[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

R: Re: Cancellazione -



Illustri Signori,


Maurilio Orione, Dimitri Ruggeri, S. Caputo, Dott. Caterina Regazzi,


Oggetto: Speculazione Finanziaria e Produzione del nostro Pane quotidiano.


Carissimi,


Dopo aver girato il mondo per lungo e per largo per lavoro in posizioni Manageriali, da quando sono rientrato in Italia, mi sembra di trovarmi nei banchi delle elementari, senza capire il perché di una Nazione un tempo prospera e ben voluta nel mondo, oggi a causa di capre elette al comando del Paese, la situazione si è completamente ribaltata a tal punto che tutti gli errori e i furti commessi nel tempo dalla Politica, sono stati addebitati ai cittadini.


La mia curiosità maggiore, facendo le mie scuse, tento di capire e Vi sarei grato di sapere i motivi del Vostro ritiro dalla rubrica

e-mail “ECONOMIA” dopo l’articolo della Dottoressa Caterina Regazzi su un tema importantissimo che abbraccia l’agricoltura,

ma in modo particolare la sicurezza alimentare del nostro Paese in un mondo dove la Globalizzazione continua a farsi strada al ferreo Monopolismo, per ripiegare i cittadini del mondo con nuovi sistemi di sottomissione.


Attualmente, gran parte del nostro grano è importato dall’Australia e dal Canada considerati i granai del mondo.


Se ben ricordate la campagna di rivolta in Africa Occidentale, nasce proprio dall’improvviso aumento dei costi delle sementi,

e poi le ragioni vennero depistate ad arte dall’informazione.


Con questo articolo la Dottoressa tenta di intavolare un discorso che riguarda il nostro Paese in modo più che serio.


Ritornando indietro in un flash della storia, quando Mussolini conquistò una parte della Libia, la Società delle Nazioni

impose forti restrizioni all’Italia, in modo che nulla entra e nulla esce dal Paese.


Allora come oggi l’Italia importava il grano dall’estero ed improvvisamente dovette fare a meno.

Mussolini diede ordine che ogni metro quadro abbandonato di campagna dovesse servire per piantumare il grano.


Per il nostro Paese fu un periodo molto sofferto, non soltanto per la farina che venne tesserata, ma anche per i Gerarchi

che si comportavano esattamente come i Politici attuali. A loro non mancava nulla come oggi, dove la popolazione soffre

sino al suicidio, e ve ne sono tantissimi soffocati dall’informazione.


Allora la Germania rappresentata da Hitler salvò l’Italia dalla carestia e dovremmo essere grati al popolo Tedesco.

Se poi i Tedeschi durante la seconda guerra mondiale fecero quel che fecero, lo dobbiamo al tradimento.


Vorrei citare un altro inconveniente che accadde dopo la guerra, esattamente al tempo di Craxi, quando si rifiutò di consegnare agli Americani un delinquente criminale che operava per conto della Politica Italiana, e per ritorsione gli Americani chiusero 27 Stabilimenti in Italia, mandando per strada oltre 35 mila famiglie.


Ritornando al problema parzialmente intavolato dalla Dottoressa Caterina, la parte più importante dell’agricoltura è

condizionata dal monopolio delle sementi fra cui il grano.


Se per una ragione fortuita i Monopolisti delle sementi rifiutassero di fornire il prodotto al nostro Paese, Hitler non c’è più,

l’Europa non vede l’ora di disfarsi del nostro Paese di Latin Lovers, inclini alla bella vita, con un debito pubblico

continuamente in salita, dove i Professori chiamati a raddrizzare o meglio eliminare l’incoscienza dei nostri Politici,

hanno finito per unirsi alle capre.


La domanda è scontata, partiamo tutti per il Mali a difendere l’Africa dall’avanzata dell’Islamismo succubi della prepotenza Occidentale,

o eventualmente ci aggreghiamo a Maometto per sopravvivere?


Ci vogliamo rendere indipendenti dalla Globalizzazione? Il Paese è già quasi tutto venduto agli stranieri, e non ci è rimasto

neanche un globulo di nazionalismo che i nostri avi avevano tanto lottato per il nostro futuro.


Cordialmente,


Anthony Ceresa.

 

========================================================================

----Messaggio originale----
Da: maurilio.orione at gmail.com
Data: 23/01/2013 10.36
A: <economia at peacelink.it>
Ogg: Re: Cancellazione

Evidentemente alcune riflessioni semplici danno fastidio ai colti!


Il giorno 23 gennaio 2013 10:34, Dimitri Ruggeri <dimitri.ruggeri at gmail.com> ha scritto:
Continuo a chedere la cancellazione.

On 1/23/13, Sebastian Caputo <s.caputo at economisti.info> wrote:
> Vorrei essere cancellato dal database
>
> Inviato da iPad
>
> Il giorno 22/gen/2013, alle ore 20:52, "caterina.regazzi at alice.it"
> <caterina.regazzi at alice.it> ha scritto:
>
>>
>>
>>
>> Speculazione finanziaria e produzione del nostro pane quotidiano
>>
>>
>>
>>
>> Pane quotidiano - L'uomo per migliaia di anni ha basato la sua
>> alimentazione sul riconoscimento di piante commestibili. Questo lento
>> percorso di avvicinamento al mondo botanico ha richiesto migliaia di anni
>> finché attraverso l'osservazione dei cicli naturali e la comprensione di
>> quali fra le piante offrissero maggiori risultati per il suo nutrimento,
>> l'uomo apprese a seminare, coltivare e raccogliere il suo cibo. Questo
>> processo sancì anche l'inizio del processo della civiltà umana come noi la
>> conosciamo. Infatti le comunità umane sorsero attorno alle coltivazioni
>> essendo queste comunità inizialmente i luoghi di raccolta e conservazione
>> degli eccessi alimentari. Di pari passo andò sviluppandosi l'allevamento
>> di animali domestici utili a coadiuvare l'uomo nella sua attività agricola
>> o a soddisfare le sue necessità integrative alimentari….
>>
>>
>>
>> Continua:
>> http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/01/speculazione-finanziaria-e-produzione.html
>>
>>
>>
>>
>> Di questo e simili temi se ne parlerà durante l?incontro Collettivo
>> Ecologista 2013 previsto a Vignola (Modena) il 22 e 23 giugno 2013. Vedi
>> programma:
>> http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2012/12/premesse-per-lincontro-collettivo.html
>>
>>
>>
>

--
Mailing list Economia dell'associazione PeaceLink.
Per ISCRIZIONI/CANCELLAZIONI: http://www.peacelink.it/mailing_admin.html
Archivio messaggi: http://lists.peacelink.it/economia
Si sottintende l'accettazione della Policy Generale:
http://web.peacelink.it/policy.html




--
Nota di riservatezza: Questo messaggio potrebbe contenere opinioni personali le quali non costituiscono impegni o posizioni ufficiali a meno che cio' sia diversamente indicato. Il presente messaggio, corredato degli eventuali relativi allegati, contiene informazioni da considerarsi strettamente riservate ai sensi della vigente normativa in materia di protezione dei dati personali, ed e' destinato esclusivamente al destinatario(i) sopra indicato. Chiunque ricevesse questo messaggio per errore o comunque lo leggesse senza esserne legittimato e' avvertito che trattenerlo, copiarlo, divulgarlo, distribuirlo a persone diverse dal destinatario e' severamente proibito, ed e' pregato di rinviarlo immediatamente al mittente distruggendone l'originale. Grazie.