere che gli sprechi della Corte Corrotta e Goduriosa e le sue ripetute violazioni della Carta Costituzionale saranno ben presto non più tollerati da numeri crescenti di “cittadini non garantiti” fino  a sfociare in... reazioni dirompenti,   indiscriminatamente distruttive.... e quindi  in conseguenti, feroci, azioni repressive auspicate, attese e spesso anche fomentate dai suini  saldamente insediati al centro della fattoria degli animali....?

 

Ecco allora la decisione di dare vita  in questi giorni ad un FORUM DEMOCRATICO PERMANENTE DEL VENETO.  

 

Un sito elettronico trasparente, a tutti accessibile,  in cui mettere ordinatamente in comune  informazioni, riflessioni, resoconti di studi e di ricerche,  racconti di esperienze, progetti  aziendali, settoriali, territoriali imperniati su nuove regole di equità e di eco-compatibilità...

 

Il Forum sarà strutturato per  aree tematiche  e  chiunque - studente, insegnante, lavoratore, disoccupato, imprenditore, casalinga, artista, pensionato -  interessato ad uno o più argomenti , potrà  accedere liberamente alla lettura dei documenti elaborati da chi si  iscriverà, senza nessun filtro di merito, ai  gruppi di lavoro costituiti per alimentare  ed aggiornare in continuazione ogni sezione del Forum... e per dare vita a periodiche, concrete  iniziative politiche comuni su  obbiettivi concordati, nelle aziende e nelle istituzioni di ciascuna area territoriale....

 

Un Forum che non sostituirà ma  citerà e valorizzerà tutti i siti delle Associazioni e dei Gruppi di base  aderenti; che progetterà campagne  informative  coordinate, televisive, radiofoniche, a stampa completamente libere perchè autofinanziate dalle quote  annuali degli aderenti individuali e dai contributi trasparenti e dichiarati di singole Unità Produttive, Associative  ed Istituzionali che riterranno  doveroso contribuire ad  alimentare una INFORMAZIONE OBBIETTIVA PERCHE' NON UNILATERALE, SENZA SEGRETI E DEL TUTTO ALLA PARI  FRA SOGGETI DEBOLI E SOGGETTI FORTI, FRA SOGGETTI  POVERI E SOGGETTI RICCHI.... svincolata cioè tanto dall'egemonia dei partiti politici quanto da quella  di chi manovra i fondi pubblicitari ( come tutte le altre spese pubbliche....pagati dai consumatori ).

 

I promotori di questo Forum confidano  nel maggior numero possibile di  adesioni personali e di associazioni di base a questo sforzo di NUOVI CONFRONTI COSTRUTTIVI  per la conquista nonviolenta di una urgente NUOVA CIVILTA' DEMOCRATICA.