[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: chi usa gli ultimi della terra



Nel febbraio 2009 il 41 bis è stato inasprito con voti bypartisan  per i condannati di mafia e camorra. Il provvedimento restrittivo era in scadenza ma è stato allungato di 4 anni.
I detenuti sottoposti a regime speciale dovranno essere ospitati in istituti a loro esclusivamente dedicati, preferibilmente nelle isole (Ricordate che la chiusura di questi era richiesta nel papello). I colloqui con i parenti dovranno sempre essere ascoltati e registrati. I colloqui con i difensori non potranno essere più di 3 a settimana. La permanenza all’aperto non potrà superare le due ore e non potrà aver luogo tra più di 4 persone. Saranno introdotti alcuni accorgimenti per evitare che si comunichi tra detenuti, si scambino oggetti e si cuociano cibi.  Schifani era molto soddisfatto. Gasparri idem.  Lo stesso d’Alia e Cuffaro dell’Udc.
Permettere di cuocere cibi vuol dire introdurre dall’esterno alimenti che possono contenere messaggi, come è già accaduto.
La reazione della mafia non si è fatta aspettare e pare che adesso il Pdl si muova in senso opposto. A novembre Renato Farina è andato a radio Radicale a denunciarne la disumanità.
Sotto il 41 bis ci sono attualmente 82 capi-mafia, tra cui Totò Riina e anche Giuseppe Graviano, il capo della famiglia mafiosa di Brancaccio, che, secondo il pentito Gaspare Spatuzza, avrebbe concluso intorno al Natale 1993 una sorta di accordo politico con B sul suo silenzio sul patto B-Mafia, dopo di che come premio è uscito dall’isolamento diurno. Si è detto:  perché la legge scade dopo 3 anni, ma la cosa non è affatto chiara.. Di Pietro, che di leggi ne dovrebbe capire, ha detto: “Il nuovo anno non inizia bene. La revoca dell’isolamento diurno al mafioso Graviano è un segnale inquietante che non aiuta certo la credibilità della giustizia. Tra l'altro ciò avviene pochi giorni dopo il silenzio omertoso del boss e, al di là delle intenzioni, rischia di apparire come una ricompensa»
Certo è che nelle carceri i boss mostrano segni d’irrequietezza e d’impazienza e la revoca del 41 bis  tra le cose chieste a B dalla mafia. Proprio i fratelli Graviano starebbero cercando una soluzione per il 41 bis che salvi la  faccia a B e smetta di tenere in isolamento loro. Insomma sembra ci sia un grande ricatto in corso. O rispettate i patti – comunica la mafia – o noi cominciamo a far sapere come sono andate realmente le cose negli anni delle stragi. Nel 2002 i Graviano avevano iniziato una corrispondenza tra boss detenuti con inquietanti riferimenti a bombe, alla  “cappella Sistina”, al “museo egizio di Torino”, al Milan (la squadra di B) e a FI.
E boss del calibro di Luchino Bagarella aveva accusato la politica di aver “strumentalizzato” i detenuti.
Difendere ora la possibilità di Riina di cuocersi i pasti mi pare francamente fuori luogo. I detenuti comuni vengono massacrati, pensate a Stefano Cucchi o Aldo Bianzino. L'anno scorso sono morte in carcere 1560 persone, di cui 650 suicide. Questa compassione per i poveri mafiosi mi puzza parecchio.
Si sospetta che siano stati "ammazzati" in carcere nel 2009 Stefano Cucchi (morto pure il testimone), Aldo Bianzino, Rocco Lo Presti 72 anni Torino, Francesco Lo Bianco 28 anni Ucciardone (PA), un dDetenuto algerino 42 anni di Roma, Ihssane Fakhreddine 30 anni Firenze, un detenuto italiano 27 anni Campobasso, un detenuto marocchino 30 anni Padova, Anna Nuvoloni 40 anni Sollicciano (FI),Rino Gerardi 38 anni Venezia S.M.M., una detenuta italiana 28 anni Sollicciano (FI), Gerardo D’Argenzio 42 anni  Lecce, Vincenzo Marino 44 anni  Rebibbia, Francesco Mastrogiovanni 58 anni Salerno, Salah Ben Moamed 28 anni Ascoli, Daniele Salvatori 26 anni Sulmona, Elio O. 35 anni , Frosinone.
 
Viviana
 
From: tiziano cardosi
To: economia at peacelink.it
Sent: Friday, January 15, 2010 9:06 AM
Subject: Re: chi usa gli ultimi della terra


non sono un esperto giurista, ma questa cosa del 41bis ha aspetti che non sono solo di lotta alla mafia
le norme del provvedimento dovevano impedire che i mafiosi in carcere comunicassero con l'esterno
sono un vicino di casa di un brigatista dell'ultima serie, quelli che in 10 persone pensavano di sollevare le masse
non è direttamente accusato di omicidio ma ha tre ergastoli
so che è detenuto con le norme del 41bis, anche se il loro gruppo è totalmente inesistente oggi
nell'ultimo inasprimento delle norme del 41bis hanno messo il divieto di prepararsi un pasto in cella
forse che con gli spaghetti mangiati in solitudine si lanciano messaggi politici?
credo che il 41bis avesse senso per reati di mafia, adesso viene usato solo con spirito di vendetta
credo ci dobbiamo riflettere
un saluto
TC

Viviana ha scritto:
Caro Claudio
questo è un blog di estrema sx
Guarda da te come la pensano
http://bellaciao.org/it/spip.php?article25214

viviana

----- Original Message -----
From: Claudio Bazzocchi
To: economia at peacelink.it
Sent: Thursday, January 14, 2010 1:24 PM
Subject: Re: chi usa gli ultimi della terra




Il giorno 14/gen/2010, alle ore 13.08, Viviana ha scritto:


Se l'estrema sinistra detesta il 41 bis, è perché esso colpisce con l'isolamento anche coloro che sono tacciati di terrorismo per atti o parole contro i vari regimo. E in questo la sinistra radicale non ha alcuna  considerazione del fatto che chiedere l'abolizione del 41 bis finisce col favorire la mafia, i cui boss dal carcere continuano a reggere le fila del sistema criminoso, una mafia , che, anche numericamente e dal punto di vista della pericolosità sociale e della diffusione sul territorio conta molto di più del pericolo eventualmente costituito da pochi brigatisti rossi o simili.
Viceversa potremo giurare che l'abolizione del 41 bis che già comincia a essere richiesta in sordina da membri meno noti del Pdl e che risponde alla richieste di Provenzano a Berlusconi, arriverà alla ribalta, magari  inserita come emendamento secondario al solito carrozzone multileges decretato e imposto alla fiducia. E potremo giurare altresì che ci sarà una eccezione per mantenere il carcere duro e l'isolamento per tre anni a chi è invece accusato di attentare con atti o parole al potere costituito. E, se ciò avverrà, sarà col beneplacito di quella Comunità Europea che nel Trattato di Lisbona arriva a sostenere che la pena di morte è lecita se applicata a chi si ribella a un governo. Lo dice in una nota? Sia pure. Sarà l'ulteriore atto di ipocrisia di un sistema fascio-liberista che non ha la faccia di sconfessare pubblicamente quei principi e valori che nei fatti ormai sono messi in catene
viviana

scusate, posso sapere chi della sinistra radicale detesta il 41 bis?
Mi sono perso qualcosa?
O forse Viviana pensa che la Bonino sia parte della sinistra radicale?
Queste liste di peacelink, ultimamente, sono sempre più piene di parole, insulti in piena libertà...


Claudio Bazzocchi
Bologna


INDIRE(INBOUND): messaggio controllato dal server antivirus