[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: farsi l'orto sul lavello





On 14/05/2009 at 6.38 ANDREA AGOSTINI wrote:

>da greenreport.it
>06/05/2009
>
>Vivere con cura di M.Correggia
>
> Farsi l' orto sul lavello 
> 
>RIETI. Questa non è una rubrica di cucina, ma di autoproduzione a sfondo
>ecologista sì! Parliamo dunque dei germogli fatti in casa. I germogli di
>cereali e legumi sono ricchissimi di elementi nutritivi (sali minerali,
>vitamine, proteine), fino a 6-7 volte le proprietà delle piante mature, e
>poi antiossidanti. Un cucchiaio al giorno leva (quasi) il medico di torno.
>Ed è possibile avere anche più cucchiai di germogli tutti i giorni con una
>spesa minima: acquistando i semi e producendo sul proprio lavello. L'orto
>in barattolo. La coltivazione senza terra. 




eh certo, per forza di cose "senza terra"

prima sul balcone, ora sul lavello, domani, Marinella, quest'orto dove andrai a fartelo?

su un cucchiaino?


gli ambientalisti sono quarant'anni che focalizzano la mente della gente su cose risibili

dimenticando di dir loro: guardate che qui a schifìo finisce se continuate a sfigliettare

e così in quarantanni siamo quasi raddoppiati e la terra è bell'e finita


>La coltivazione senza terra. 

ci credo! finché ci saranno ambientalisti che oltre a scordarsi di avvisare le masse 
della bomba demografica vietano pure alle persone il sacro diritto di vivere sulla 
propria terra, questo:

>La coltivazione senza terra.

è esattamente ciò che ci tocca


ambientalisti? no grazie, per carità! chiunque altro è da preferire

figuratevi che gli ambientalisti magari sono antiproibizionisti per quanto riguarda l'uso 
delle droghe leggere

ma diventano feroci proibizionisti quando gli esseri umani intendono insediarsi sulla 
terra di loro proprietà

antiproibizionisti sulle droghe leggere che proibiscono all'essere umano di vivere sulla 
propria terra!


ebbene non si liberalizzi l'una cosa proibendo l'altra: libera coltivazione della canapa 
e libero insediamento umano (non d'impresa commerciale ma puramente umano) sulla propria 
terra! Tierra y Libertad!



"... India's population continues to grow and demand for water -- for irrigation, 
industrial and personal consumption -- keeps mounting; yet no government has given enough 
thought to husbanding the country's water resources. Tensions over the use of water 
simmer across India. Sooner or later, they will explode. In the months after a bad 
monsoon, for example, there could be a flare-up between neighbouring regions over the use 
of a shared river; this could lead to strikes and protests that paralyse parts of the 
country ..."

http://election.rediff.com/report/2009/may/13/guest-a-head-start-for-indias-next-prime-minister.htm


noi italiani, facendo parte del primo mondo, potendo meglio accedere alla cultura, 
avevamo il dovere di dare il buon esempio e di fermare le nostre nascite

così anche altri Paesi ci avrebbero seguiti

invece per colpa dei sacerdoti dell'ambiente, dei preti dell'ambiente, sarebbe a dire 
degli ambientalisti, che hanno focalizzato la mente delle persone su cose di ben minore 
importanza, coloro i quali hanno invece provato ad informare correttamente, col giusto 
ordine di priorità, quindi con la questione demografica in prima fila, sono stati mal 
considerati e non creduti


ebbene è ora che la gente sappia tutto ciò e che dìa all'ambientalismo il definitivo ben 
servito


Danilo D'Antonio


Prendere posizione sull'ambientalismo:
http://www.hyperlinker.com/change/ambientalismo.htm