[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Economia] R: R: I: Riconoscimento dello stato di Palestina



Ecco l’allegato . Scusate ma mi dimentico sempre che peacelink non riceve allegati

Amalia navoni

PS: io faccio parte di un gruppo non legalizzato, l’ho inviata ugualmente.

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

(carta intestata)

 

Noi riconosciamo lo Stato di Palestina !!

 

E' con profonda determinazione e convinzione di essere nel giusto, e di agire per la giustizia e per la pace che il Direttivo/La Presidenza/l'Assemblea  della …...................................... (nome  organizzazione/associazione) dichiara simbolicamente e solennemente di riconoscere lo Stato di Palestina, e chiede che anche il  Governo ed il Parlamento italiano riconoscano lo Stato di Palestina  così come hanno già fatto 134 paesi nel mondo, ed in Europa, da ultima la Svezia.

L'Italia nell'Assemblea delle Nazioni Unite ha votato a favore della risoluzione per l'ammissione della Palestina quale stato membro osservatore, si tratta ora di essere coerenti e di rendere effettiva quella decisione: l' Italia dichiari il riconoscimento dello Stato di Palestina.

Lo hanno chiesto anche 636 autorevoli esponenti della Società Israeliana in una lettera pubblicata sul giornale quotidiano Haaretz, lo ha chiesto direttamente all'Italia, Yael Dayan, figlia del generale Moshe Dayan ed importante voce della politica israeliana.

E' dal 1980 che l'Unione Europea afferma che la soluzione a questo cruciale conflitto sia quella di arrivare a “due popoli e due stati”, ma quello che abbiamo visto finora è solo la crescita della colonizzazione dei territori palestinesi occupati dal 1967 da parte di Israele.

Il 15 Novembre del 1988 con la dichiarazione d'indipendenza della Palestina, i palestinesi hanno riconosciuto lo Stato d'Israele ed accettato che il loro stato sorgesse solo sul 22% del territorio storico palestinese, quello dei territori occupati del 1967. Israele non ha invece ancora riconosciuto lo Stato di Palestina e neppure i propri confini.

La motivazione che viene addotta da diversi rappresentanti politici per il non riconoscimento è che questo nuocerebbe ai negoziati, ma noi pensiamo esattamente l' opposto; i negoziati saranno ritenuti necessari da Israele nella misura in cui la comunità internazionale mostrasse, con il riconoscimento dello Stato di Palestina seppur atto simbolico, il suo deciso e chiaro impegno per il rispetto della legalità e per la soluzione politica del conflitto nel quadro delle risoluzioni delle Nazioni Unite e dei “due popoli, due stati”.

Per chi dice che il riconoscimento dello Stato di Palestina sarebbe un gesto unilaterale, vorremmo ricordare che lo fu anche il riconoscimento e l'ammissione all' Onu dello Stato di Israele.

Ci auguriamo e chiediamo che il nostro governo sappia agire con onestà e coraggio oltre che rispetto per la giustizia e la legalità Internazionale, riconoscendo lo Stato di Palestina.

Da parte nostra continueremo ad agire affinché i due popoli possano coesistere in pace e sicurezza, praticando principi e valori universali di giustizia e di democrazia.

 

Luogo/Data

 

Firma

 

 

Da: economia-request at peacelink.it [mailto:economia-request at peacelink.it] Per conto di Valerio Benelli
Inviato: giovedì 13 novembre 2014 10:11
A: economia at peacelink.it
Oggetto: [Economia] R: I: Riconoscimento dello stato di Palestina

 

Come fare per vedere gli allegati? Grazie

Valerio Benelli

 

Da: economia-request at peacelink.it [mailto:economia-request at peacelink.it] Per conto di amalia.navoni
Inviato: mercoledì 12 novembre 2014 23.52
A: Clnsm_Simpatizzanti@Egroups. Com
Oggetto: [Economia] I: Riconoscimento dello stato di Palestina

 

 

E’ importante che molti gruppi, associazioni, comitati inviino la mail per il riconoscimento dello stato della Palestina. Grazie

Amalia navoni

 

 

Da: Rete della Pace [mailto:retedellapace at gmail.com]
Inviato: mercoledì 12 novembre 2014 21:51
A: undisclosed-recipients:
Oggetto: Riconoscimento dello stato di Palestina

 

Care e cari, diamo seguito alla campagna di riconoscimento dello stato di Palestina con una lettera che alcune reti, tra cui noi, domani invieranno al Presidente del consiglio e al Ministro degli affari esteri.

Chiediamo anche a voi di essere partecipi e protagonisti di questa campagna invitandovi a far deliberare dai vostri organismi una dichiarazione da inviare a  parlamentari e governo, e al contempo a affermare che componenti della società civile organizzata italiana riconoscono, in ogni caso, e di loro iniziativa lo stato di Palestina.

Qui di seguito la circolare della nostra segreteria e in allegato il modello di dichiarazione che proponiamo. A ciascuno di voi di adottare e modificare liberamente.

Immagine in linea 1

Oggetto: iniziativa di sostegno al riconoscimento dello Stato di Palestina

Occorre far sentire la nostra voce al parlamento ed al governo italiano affinchè questi riconoscano lo Stato di Palestina, come impegno di pace e riconoscimento dei diritti del popolo palestinese.

Come Rete della Pace, Rete Italiana Disarmo, Sbilanciamoci, Tavolo Interventi Civilid i Pace abbiamo inviato al Presidente del Consiglio ed al Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale una lettera formale di richiesta di riconoscimento dello Stato Palestinese.

Chiediamo ad ogni associazione, circolo, comitato, che condivide questa iniziativa di deliberare nella propria istanza associativa una dichiarazione simbolica “Noi riconosciamo lo Stato di Palestina” da inviare urgentemente alle nostre istituzioni.

In allegato trovate il modello di dichiarazione che abbiamo pensato, e qui sotto vi segnaliamo gli indirizzi a cui inviarla con le vostre modifiche, pregandovi di mandarcene copia, per conoscenza, all'indirizzo: segreteria at retedellapace.it

Sosterremo anche questa mobilitazione con iniziative virali sui social networks.

Cordialmente

La Segreteria

Inviare la dichiarazione a:

Matteo Renzi

Presidente del Consiglio dei Ministri

centromessaggi at governo.it

se dovesse tornarvi la mail, provate con      segreteriadelportavoce at governo.it

Filippo Gentiloni

Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

segreteriaministro.gentiloni at esteri.it

se vi torna,  provate  con  ministero.affariesteri at cert.esteri.it      e con         ministero esteri (segreteria.ministro at cert.esteri.it)

Parlamentari per la Pace

parlamentariperlapace at gmail.com

rete della pace

segreteria at retedellapace.it

 

Rete della Pace

ACLI, ADL – ambasciata democrazia locale, AGESCI, AANSPS, AOI – associazione delle organizzazioni di solidarietà e cooperazione internazionale, Archivio disarmo , ARCI, Arci servizio civile , Arci Val Cecina, Arci Verona, ARCS, Associazione EncuentrArte, Associazione per la pace, Associazione per la pace Modena, Associazione Perugia Palestina , Associazione ventiquattro maggio onlus PG, Assopace Palestina, AUSER, CGIL, Cgil Verona, CNCA , Comunità arabo siriana umbra, Coordinamento comasco pace, Coordinamento comunità palestinesi, Coordinamento PaceInComune MI, FAF – Fondazione Angelo Frammartino, FIOM, Focsiv, Fondazione culturale responsabilità etica, IPRI - rete Corpi civili di pace, IPSIA, Lega italiana diritti popoli, Legambiente, Link 2007 – cooperazione in rete, Lunaria, Mezzaluna rossa palestinese, MIR, Movimento europeo, Movimento nonviolento, Nexus, Peacewaves, Perilmondo onlus PD, Piattaforma ong M.O. eMediterraneo, Restiamo umani con Vik Venezia, Rete degli studenti medi, Rete della conoscenza, Rete della pace Umbria, Tavola della pace Bergamo, Tavola della pace Val Brembana, Tavola della pace Val Cecina, Tavola sarda della pace, UDS, UDU, UISP, Un ponte per..., US-ACLI