[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

La strategia di Passera



Scrivere la strategia energetica di un Paese significa volgere lo sguardo oltre l’immediato, immaginare un futuro e proporre obiettivi e misure per raggiungerlo. La miopia va evitata e va evitato l’errore di considerare i dettagli perdendo di vista il quadro d’insieme.

Il vero obiettivo della SEN deve essere quello di indirizzarci verso un nuovo sistema dell’energia che sia:

·         più sicuro,

·         meno inquinante,

·         sopportabile dal pianeta e

·         dai nostri redditi.

 

Questo significa puntare sulla:

·         minor dipendenza possibile dalle fonti fossili perché saranno sempre più costose, ci faranno dipendere sempre dall’estero e sono inquinanti.

·         Maggior efficienza in tutti gli usi di energia perché così avremo bisogno di produrne meno e creeremo lavoro a un ricco tessuto di imprese già presenti in Italia.

·         Più fonti rinnovabili perché sono le uniche che non importiamo, che ci daranno aria più pulita e che possono creare più posti di lavoro.

 

La strategia di Passera non risponde a queste indicazioni, è uno sguardo all’indietro che non ispira futuro.


Per chi fosse interessato, l'articolo completo è disponibile su:

http://www.martinbuber.eu/energia/newsletter/La%20strategia%20di%20Passera.pdf

Una analisi dei consumi italiani di fonti primarie (gas, carbone, petrolio) e di elettricità e di proposte per la SEN è disponibile a questo indirizzo: http://www.martinbuber.eu/energia/documenti/Quale%20strategia.pdf