[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

L'ALBERO DEL SAPERE..........................



L’ALBERO DEL SAPERE

L’albero del Sapere, l’albero dello Sviluppo e quello del nostro Futuro, sono stati affidati alle cure di Giardinieri inesperti e incoscienti. Di conseguenza le tre piante che rappresentano la vita del Paese, si stanno inclinando molto peggio della Torre di Pisa, dove il Giardiniere capo con la testa a cussòt, pensa di attrarre molti turisti e finanziatori stranieri per salvare il bel giardino che per oltre cinquant’anni è stato dissanguato dalla presenza di malfattori Politici che hanno dissipato le fiorenti risorse fruttifere del Paese.

Purtroppo, allo stato attuale  / L'Italia non si desta / Dell'elmo di Monti / S'è cinta la testa / Dov'è la vittoria? / Che sta scivolando verso una spaventosa recessione ordita da incapaci, sostenuti da incoscienti: chi per interesse e chi per profonda ignoranza.

I Romani dicono “Ciavemo il Culosseo” non sapendo che la costruzione completata nell’anno 80 D.C. fu strumento di sofferenza e di morte in ricordo di un numero infinito di malcapitati che osavano opporsi allo schiavismo e alla deformazione mentale di Roma, rimasta immutata.

Il mondo esterno si è evoluto, persino gli Arabi hanno occupato il nostro Paese, e l’Italia è divenuta un grande canile con tanti ladri impuniti che si contendono l’osso, riuscendo a convincere un numero ragguardevole di cani dove alcuni scodinzolano perché rifocillati dai ladri, ed altri molto più numerosi abbandonati al loro destino, i quali si limitano ad abbaiare.

Il risultato sin qui raggiunto non aspirava fiducia dal nascere dell’inciuccio e col passare del tempo accumula danni maggiori che verranno addebitati a tutti i cittadini, anche quelli che in forma rispettosa hanno disapprovato sin dall’inizio il Colpo di Stato programmato dal Colle.

Intanto suonano le trombe per glorificarci delle prime informazioni mediatiche pubblicitarie, dove il Premier Mario Monti riceve grandi applausi dal Parlamento Europeo, ma non dagli Italiani, terribilmente incazzati da come la recente dittatura sta conducendo le azioni distruttive contro la Nazione Italica.

Immaginate un tizio che va a portare aiuto morale in un circo di saltimbanchi comodamente seduti e ben retribuiti, che si girano i pollici per  colmare la giornata, e questi alla vista del Messia Mario Monti che è una delle colonne di supporto del circo Europeo, applaudono, gioiscono, inneggiando, l’Inno Europeo: la nostra poltrona e l’Euro per il momento sono ancora al sicuro senza lavorar, evviva Monti, evviva la patacca……………..

Naturalmente, il Premier guarda ai suoi personali interessi, tentando di far durare questa situazione molto ingarbugliata, il più a lungo possibile, per riuscire ad incassare molte mensilità sino alla Pensione definitiva in qualche paradiso fiscale lontano dallo stivale.  

A volte penso quanto è triste la realtà della nostra esistenza umana, rimarcando che proprio quelli che si sono posti sul piedistallo del mondo e ti hanno incantato per secoli con parole di fratellanza, di speranza e di amore, sono proprio quelli che ti hanno deluso per Etica, Rispetto e Onestà.

Anche gli Spirituali si sono aggregati al carro funebre Nazionale che ha già seminato tanta sofferenza e morte fra i cittadini, fra non molto, alla fine di questo breve viaggio, conteranno le perdite di molti credenti, raggirati da un sistema imperniato sulla fede e sulla fiducia che non regge più nei tempi attuali.

Fra le tante parole disseminate al vento dai giornalacci, a volte si riesce a captare il senso logico della realtà condivisa da quei pochi che non riescono a convincere le masse troppo distratte dal gioco del calcio, dalla Nave che sfida gli scogli, dalla povera ragazza stuprata dall’esercito italiano, da quel pazzo che getta il figlioletto di diciotto mesi nel fiume, dai Politici impuniti che rubano per conto dei Partiti, fornendo una sventagliata di distrazioni che ci allontanano dall’attualità Politica non più alla luce del sole, che sta catapultando l’Italia nel terzo mondo.

Noi fummo da secoli / calpesti, derisi, / perché non siam popoli, / perché siam divisi. / Raccolgaci un'unica / bandiera, una speme: / di fonderci insieme / già l'ora suonò. Parole di Goffredo Mameli che avrebbero dovuto scuotere il mondo dei giusti al risveglio dello spirito nazionalista ormai sepolto.

Per l’occasione, nel tentativo di aprire le tombe e risvegliare i morti viventi, ripeto uno scritto di Francesco Arcucci, ex collega universitario di Monti Mario:

"Il pericolo Monti, la ricetta completamente sbagliata. Le misure di Monti ci porteranno alla recessione e piano piano arriveremo dove è arrivata la Grecia. Perché Monti dovrebbe tornare alle scuole elementari e studiare un'operazione fondamentale della matematica: la divisione. Il rapporto Debito/PIL è la divisione tra due grandezze: al numeratore c'è il Debito pubblico e al denominatore il PIL (Prodotto Interno Lordo).

Monti vuole ridurre il numeratore (il Debito) imponendo nuove tasse, mentre il denominatore (PIL) si riduce di una quantità superiore, perché siamo in recessione e perché le maggiori tasse riducono i consumi della gente. In questo caso, il rapporto Debito/PIL crescerà; quindi Monti dovrà imporre nuove tasse per rientrare nei parametri dell'Unione Europea.

Ma quanto più aumentano le tasse, tanto più si riducono i consumi e quindi il PIL. E così il rapporto Debito/PIL continuerà a crescere; ci vorranno nuove tasse ancora ... e così via ... è questa la spirale malefica in cui i grandi inesperti di finanza della troika a delinquere (BCE, Commissione Europea e FMI) hanno fatto precipitare la Grecia. La ricetta Monti sarà un disastro per l'Italia..."

Non so se vi é chiara la lezione elementare di Economia, che tutti i Partiti stanno sostenendo per interessi personali.

Gli Stati Uniti sono diventati grandi e potenti con il concetto primario di rispetto per l’essere umano, senza distinzioni, e con la libertà di far girare i soldi perché creano movimento, lavoro, spesa, consumi e sostengono lo Stato.

Il fatto che fa pensare al di la di ogni sogno ad occhi aperti, il popolo Italiano non ha nessun diritto di sapere ed intervenire su come lo Stato spende i soldi dei lavoratori, dove sono finiti i due miliardi e mezzo che il Premier Monti ha inviato in America, perché tentenna a ridurre gli stipendi e il numero dei Parlamentari, Senatori, Consiglieri, spese Militari, un giro di vite alla Giustizia che non rappresenta più i voleri del Paese.

La Signora Merkel doveva arrivare a Roma per ragioni molto serie, “E scaduto il tempo e voglio i miei soldi se no vi mando i Panzer e mi porto via il Quirinale, Palazzo Chigi, Palazzo Madama, e tutto il Vaticano”.

 Cara Merkel, non puoi farci questo, noi abbiamo otto milioni di baionette, tanti Politici da mettere in prima linea, tante auto Blu, tanti consiglieri, e abbiamo ordinato 145 bombardieri invisibili dotati con missili invisibili ai Radar, e se vi bombardiamo le 10 centrali atomiche operative del vostro Paese, cancelleremmo la Germania dal mappamondo.

Anthony Ceresa