[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

lunedì 28 - ore 20 :00 "In viagg io con Che Guevara" di Gianni Minà





lunedì 28 febbraio 2005 - ore 20:00


presenta

In viaggio con Che Guevara

un documentario di
Gianni Minà




SEGUIRA' IL DIBATTITO CON L'AUTORE!


Nel 1952 Ernesto Guevara, studente ventitreenne di medicina, attraversò
l'America Latina con l'amico Alberto Granado, biologo di 29 anni, prima
su una vecchia "Norton 500" e poi in autostop.
Furono giorni di divertenti avventure e di intense esperienze
documentate nei loro diari. Quel viaggio in Argentina, Cile, Perù,
Colombia e Venezuela, però, fece conoscere loro anche la miseria e lo
sfruttamento dei popoli del continente e cambiò la vita dei due amici.
Alberto scelse di essere un ricercatore scientifico al servizio dei più
deboli, Ernesto scoprì la sua vocazione ribelle, tanto che sei anni
dopo, era già, nella rivoluzione cubana, il comandante Che Guevara.
Nel 2002 il regista brasiliano Walter Salles ha scelto di raccontare
questa storia in un film "I diari della motocicletta", prodotto da
Robert Redford e Michael Nozik, in collaborazione con Channel 4 e la
Pathè, che è stato celebrato al Festival di Cannes.
Gianni Minà che, come consulente di Alberto Granado e della famiglia
Guevara, aveva collaborato alla costruzione del film stesso, ha deciso
allora di invitare Granado nei luoghi dove, 50 anni prima, era stato con
il Che. Il risultato dell'affascinante cammino nella sua memoria,
arricchito anche da alcune sequenze e fuori scena del film di Salles, è
questo lungometraggio "In viaggio con Che Guevara", presentato al
Sundance Film Festival e acclamato al Festival di Berlino. I
protagonisti del racconto sono, oltre a Granado, ora ottantunenne
pensionato a Cuba, Walter Salles e i due attori, Gael Garcia Bernal e
Rodrigo De la Serna, che ne "I diari della motocicletta" interpretano i
ruoli di Ernesto e di Alberto.


Produzione: Loredana Macchietti e Massimo Vigliar (G.m.e. Produzioni  e
Surffilm)
Soggetto e sceneggiatura: Gianni Minà
Direttore della fotografia: Roberto Girometti
Tecnico del suono: Boris Herrera Allende
Produzione esecutiva: Loredana Macchietti
Montaggio e post edizione: Domenico Ciaprini
Regia: Gianni Minà
Durata: 120'

Gianni Minà è stato per quarant'anni uno dei più stimati inviati
speciali della RAI, ed ha raccontato, con reportages e inchieste, le
realtà sociali e culturali degli Stati Uniti e dell'America Latina. Nel
1987 ha realizzato uno storico documentario intervistando per 16 ore il
presidente cubano Fidel Castro. Tre anni dopo, nel 1990, lo ha
incontrato nuovamente per un approfondimento dopo il tramonto del comunismo.
Tra i suoi lavori più famosi: Muhammad Alì, una storia americana; Fidel
racconta il Che; Il Che 30 anni dopo; Marcos: "Aqui  estamos", sulla
lunga marcia degli insorti zapatisti attraverso il Messico; Rigoberta
Menchù, una donna Maya per la pace; Diego Maradona: "Non sarò mai un
uomo comune" e C'era una volta il cinema: Sergio Leone e i suoi film, un
documentario dove oltre al regista, intervengono tra gli altri Clint
Eastwood, Robert De Niro, Claudia Cardinale ed Ennio Morricone.


Racconti dal Vero:
a cura di: Agostino Ferrente e Mariangela Barbanente, Greta De Lazzaris,
Gustav Hofer, Margaret Sgaramella, Maria Teresa Tringali,
in collaborazione con: Alessandro Rossetto
segreteria: Margaret Scaramella
supervisione tecnica: Antonio Vignera e Greta De Lazzaris
organizzazione in collaborazione con: Filippo Pichi e Antonio De Matteo
responsabile di  sala: Dina Capozio
ufficio stampa: Anna Maria Granatello (Apollo 11) e Barbara Perversi
(Doc/it)

------------------------------------------------------------------------
L'ingresso e' come sempre libero fino ad esaurimento posti, grazie alla
tessera Apollo 11 (costo 10 EUR) che consente la partecipazione gratuita
a tutta la programmazione annuale.
------------------------------------------------------------------------
Gli indirizzi E-Mail presenti nel nostro archivio provengono da
richieste di iscrizioni pervenute al nostro recapito o da elenchi e
servizi di pubblico dominio pubblicati in Internet, da dove sono stati
prelevati. I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel
rispettodella Legge 675/96.
Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy
L.675/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone
non interessate,
in tal caso basterà inviare una mail a news-unsubscribe at apolloundici.it
con testo e oggetto vuoti.
Abbiamo cura di evitare fastidiosi invii multipli; laddove ciò avvenisse
ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.






lunedì 28 febbraio 2005 - ore 20:00



presenta

In viaggio con Che Guevara

un documentario di
Gianni Minà




SEGUIRA' IL DIBATTITO CON L'AUTORE!



Nel 1952 Ernesto Guevara, studente ventitreenne di medicina, attraversò
l'America Latina con l'amico Alberto Granado, biologo di 29 anni, prima su
una vecchia "Norton 500" e poi in autostop.
Furono giorni di divertenti avventure e di intense esperienze documentate
nei loro diari. Quel viaggio in Argentina, Cile, Perù, Colombia e
Venezuela, però, fece conoscere loro anche la miseria e lo sfruttamento dei
popoli del continente e cambiò la vita dei due amici. Alberto scelse di
essere un ricercatore scientifico al servizio dei più deboli, Ernesto
scoprì la sua vocazione ribelle, tanto che sei anni dopo, era già, nella
rivoluzione cubana, il comandante Che Guevara.
Nel 2002 il regista brasiliano Walter Salles ha scelto di raccontare questa
storia in un film "I diari della motocicletta", prodotto da Robert Redford
e Michael Nozik, in collaborazione con Channel 4 e la Pathè, che è stato
celebrato al Festival di Cannes.
Gianni Minà che, come consulente di Alberto Granado e della famiglia
Guevara, aveva collaborato alla costruzione del film stesso, ha deciso
allora di invitare Granado nei luoghi dove, 50 anni prima, era stato con il
Che. Il risultato dell'affascinante cammino nella sua memoria, arricchito
anche da alcune sequenze e fuori scena del film di Salles, è questo
lungometraggio "In viaggio con Che Guevara", presentato al Sundance Film
Festival e acclamato al Festival di Berlino. I protagonisti del racconto
sono, oltre a Granado, ora ottantunenne pensionato a Cuba, Walter Salles e
i due attori, Gael Garcia Bernal e Rodrigo De la Serna, che ne "I diari
della motocicletta" interpretano i ruoli di Ernesto e di Alberto.


Produzione: Loredana Macchietti e Massimo Vigliar (G.m.e. Produzioni  e
Surffilm)
Soggetto e sceneggiatura: Gianni Minà
Direttore della fotografia: Roberto Girometti
Tecnico del suono: Boris Herrera Allende
Produzione esecutiva: Loredana Macchietti
Montaggio e post edizione: Domenico Ciaprini
Regia: Gianni Minà
Durata: 120'<mailto:b.perversi at tiscali.it>

Gianni Minà è stato per quarant'anni uno dei più stimati inviati speciali
della RAI, ed ha raccontato, con reportages e inchieste, le realtà sociali
e culturali degli Stati Uniti e dell'America Latina. Nel 1987 ha realizzato
uno storico documentario intervistando per 16 ore il presidente cubano
Fidel Castro. Tre anni dopo, nel 1990, lo ha incontrato nuovamente per un
approfondimento dopo il tramonto del comunismo.
Tra i suoi lavori più famosi: Muhammad Alì, una storia americana; Fidel
racconta il Che; Il Che 30 anni dopo; Marcos: "Aqui  estamos", sulla lunga
marcia degli insorti zapatisti attraverso il Messico; Rigoberta Menchù, una
donna Maya per la pace; Diego Maradona: "Non sarò mai un uomo comune" e
C'era una volta il cinema: Sergio Leone e i suoi film, un documentario dove
oltre al regista, intervengono tra gli altri Clint Eastwood, Robert De
Niro, Claudia Cardinale ed Ennio Morricone.



Racconti dal Vero:
a cura di: Agostino Ferrente e Mariangela Barbanente, Greta De Lazzaris,
Gustav Hofer, Margaret Sgaramella, Maria Teresa Tringali,
in collaborazione con: Alessandro Rossetto 
segreteria: Margaret Scaramella
supervisione tecnica: Antonio Vignera e Greta De Lazzaris
organizzazione in collaborazione con: Filippo Pichi e Antonio De Matteo
responsabile di  sala: Dina Capozio
ufficio stampa: Anna Maria Granatello (Apollo 11) e Barbara Perversi (Doc/it)


L'ingresso e' come sempre libero fino ad esaurimento posti, grazie alla
tessera Apollo 11 (costo 10 ¤) che consente la partecipazione gratuita a
tutta la programmazione annuale.

Gli indirizzi E-Mail presenti nel nostro archivio provengono da richieste
di iscrizioni pervenute al nostro recapito o da elenchi e servizi di
pubblico dominio pubblicati in Internet, da dove sono stati prelevati. I
Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispettodella Legge
675/96.
Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.675/96),
ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate,
in tal caso basterà inviare una mail a
<mailto:news-unsubscribe at apolloundici.it>news-unsubscribe at apolloundici.it
con testo e oggetto vuoti.
Abbiamo cura di evitare fastidiosi invii multipli; laddove ciò avvenisse ce
ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.