[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

I: Coscienza bioregionale - Stop alla logica beffarda della crescita senza ritorno





----Messaggio originale----
Da: bioregionalismo.treia at gmail.com
Data: 13-nov-2012 10.40
A: "Paolo D'Arpini"<bioregionalismo.treia at gmail.com>
Ogg: Coscienza bioregionale - Stop alla logica beffarda della crescita senza ritorno

Coscienza bioregionale - Stop alla logica beffarda della crescita senza ritorno


Speranza

In questo periodo di crisi generale, dove le meccaniche sociali stravolgono le nostre vite più in fretta della nostra capacità di assorbirle, mi sembra doverosa una riflessione. 

Il nostro presidente del consiglio ed i responsabili dei partiti e delle forze economiche  invitano gli italiani a rimettersi in moto, a produrre e  consumare di più, perché per risolvere la crisi economica bisogna aumentare il PIL, incrementando la produzione industriale (sia pur chiamata "green"). 

Ovviamente queste considerazioni non fanno una piega, in una logica superficiale e beffarda quale sembra essere ormai la direzione in cui stiamo camminando da tempo. Ma mi chiedo se i nostri politici pensano davvero di aver a che fare solo con una massa di alienati e decerebrati. Non ci vuole molto per fermarsi e riflettere sulle motivazioni che possano aver portato a questa  recessione. 

E' evidente che la causa della nostra sempre più scarsa qualità di vita deriva dalla troppa economia. Per la prima volta, nella storia della nostra civiltà umana, si consuma per poter vendere, vendiamo per poter produrre, e produciamo per poter lavorare. Così misuriamo il nostro benessere con unità di misura monetari, senza pensare realmente alla qualità vera della nostra vita.


Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2012/11/coscienza-bioregionale-stop-alla-logica.html