[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

caraffe filtri e depuratori per l'acqua?



da ilsalvagente.it
luglio2011
 

Caraffe, filtri e ''depuratori'' per l'acqua: quando servono davvero

Pro e contro i metodi di purificazione sul Salvagente da oggi in vendita on line.
Barbara Liverzani

L’acqua italiana è di buona qualità. Ce lo ripetono in continuazione esperti, associazioni ambientaliste, da ultima anche un’azienda della grande distribuzione.
Lo ripetono in tanti, ma gli italiani ci credono poco. Almeno a giudicare dai numeri: il business delle acque in bottiglia non conosce crisi e nel 2009 (rapporto Beverfood 2010-2011) abbiamo mantenuto il primato europeo nel consumo di acqua minerale con 192 litri/abitante consumati. Più del doppio rispetto alla media europea.
E questo non è l’unico segnale dello scetticismo diffuso verso gli acquedotti nostrani: chi non opta per la "bottiglia" si affida sempre di più (grazie anche a tecniche di vendita a dir poco aggressive) a qualche sistema di depurazione o filtraggio domestico. Si va dalle caraffe filtranti da 20 euro a dispositivi ben più invasivi e costosi, come quello a osmosi inversa, che possono arrivare a costare fino a 3mila euro.
Soldi ben spesi? È quanto si è chiesto il settimanale il Salvagente nel numero in edicola giovedì - e che potete acquistare da subito on line nel nostro negozio vituale - che passa in rassegna i 5 metodi più utilizzati (di seguito le schede di pro e contro per ogni famiglia di apparecchi) e pubblica la mappa dell’acqua di rubinetto in 20 capoluoghi, per capire quando effettivamente c’è bisogno di filtrare il prezioso liquido prima di berlo.

Il nemico immaginario
In ogni caso, spiegano gli esperti, se può avere senso comprare un apparecchio di filtrazione per intervenire sul fastidioso sapore di cloro di alcune acque (ma basterebbe far riposare per un po’ il liquido in una brocca "normale"), meno sensati sono quegli interventi volti a ridurre la durezza.
Innanzitutto perché, al di là della credenza che un’acqua poco calcarea sia da preferire per la salute, in realtà una giusta quantità di ioni di calcio e magnesio non è affatto dannosa per l’organismo umano.

Calcio e magnesio fanno bene
Il calcio è indispensabile per prevenire malattie delle ossa come l’osteoporosi, e svolge anche una azione protettiva contro alcuni tipi di tumori. Il magnesio è importante per numerose funzioni metaboliche e per l’attività muscolare e nervosa. Non esiste nessuna controindicazione neanche per chi soffre di calcoli renali.
A conti fatti, l’unica utilità di apparecchi di questo tipo è rispetto alla "vita" e all’efficienza degli elettrodomestici, che possono incrostarsi.
Ma attenzione: è consigliato intervenire solo se l’acqua ha una durezza tra i 20 e i 25°F, altrimenti il rischio è di addolcirla troppo con conseguenze altrettanto nefaste sulle tubature. Peggiorano decisamente la qualità dell’acqua, privandola per lo più di preziosi sali minerali come il magnesio e il potassio, i dispositivi a osmosi inversa. Il loro uso è giustificato e consigliato quando l’acqua domestica ha un’elevata concentrazione di nitrati, sostanze inquinanti che è meglio evitare.
La legge 31/01, che detta i parametri e i valori di riferimento per l’acqua potabile, fissa per i nitrati il limite di 50 milligrammi/litro, ma potrebbe essere interessante limitare questo dato a valori inferiori, per esempio, a chi ha bambini, visto che l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) indica per la prima infanzia il valore guida di 10.

Scandali e paure
Neppure gli "scandali" recenti come quello dell’arsenico (presente ben oltre i limiti di legge in alcuni Comuni italiani, soprattutto nel Lazio) sembrano giustificare il ricorso a tutti i costi ai sistemi di filtraggio. "Quello che è successo con l’arsenico è molto grave, soprattutto per la mancata comunicazione ai cittadini, e vanifica il nostro lavoro per incentivare l’uso dell’acqua del rubinetto", spiega al Salvagente Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente. "Ma quel problema riguardava una fascia ristretta di popolazione, un sessantesimo circa di quella italiana. In generale la nostra acqua è sicura e sottoposta a controlli frequenti (almeno 4 l’anno, ndr) e a parametri di riferimento molto più stringenti, per esempio, di quelli delle acque in bottiglia".


Le schede: pro e contro di brocche, filtri e "depuratori"
Il settimanale il Salvagente nel numero in edicola da domani pubblica la mappa dell’acqua di rubinetto in 20 capoluoghi. Uno strumento utile per capire quando è necessario intervenire per purificare quello che arriva nel bicchiere.
E proprio ai metodi di purificazione è dedicata una parte dell’inchiesta del settimanale. Vi anticipiamo le schede sulle diverse famiglie di apparecchi.
Filtri a carbone attivo
PRO: sono utili in caso di acque dal forte sapore di cloro, usato nella fase di potabilizzazione in acquedotto per preservare l’acqua da eventuali contaminazioni durante il viaggio nelle tubature. Questi filtri trattengono il cloro e le sostanze clorate oltre che inquinanti organici come pesticidi e solventi industriali.
CONTRO: non eliminano batteri e nitrati e non agiscono sulla durezza dell’acqua. Le loro caratteristiche ne fanno un luogo di coltura per germi e batteri. Inoltre i loro pori sono così piccoli che bastano 150 metri cubi di acqua (il consumo annuo medio di una famiglia di 4 persone) per otturare il dispositivo: per questo richiedono un’attenta manutenzione e un ricambio frequente.
Addolcitori (filtri a scambio ionico)
PRO: agiscono sulla durezza dell’acqua in quanto trattengono il calcio e il magnesio. La loro funzione anticalcare è utile solo per gli elettrodomestici, in quanto un’acqua molto dura può dar luogo a incrostazioni delle tubature, ma non ha alcune effetto sulla salute. I sistemi di addolcimento più diffusi sono i dosatori a scambio ionico, filtri con speciali resine impregnate di ioni di sodio: al passaggio dell’acqua innescano un processo chimico che trattiene gli ioni di calcio e magnesio e rilascia gli ioni di sodio.
CONTRO: se l’acqua del rubinetto non è particolarmente dura, il filtro rischia di addolcire troppo l’acqua scendendo sotto il valore di durezza consigliato per legge (15°F). Attenzione: un’acqua molto addolcita rischia di corrodere le tubature per via del pH acido.
 
Microfiltrazione
PRO: è un sistema di filtraggio a sedimenti che non utilizza un particolare principio di funzionamento (scambio ionico o osmosi inversa) ma agisce come un colino che trattiene i microresidui solidi in sospensione nell’acqua, dal terriccio alle microparticelle di tubazione. L’acqua passa attraverso una membrana microporosa (in propilene o nylon) con diametro dei pori inferiore o uguale ai 50 microgrammi.
CONTRO: agisce solo come chiarificatore dell’acqua, ma non la tratta. Non è cioè in grado di trattenere i batteri, né di influire sul sapore di cloro né sulla durezza.
Osmosi inversa
PRO: sono tra i sistemi di filtrazione più usati e anche più costosi (intorno ai 3mila euro). Riescono a trattenere la maggior parte del contenuto salino dell’acqua: dal 90 al 99,9% di sostanze disciolte, compresi i nitrati. È solo nel caso di acque molto ricche di questi elementi che può aver senso l’uso di questi sistemi di filtraggio. La tecnica utilizzata è di tipo meccanico: l’acqua viene forzatamente condotta, alzandone la pressione, attraverso una membrana semipermeabile attraverso la quale riescono a passare solo alcune sostanze e in determinate quantità.
CONTRO: danno origine a un’acqua ultraleggera privata per la quasi totalità di minerali, praticamente distillata. Idonea per il ferro da stiro, ma non per essere bevuta. Inoltre c’è un problema di spreco. Questi apparecchi separano l’acqua in due flussi: da una parte viene indirizzata l’acqua purificata, dall’altra quella scartata (ricca di sali minerali), che è in quantità molto maggiore. Per ottenere un litro di acqua osmotizzata ne servono almeno 5.
Brocche filtranti
PRO: sono i sistemi di filtrazione dell’acqua più economici, dai 10 ai 40 euro. Utilizzano dei filtri a carbone attivo (in grado di trattenere il cloro e altre sostanze inquinanti) e una percentuale di resina a scambio ionico (che incide sulla durezza dell’acqua).
CONTRO: il ristagno dell’acqua nella caraffa può originare una proliferazione batterica per questo alcuni filtri sono addizionati con composti a base di sale di argento che svolgono un’azione batteriostatica. Richiedono una manutenzione attenta e frequente in quanto il deterioramento del filtro a carbone attivo potrebbe rilasciare nell’acqua sostanze dannose, come l’ammonio e l’argento. Negli ultimi tempi sono finite nell’occhio del ciclone, accusate di impoverire eccessivamente l’acqua di calcio e magnesio, salutari per l’organismo umano e, al contrario, di innalzare eccessivamente i livelli di sodio e potassio.