[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

AVVENTURIERI DELLA PENNA.





In movimento per ecologie, vivere insieme, economia sostenibile, bioregionalismo, esperienza del se' (personal development).

martedì 14 febbraio 2012

De la politique.. à l'amour, à la guerre.. con gli avventurieri della penna



E’ un po’ di tempo che i grandi uomini dal pensiero contorsionista: Politici, Affaristi, Giornalisti e Plagiati o Svitati avventurieri della penna, non riescono a distaccarsi dalle ideologie di gloria e di egoismo fomentando il razzismo di opinione: prima con le guerre di sopravvivenza e di espansione, poi le guerre di Religione, poi Nordisti contro Sudisti, dove non è chiaro da che parte stanno, tralasciando importanti opportunità attuali sulla Mafia diffusa nelle Istituzioni, i Politici Collusi, i nuovi Italiani, i tanti Clandestini dove si è persa la conta, la Droga a go go, ecc.

Questa volta invece tanto per cambiare, hanno fatto un salto di qualità, prendendo di mira gli “Ebrei”, incolpandoli di tutti i nostri fallimenti Nazionali, mentre il Paese continua ad affondare per le continue cure Marziane imposte da parte di Alieni piovuti dallo spazio direttamente in Politica, certamente non per colpa degli Ebrei, ma semplicemente perché siamo stati abituati a vivere con il callo della Speranza e della Fiducia, divenute parole tradizionali di complemento, delegando incapaci dalla faccia di tolla, specialisti in tutto fuorché in Politica, a giostrare le nostre vite contro gli interessi della Comunità.

Il mondo è un’unica palla contenente esseri viventi quadrupedi, bipedi, volatili, acquatici, vegetali, insetti, batteri, ecc., tutti liberi per natura, dove fra questi non mancano le teste svitate le quali tendono a guidare il Pianeta alla suddivisione in spicchi, livelli, zone, distretti, per un controllo più accentuato degli interessi personali, creando Leggi e Regolamenti restrittivi.

Pare che I soldi del nostro lavoro non ci appartengono più, e sono divenuti proprietà dello Stato, concessi in misura ridotta per grazia del Potere.
Con chi prendersela? Tutto apparecchiato a dovere e attraverso la diffusione della Fede hanno carpito la nostra fiducia: gestiscono di prepotenza le nostre risorse, si sono impossessati dei capitali, delle materie prime, delle sementi, dell’acqua, dell’energia ed hanno le nostre vite in pugno.

Dalle poche esperienze positive della vita si possono percepire le indicazioni sul possibile cambiamento per migliorare la nostra esistenza con la meditazione e la saggezza, ma a queste virtù spesso manca la volontà dell’azione.
Tutto intorno a noi sembra morto, il lavoro, la Giustizia, i Sindacati, le Opposizioni, persino la Fede ci sfugge dal Futuro incerto del Credo.

In Italia, molti esseri non si allontanano dal proprio luogo di nascita e dopo il lavoro si riuniscono nelle osterie dove uno ragiona per tutti, e detta il ragionamento come al tempo delle camice rosse.
Il mio destino invece mi ha guidato a esplorare il mondo toccando molte Nazioni nei cinque Continenti, e in ogni continente ho potuto raccogliere importanti informazioni dai miei contatti di lavoro con la gente comune.
Per non rattristarvi non accennerò la povertà e la miseria riscontrata in alcune zone del mondo completamente abbandonate, le quali fanno la ricchezza dei grandi predatori di affari, ma la miseria incalza persino in Nazioni ricche suddivise da un parallelo con sfacciata ricchezza da un lato e pietosa sofferenza umana dall’altra.

Il nostro Paese ha subito una vera punizione durata lunghi anni, seminando rivendicazioni e sofferenze, dove la parte che avrebbe dovuto bilanciare la vita media del Cittadino, è stata assorbita impunemente dall’egoismo del benestante, assecondato dalla Mala Giustizia con tendenza a punire il più debole, la Mala Sanità che ha arricchito molte Regioni, l’Industria in crisi per effetto della Politica negativa, I Sindacati che non hanno più ragione di esistere, esattamente come pure le Opposizioni Politiche e quasi tutte le Istituzioni in Collusione con la Mafia, il Potere ha preso il sopravvento per mancanza di controlli da parte di uno Stato morente.

L’Australia. Vorrei raccontarvi un fatto che ha colpito i miei ricordi di vita Australiana, dove ho vissuto con la famiglia per dieci anni della mia vita.
L’Australia è immensa, più di ventisei volte l’Italia, dove gli inquilini di un condominio del nostro Paese, possono occupare un’intera via di singole ville con tanto di giardino, in un’atmosfera sociale che può essere di esempio alle contraddizioni Politiche, Religiose, Razziali che infuocano il mondo Occidentale, soprattutto in l’Europa, con l’Italia in cima alla lista del malcontento.

In Australia, i miei vicini erano di varie provenienze: Inglesi, Tedeschi, Cinesi, Ebrei, Francesi, Americani, Italiani, Greci, Iugoslavi, Africani, appartenenti alle più immaginarie ideologie di Fede, e i nostri rapporti di rispetto e di vera amicizia, dimostravano maturità e consapevolezza di appartenere a un’unica stirpe umana, senza patologie di superiorità o di disprezzo per le diverse origini di provenienza o di Credo.

Da questa esperienza ho dedotto che è possibile costruire un mondo migliore, non senza le necessarie sofferenze iniziali per eliminare il male che continua a guidarci verso la discordia, le rivendicazioni, le guerre.

Per prima cosa è necessario individuare la fonte del male per poterlo correggere, eliminarlo.

Dopo l’esempio Australiano, sempre alla ricerca della verità, mi sono trovato in più occasioni di lavoro in Medio Oriente: Arabia Saudita, Kuwait, Iraq, Iran, ecc., un mondo in diretto contrasto con la civiltà Europea, e proprio in Iran, un grande Paese all’avanguardia tecnologica con tanta storia, ebbi il piacere di incontrare Ahmadinejad, un uomo molto intelligente che poi diventò capo del Governo.
Una persona veramente preparata di cui si poteva parlare di tutto in modo ragionato e rispettoso, diversamente dalle teste quadre che occupano posizioni di comando nel nostro Paese.

Una volta in uno dei diversi incontri, mi disse che le divergenze di opinione politica e religiosa sono fomentate da persone con l’animo maligno, deprivate delle basi di fratellanza, sostituite con ideologie strampalate allo scopo di dominare egoisticamente il mondo.

Risposi che su questa teoria aveva tutta la mia approvazione.

Prosegue Ahmadinejad: l’Occidente ha creato la Società delle Nazioni, ha creato i rappresentanti diretti di Dio sulla terra, sostenendo che siamo a immagine di Dio, una vera eresia, hanno creato organizzazioni mondiali in difesa dei diritti umani, hanno creato la Giustizia Universale, hanno creato tante cose per Governare il mondo esclusivamente a loro piacere e interessi.

Vengono a comandare in casa altrui dove hanno tanto da imparare e decidono chi deve vivere o morire. Per millenni abbiamo avuto lo Stato della Palestina e improvvisamente per decisione dell’Occidente hanno creato lo stato di Israele, spostando centinaia di migliaia di Palestinesi e famiglie in campi di concentramento destinate tutte alla morte. Un suicidio ordito dall’Occidente per le guerre d’interessi organizzate dal Potere.

Il mondo non può andare avanti in questo modo e mi sono ripromesso: se un giorno riuscirò ad avere il comando del mio Paese, il mio dovere è, e sarà di eliminare il male alla fonte. I primi due confetti saranno per eliminare Israele dai nostri territori, e gli antri due confetti saranno in regalo a Roma, la Capitale del male mondiale.

Abbiamo realizzato una scoperta importante che rende i nostri missili non rintracciabili dai Radar.

Roma e Israele, nel mondo Islamico, come pure in Estremo Oriente dove professano la Fede Hindu, il Confucianesimo e il Buddismo, sono considerati due piaghe che impediscono il quieto vivere del mondo.

A quel punto il mio pensiero si è rattristato, che colpa ha il Popolo di Israele con le decisioni malefiche ordite da scervellati che per interessi personali mettono a soqquadro il mondo e la vita di innocenti?

La risposta non tardò ad arrivare. Roma, la quale si ritiene la capitale del mondo del giusto Cristiano in rappresentanza di Dio sulla terra, non si era mai opposta alla vergognosa presa di posizione dell’Occidente nell’esproprio della Palestina, e voi Italiani vi siete abituati a convivere con le ingiustizie del Potere.
La verità arriva dall’estero. L’aria di Roma infettata dai tenebrosi ricordi dell’Impero Romano, l’Impero Papale, l’Impero Fascista, l’Impero Napolitano, come in una sorta di epidemia che intacca tutti coloro chiamati a Roma in veste di Delegati del Popolo e non appena impoltronati, si investono di arroganza, inebriati dalla ricchezza dei Palazzi del Potere e dalle elevate rimunerazioni, che cancellano tutti i buoni propositi di una vita, come se fossero comprati per seguire il sistema tirannico.

E’ accaduto anche al Premier Mario Monti, una persona tutta di un pezzo, dove lo scampanellio dei soldi, promozioni inaspettate, Titoli, Medaglie, salamelecchi e strette di mano a Roma e nei suoi viaggi in Francia, in Germania, in America, Bruxelles, con il seguito di disinformatori, gli stessi che nidificano abbondanti nelle aule del Parlamento, del Senato, delle Regioni, e lo seguono anche in bagno, per timore di imbattersi con i mangiatori di uomini, ossia, i Black Bloks e i numerosi cittadini incazzati neri dal peggioramento volontario della situazione economica Italiana.

La parola d’ordine che svolazza nell’aria dei marsupiani accattoni di affari con le tasche grandi, “bravo Mario, schiacciali tutti questi Italiani, portali via anche l’anima e colpisci soprattutto i deboli, gli ammalati, i pensionati, chiudi le fabbriche e fai fuggire i capitali, così noi possiamo comprare con due soldi quel poco che è rimasto del Paese.
Immagino, sarà stato avvisato di non spingersi oltre un certo livello, per non urtarsi con i furti secolari compiuti dalle Istituzioni, altrimenti salterebbe nel giro di poche ore.

Ben, dopo tutto bisogna riconoscerli la capacità di avere risparmiato una sostanziosa cifra con rimarcabile bravura, deducendo 1300 euro dalle 19.000 mensili di stipendio dei Deputati, mica male, per pagarsi il carburante per i grandi viaggi fra Bruxelles, l’America di Obama grande Politico, le continue visite alla Maestra d’orchestra Europea Signora Merkel e al marito della Carla Bruni, Monsieur Faicosì, no fai così.

Non so se è giusto parlare ancora di Ebrei o di debiti contratti dai nostri Politici con il mondo, di cui giustamente reclamano i pagamenti.

E’ difficile prevedere il preludio della tempesta in corso. Per adesso godiamoci la neve e s’è possibile inscatoliamola per la prossima estate che si prefigge molto calda, trovandoci nel bel mezzo di un colpo di Stato ordito da persone che potrebbero venire a mancare da un momento all’altro e poi sarà molto difficile mantenere la panna che si sta sciogliendo nel cono sbriciolato dal tempo.
Le colpe? Un Dottore Polacco mi disse: Sono sicuro, mangiamo troppa carne, soprattutto nelle feste di Palazzo, senza la minima considerazione che attraverso la carne, ereditiamo il carattere e il comportamento animale avvelenato dall’ingiusto omicidio di massa.

Andate a visitare un Macello Pubblico per condividere un po’ di dolore con quelle povere bestie, consapevoli di andare alla morte, mentre per noi risulta una normale routine a soddisfare gli assetati di sangue per il piacere del palato.

Gli Italiani inconsapevolmente stanno subendo lo stesso trattamento delle povere mucche, le quali dopo la fiorentina, la tagliata, il macinato per il ragù, il latte, il pellame, sono destinati a donare anche il sangue, (non agli Ebrei) ma ai Francesi e Tedeschi che chiedono il pagamento dei debiti contratti dai nostri Politici, di cui i cittadini Italiani non hanno nessuna colpa, eppure sono obbligati a pagare.
I vegetariani certamente non si scompongono e dicono: a noi non ce ne frega più di tanto, è un problema Vostro. Noi campiamo di verdure e frutta ricche di proteine, vitamine e minerali, necessari a ragionare, digerire, e vivere felici la nostra esistenza, senza rigurgiti di coscienza per i continui crimini compiuti giornalmente verso il regno animale.

La cosa si fa seria. Interpellato Nostradamus, non riesce a vedere nella sfera perché offuscata dalla nebbia proveniente dai monti verso la valle e dice: le previsioni sono uno strumento per annunciare speranze, illudere, ma se volete risparmiarvi anticipazioni scoraggianti, Vi conviene attendere i risultati della realtà non più tardi di quattro mesi, quando serviranno altri miliardi di Euro per tappare i buchi del bilancio Nazionale, obbligando i cittadini a cucirsi le toppe al cul esattamente come in tempo di guerra.
Anthony Ceresa

0 commenti:

Posta un commento