[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

R: IL BEL PAESE......................



La metafora Agrippiana,dall'infanzia non mi ha mai convinto.
     Nel senso che gli ultimi costretti ad essere,solo e sempre,sfinteri dell'insieme,ha una visione cristallizzata della società,che nel passato della storia Romana ha solo portato al suo dissolvimento.

La civilità romana non fu abbattuta dai barbari ma rosa dai suoi mali interni.  Le eccessive ricchezze conquistate portarono al degrado morale: corruzione, aborti, femminismo, sfascio della famiglia, guerre civili, templi vuoti.  Fino alla rinascita di una nuova religione.  Interessante rileggere la ‘Storia di Roma’ di Indro Montanelli pensando alla parabola attuale della nostra civiltà.

http://www.comunicazionedigenere.com/la-vera-causa-della-caduta-dellimpero-romano/

In modo più esplicito,una organizzazione sociale eccessivamente compartimentata in modo rigido senza interscambi di ruoli sociali è destinata inevitabilmente a degenerare perché l'ancestrale "Homo lupus" prevale su tutto.
Camillo Coppola   



----Messaggio originale----
Da: a.ceresa2002 at libero.it
Data: 19-ago-2012 12.29
A: <economia at peacelink.it>
Ogg: IL BEL PAESE......................

Qualora fossi chiamato a salvare la Nazione, il mio ordinamento sociale e programmatico rifletterebbe la metafora di Menenio Agrippa (Console Romano 503 a.c.), il quale paragonava lo Stato al corpo umano, di cui tutte le parti connesse fra loro riescono a vivere, mentre se discordano si danneggiano fino alla morte. Più specificatamente, se le braccia si rifiutassero di lavorare, lo stomaco non riceverebbe cibo e tutto il corpo deperirebbe per mancanza di nutrimento. Lo stesso accadrebbe se il cibo della Comunità servisse ad ingrassare esclusivamente la Kasta.

Buona fortuna.

Anthony  Ceresa – Milano Italia.