[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

i consumatori mettono a nudo le banche



DA REPUBBLICA.IT
SABATO, 03 APRILE 2010
 
I consumatori mettono a nudo le banche
 
Interessi, spese e rischi d´investimento, su Internet confronto in tempo reale 
Dodici associazioni in campo, due motori di ricerca a disposizione per scegliere le offerte più convenienti
 
RAFFAELE NIRI

per comprendere il livello di aspettativa, basta un dato: un ligure su quattro, prima di prendere qualsiasi decisione in tema di soldi, si rivolge ad almeno tre istituti bancari diversi. Tradotto, significa che gli altri tre liguri (su quattro) danno per buono quello che offre la propria banca. E, spesso, ci perdono del denaro.
Il materiale pubblicitario «è in corso di stampa». La campagna di informazione ai consumatori genovesi «partirà subito dopo Pasqua e sarà capillare». Ma, ormai, i tempi delle tecnologie "bruciano" quelli - necessariamente molto più lunghi - delle iniziative "di carta": in attesa che parta la campagna, dodici associazioni dei consumatori stanno mettendo a punto due motori di ricerca. Il primo metterà a confronto tutti i conti correnti col proprio, il secondo consentirà di confrontare il proprio titolo obbligazionario. «I titoli sono obbligazioni semplici, non strutturate, denominate in euro, quotate su mercati ufficiali - spiega Vittorio Bigliazzi del Movimento Difesa del cittadino, una delle dodici associazioni genovesi coinvolte - Per ciascuna obbligazione selezionata viene fornita una scheda dove sono riportate le caratteristiche anagrafiche e una serie di indicatori che consentono di percepire il grado di rischio di credito e di mercato del titolo alla data e quello rilevato negli ultimi sei mesi». Ma, sia per utilizzare il servizio "Investimenti informati" che per misurarsi con i "Conti correnti a confronto", non si spenderà un euro: il Consorzio PattiChiari e le dodici associazioni (oltre al Movimento Difesa del cittadino, Adiconsum, Adoc, Assoutenti, Casa del consumatore, CittadinanzAttiva, Codacons, Codici, Confconsumatori, Lega consumatori, Movimento consumatori, Unione nazionale consumatori) «intendono sviluppare ulteriormente la partnership intrapresa da alcuni anni. Si tratta di rispondere all´esigenza, che da anni si registra anche nel mondo dei servizi finanziari, di "fare shopping" informandosi sulle offerte dei diversi intermediari».
Nella prima fase della campagna le associazione dei consumatori inviteranno i cittadini consumatori ed i propri associati a testare il motore di confronto dei conti correnti e quello sulle obbligazioni e a dare il voto alla doppia iniziativa. Testato il servizio non ci sarà più bisogno di passare attraverso le associazioni e il servizio, che resterà gratuito, diventerà una delle tante opportunità di controllo via Internet.