[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: il pd e l'ambiente



Anche io aspetto molto da 5 stelle, e sono riconoscente a loro dell' aver portato finalmente tante donne la parlamento. Ma l'ambiente senza il discorso sulla politica  economica non porta da nessuna parte. Per il momento non li ho votati e tanto meno al PD di cui vedo non solo carenze sulla politica ambientale ma anche economica. Staremo a vedere dove andrà l'Italia con questo nuovo parlamento.
tuula h

Il 16/03/2013 06:43, ANDREA AGOSTINI ha scritto:


Il vuoto laburismo del Pd che non capisce l'ambientalismo
di Roberto Della Seta   giovedì 14 marzo 2013
manifesto, 13 marzo 2013 (f.b.)

L'ambiente è un tema importante. Indispensabile per capire il mondo attuale:
la crisi ecologica, l'attenzione crescente verso i beni comuni, l'avanzata
della green economy... E utile, utilissimo, anche per orientarsi in questa
stagione inedita e complicatissima della politica italiana: per misurare ad
esempio la distanza notevole che separa la dirigenza del Pd da un riformismo
contemporaneo, e per indagare le premesse culturali e sociali che hanno reso
possibile il trionfo elettorale dei Cinquestelle.

La larga maggioranza del gruppo dirigente del Pd non riesce a capire
l'importanza dell'ambiente. Non capisce, soprattutto, come sia possibile che
per un numero sempre più grande di persone la domanda di ambiente si
intrecci con quella del lavoro, del reddito, dell'equità sociale, e conti
altrettanto. Lo si è visto con i referendum del 2011: la nomenclatura
democratica prima ha osservato con sospetto la mobilitazione referendaria
che cresceva, poi è rimasta quasi stralunata scoprendo che 30 milioni di
italiani - malgrado la crisi economica, malgrado problemi materiali per
molte famiglie drammatici - considerino prioritarie questioni non
direttamente economiche come l'acqua pubblica o il no al nucleare.

Questo ritardo nel riconoscere l'odierna centralità delle questioni
ambientali accomuna il Pd a molti altri partiti socialisti, legato com'è a
una tradizione culturale che vede il progresso, lo sviluppo quali fenomeni
lineari e illimitati. Ma in Italia si manifesta con ancora più forza per la
prevalenza nella nostra sinistra di una tradizione - quella del Pci - che ha
sempre faticato ad adeguare le proprie visioni all'evoluzione sociale e
culturale e che di fronte a tutte le nuove sensibilità e i nuovi movimenti
dell'ultimo mezzo secolo - dal '68 al femminismo, dall'ambientalismo ai
diritti civili - ha sempre reagito arroccandosi.

Prigioniero della sua genetica arretratezza, il gruppo dirigente del Pd, di
cui i cosiddetti "giovani turchi" sono l'espressione più recente ma anche
più ottusa, declina secondo alfabeti totalmente inattuali le stesse ricette
per arrestare il declino economico dell'Italia: attardandosi a parole in una
sorta di vuoto "gramelot" laburista, coltivando nei fatti rapporti assai
stretti - rapporti molte volte opachi, di scambio e di potere - con i
settori meno dinamici, oltre che più antiecologici, della struttura
economica (l'edilizia della rendita fondiaria, i grandi gruppi dell'energia
fossile, l'industria pesante). Tutte e due queste inerzie conservatrici
contraddicono l'ambizione dei democratici di guidare un progetto di radicale
cambiamento e li allontanano dall'elettorato più giovane. Entrambe lasciano
in ombra le grandi innovazioni - ecologia, educazione, tecnologia - di cui
l'Italia come l'intero Occidente ha disperato bisogno.
Anche se l'ascesa spettacolare del movimento Cinquestelle è dovuta
soprattutto a un'efficacissima, e largamente giustificata, crociata
"anti-casta", però proprio l'ambiente è uno degli argomenti più frequentati
dai grillini: così nei loro programmi, nel loro discorso pubblico, nei
curricula di buona parte dei loro eletti. Da questo punto di vista i
Cinquestelle, bisogna dirlo, non hanno inventato nulla: l'ecologia, i beni
comuni, sono temi da tempo "a disposizione", ed erano centrali già nelle
mobilitazioni no-global di dieci anni fa.

Loro li hanno raccolti, depurati di qualche tossina vetero-ideologica di
troppo (l'ambientalismo come nuova frontiera anti-capitalista), conditi con
nuovi ingredienti - la democrazia della rete, un certo comunitarismo nimby -
di per sé discutibili ma gettonatissimi nell'Italia disgustata dalla
politica dei partiti. Certo il movimento di Grillo resta essenzialmente un
"sintomo" dell'accresciuta importanza culturale e sociale dell'ambiente,
mentre il suo concreto programma non pare sempre all'altezza di curare i
tanti e gravissimi mali ambientali dell'Italia. Ma un fatto è indiscutibile:
i Cinquestelle sono l'unica forza politica italiana che propone l'ambiente
come parte decisiva di una prospettiva generale di cambiamento.

Il Partito democratico vuole ripartire dopo la dolorosissima "non vittoria"
di queste ultime elezioni? Allora la smetta di perdere tempo e faccia
corteggiando i "cinquestelle" dopo averli sbeffeggiati per mesi, e provi
invece a diventare più contemporaneo mettendo per davvero l'ambiente al
centro del suo sistema di valori e di interessi, e la green economy nel
cuore della sua idea di sviluppo. Sarebbe più serio e funzionerebbe meglio.