[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

R: Prelievo economico, una domanda



Carissimi,


In risposta alla domanda sul Prelievo Economico forzato sui Privati, da individui che detengono il comando, posso confermare che a livello globale le Costituzioni Scritte dagli Stati non sono mai state rispettate e pur sapendo della illegalità di molte leggi imposte ai cittadini, sono passate con il supporto delle Opposizioni, dei Sindacati e con il tacito assenso dei tribunali Costituzionali.


Per Vostra informazione, la massima Autorità in una Nazione non é il Capo del Governo o il Presidente della Repubblica, ma il Potere inteso come

colui che passa gli ordini agli esecutori, chiamatelo umilmente e sotto voce il Sig. Soldo il quale non appartiene a nessuna Fede Relisiosa.

Quindi é inutile impugnare qualsiasi controposizione che andrebbe a morire nel tempo, senza raggiungere nessun obiettivo.


Piuttosto sarebbe da uniformare il pensiero Politico degli Italiani, con la testa a metà nel pallone e l'altra meta fra le gambe.

Una dimostrazione più che autentica risiede nelle varie filosofie Politiche di cui l'Italia é in cima alla lista mondiale per costituzione dei Partiti, i quali bontà loro, hanno il solo merito di scompigliare e indebolire il già deficitario pensiero di un paese da sempre disunito.


State tranquilli, dopo i Tecnici che hanno danneggiato ulteriormente il Paese, non cambierà proprio nulla,

auspicando un colpo di stato supportato dalla Germania o dalla Francia, come unica soluzione per ripristinare il diritto soffocato da una tribù di Politici ingenui. Nel caso scoppiasse una rivoluzione, saranno i primi a rimetterci. Forse hanno dimenticato gli effetti della Rivoluzione Francese che fece tremare il Mondo, o la Superiorità bellica della Germania che perse la guerra mondiale a causa di un alleato traditore.


Con l'avvallo della Russia e della Cina, tutto può succedere.


Anthony Ceresa.

=======================================================================

----Messaggio originale----
Da: caterina.regazzi at alice.it
Data: 25/07/2012 14.06
A: <economia at peacelink.it>
Ogg: I: Prelievo economico, una domanda



----Messaggio originale----
Da: circolo.vegetariano at libero.it
Data: 25-lug-2012 10.00
A: <europeanconsumers at yahoogroups.com>, <vitmar at tiscali.it>, <accademiaeuropea at libero.it>, <claudio.martinotti at accademiadelmonferrato.it>, <tribunadiciviumlibertas at yahoogroups.com>
Ogg: Prelievo economico, una domanda

Cari Amici. Giro questa richiesta/domanda che mi è stata posta da una lettrice, confidando in un vostro parere, Paolo D'Arpini


Prelievo economico, una domanda  - Scrive Lidia: "Cari economisti e costituzionalisti, volevo parlarvi di una cosa a mio parere importante. Il prelievo che venne fatto sui conti correnti dei cittadini italiani  proposto dal dottor Sottile (Giuliano Amato) durante l’ennesima crisi,  fu una operazione incostituzionale in quanto esiste una norma della Costituzione che tutela la proprietà privata. L’altro giorno ho sentito alla radio alcuni eminenti costituzionalisti che parlavano in merito al problema mondiale e nazionale del debito. Qualcuno proponeva di prelevare dalle Fondazioni (che poi sono le Banche) una quota di capitale per fronteggiare il debito, ma un altro rispondeva che nessun prelievo è consentito senza essere considerato incostituzionale (e citava l’articolo della Costituzione) in quanto intacca la proprietà privata. Allora, se non vale per le Fondazioni, perché deve valere per i cittadini? Sarebbe pensabile fare ricorso allo Stato, chiedendo la restituzione di quanto ci fu prelevato (…più gli interessi ovviamente!!!) dai conti correnti personali dei cittadini italiani in quanto operazione incostituzionale? Che ne pensate?   Si potrebbe agire legalmente.... che ne pensate?"