[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Economia] I: A Milano un confronto senza precedenti per scongiurare una "catastrofe" umanitaria e ambientale tra Etiopia e Kenya



 

Per conoscenza

amalia

 

Da: milanosenzafrontiere at googlegroups.com [mailto:milanosenzafrontiere at googlegroups.com] Per conto di Gabriella Grasso
Inviato: giovedì 24 settembre 2015 16:36
A: Milano Senza Frontiere
Oggetto: A Milano un confronto senza precedenti per scongiurare una "catastrofe" umanitaria e ambientale tra Etiopia e Kenya

 

Gentile Amalia, 

 

le scrivo per informarla che Survival International – il movimento mondiale per i diritti dei popoli indigeni – ha organizzato per l’1 e 2 ottobre a Milano un’iniziativa di profilo internazionale per scongiurare una possibile catastrofe umanitaria e ambientale tra Etiopia e Kenya.

 

L'iniziativa – dal titolo "‘Catastrofe’ umanitaria e ambientale nel Corno d’Africa: quale futuro per i popoli indigeni di Etiopia e Kenya? Le responsabilità – e le possibilità di intervento e riscatto – delle agenzie di cooperazione”–  consisterà di un dibattito pubblico previsto per giovedì 1 ottobre dalle 18 alle 20.30 nella Sala Volta di Palazzo delle Stelline, in Corso Magenta 61. 

 

Il panel dei relatori è composto dai massimi esperti internazionali in materia e da due portavoce indigeni dall’Etiopia e dal lago Turkana del Kenya, che porteranno testimonianze dirette per informare l’opinione pubblica su quanto sta accadendo. 

 

In Etiopia è infatti in corso un violento accaparramento di terra che sta sfrattando le tribù della bassa Valle dell’Omo dalle loro terre ancestrali per far spazio a piantagioni industriali di canna da zucchero, palma da olio, jatropha, cotone e mais. Al centro del problema, la diga Gibe III e i piani di irrigazione delle piantagioni ad essa collegati. 

 

Al dibattito pubblico seguirà venerdì 2 ottobre un convegno tecnico a Palazzo Marino, cui sono invitati a partecipare politici, Ong, cooperanti, esperti e opinion leader. Il tavolo di lavoro avrà l’obiettivo di stimolare il confronto sulle responsabilità delle agenzie di cooperazione italiana e straniere, e di catalizzare un intervento comune, urgente e senza precedenti, in grado di arginare gli impatti di questa situazione. 

 

Le invio di seguito la newsletter dedicata all’evento. 

 

Confido che possa diffondere la notizia all’interno della rete del Comitato Milanese Acqua Pubblica. 

 

Abbiamo davvero bisogno di garantire una buona affluenza ad entrambi gli eventi, perché da questo dipenderà il grado di pressione che potremo esercitare sugli attori coinvolti. 

 

Sono a disposizione per approfondimenti. 

 

Grazie mille in anticipo, e un caro saluto

 

Alice 

 

Alice Farano 

 

Survival International (Italia)
Il movimento mondiale per i diritti dei popoli indigeni

c/o Casa dei Diritti, via De Amicis 10, 20123 Milano. T + 39 02 8900671.
www.survival.it

Dona il 5x1000 a Survival: codice fiscale 97099520153.

 

 

 

 

 

         
  Survival    Popoli & Campagne    Notizie & Risorse

 



1 ottobre 2015
18,00 – 20,30


Palazzo delle Stelline
C.so Magenta 61, Milano


Ideale per pubblico generico, docenti e studenti, cooperanti, attivisti e giornalisti.



2 ottobre 2015
09,30 – 13,00


Palazzo Marino
P.zza Scala 2, Milano


Raccomandato a politici, Ong, cooperanti, istituzioni, aziende, esperti e giornalisti.

 

 

 

 

PER FAVORE, PARTECIPA! E aiutaci a diffondere l’invito: dagli amici ai colleghi, dai politici di fiducia ai giornalisti che potresti conoscere. 

Cari amici,

vi scrivo per invitarvi a partecipare a un evento straordinario. Lo abbiamo organizzato con la speranza di scongiurare un disastro che potrebbe distruggere le vite di molti popoli indigeni e devastare in modo irreversibile due ambienti unici, dichiarati entrambi Patrimonio dell'Umanità.

Non c'è molto tempo. L'intervento è urgente perché la situazione sta precipitando.

Alcuni tra i massimi esperti mondiali e due portavoce indigeni saranno a nostra disposizione per due giorni, a Milano, per raccontare fatti, minacce, offuscamenti e responsabilità. Ma soprattutto per catalizzare una forza internazionale di intervento proprio qui in Italia, dove il problema ha preso il via con la costruzione di una grande diga tutta “made in Italy”. Si affronteranno con rigore e passione temi di enorme interesse per tutti: diritti umaniecologiasviluppo 'sostenibile'land grabbingingegneria idraulica, legalità, giustiziasicurezza alimentare e... Cooperazione. Sì, perché in questa vicenda sono in vari modi coinvolti anche i più grandi donatori di aiuti all’Etiopia, tra cui il nostro paese.

Ad ascoltare dobbiamo essere in tantiPer favore, partecipa e fai passaparola come meglio puoi! A questo link puoi scaricare la locandina da inoltrare a tutti quelli che vuoi coinvolgere, mentre in fondo a questa newsletter trovi i pulsanti dei social network, con cui potrai condividere l'evento su Facebook, diffonderlo su Twitter e inoltrare questo invito ad altri.

Per altre informazioni, vai alla pagina web dell'evento tramite i link in fondo a questo invito, oppure contattaci. L’ingresso è libero e gratuito. E saranno disponibili cuffie per la traduzione simultanea inglese/italiano. 

Non mancare. Sarà un incontro cruciale per il futuro di tutti i popoli indigeni coinvolti e un'occasione straordinaria per chiedere la correzione di modelli di cooperazione allo sviluppo irresponsabili, finanziati con il denaro pubblico. Grazie.

Francesca Casella
Direttrice per l'Italia

 

 

Intervengono: Claudia J. Carr (Associate Professor of Environmental Science, Policy and Management, The University of California, Berkeley) • Will Hurd(direttore di Cool Ground, Vermont, USA) • Nyikaw Ochalla (rifugiato indigeno Anuak. Ha fondato e dirige l’Anywaa Survival Organisation per la giustizia sociale e per lo sviluppo sostenibile in Etiopia) • Ikal Ang’elei (portavoce indigena Turkana, Kenya, e co-fondatrice di Friends of Lake Turkana. Ha vinto il Goldman Environmental Prize 2012) • Gordon Bennett (avvocato, esperto di diritto internazionale e diritti umani, UK. È celebre per le sue clamorose vittorie presso l'Alta Corte del Botswana a favore dei Boscimani, e il ricorso all'OCSE a nome dei Dongria Kond dell'India).

Modera il Convegno: Gianni Rufini, 
direttore generale di Amnesty International Italia. Con contributi di: Victoria Tauli Corpuz, Relatore Speciale Onu sui popoli indigeni e tribali, Ginevra; Marco Bassi, antropologo, Università degli Studi di Trento; Antonella Cordone, IFAD, Roma.

 

 

 

 

 


Survival International (Italia), c/o Casa dei diritti, via De Amicis 10, 20123 Milano.
T +39 02 8900671

www.survival.it

 




Subscribing:

Se qualcuno vuole iscriversi alla lista deve mandare una mail vuota a
comitato_milanese_acqua-subscribe at lists.riseup.net
To subscribe to a list, send mail to comitato_milanese_acqua-subscribe at lists.riseup.net,

Unsubscribing:

Per disinscriversi dalla lista, occorre mandare una mail vuota a
comitato_milanese_acqua-unsubscribe at lists.riseup.net

To unsubscribe from a list, send mail to comitato_milanese_acqua-subscribe at lists.riseup.net
 Alternately, you can login, click 'Your Subscriptions', click on the name of the list, then click 'Unsubscribe'.

http://lists.riseup.net/www/info/comitato_milanese_acqua

 




--

--
Hai ricevuto questo messaggio perché sei iscritto al gruppo "Milanosenzafrontiere" di Google Gruppi.
Per annullare l'iscrizione a questo gruppo e non ricevere più le sue email, invia un'email a milanosenzafrontiere+unsubscribe at googlegroups.com.
Per altre opzioni visita https://groups.google.com/d/optout.